Header image

Marco Neodo porta alla vittoria il Beverare con un altro gol contro lo Zona Marina, e volta a quota sei punti in cima alla classifica e lo riempie di ottimismo per quello che sarà il seguito della stagione. Tra Boara Polesine e Stientese finisce 1 – 1 con le reti di Capuzzo e Domi, ma la compagine rossoblù ha sicuramente avuto più occasioni per ottenere il vantaggio finale. Il Medio Polesine ottiene la vittoria in casa del Canalbianco grazie ad un’ottima prestazione corale che fissa il risultato sul 3 – 2.

Vittoria di carattere e determinazione per il Crespino – Guarda Veneta di mister Nicola Tosini, che s’imponte per 3 – 2 su un Frassinelle che fa ancora fatica a trovare il risultato, anche se la formazione è ben messa in campo; i gol sono stati realizzati da Cattozzo e doppietta Angeloni per il Crespino, mentre il solito Toffalin del Frassinelle ha trovato due volte la rete. Arriva la prima vittoria stagionale per il Polesine Camerini, che dopo l’esclusione dalla Coppa e il pareggio di inizio campionato, trova un 1 – 0 con la Ficarolese (gol di Paganin), che fa ben sperare per le prossime sfide. Infine la Villanovese di mister Gianmario Pellegrini vince 1 – 0 con gol di Mottin contro l’Union San Martino, che anche quest’anno riparte con tantissime difficoltà e un campionato già in salita.

2. giornata seconda categoria girone H
ALTOPOLESINE – GRIGNANO 2 – 0
BEVERARE – ZONA MARINA 1 – 0
BOARA POL. – STIENTESE 1 – 1
CA’EMO – PAPOZZE 1 – 1
CANALBIANCO – MEDIO POL. 2 – 3
CRESPINO GV – FRASSINELLE 3 – 2
POLESINE C. – FICAROLESE 1 – 0
U.S.MARTINO – VILLANOVESE 0 -1

Giunge alla Quinta edizione la “PEDALATA PER VALORIZZARE L’AMBIENTE E PER LA DIFESA DELLA SALUTE” organizzata dal comitato cittadino San Martino in Salute assieme ai comitati di Ca’ Emo, G.A.I.A di Adria e Terre Nostre di Villadose, e che si terrà DOMENICA 22 SETTEMBRE con partenza dal nostro comune alle ore 14,30; riportiamo di seguito parte del comunicato stampa rilasciato dai comitati:

…Tale iniziativa, nata con lo scopo principale di commemorare a Ca’ Emo la scomparsa di 4 persone a causa dell’incidente avvenuto alla COIMPO, anche questo anno si propone di fare il Focus sulle problematiche ambientali del territorio di Villadose, salita agli onori della cronaca ormai da diverso tempo ed alla ribalta anche in questi giorni grazie a: emissioni odorigene, depuratori intasati, progetto di ampliamento della discarica, et altro….
L’evento è aperto a tutti e si concretizza in un percorso da effettuarsi in bicicletta con il seguente programma:
-partenza da San Martino alle ore 14,30;
-Convergenza dei vari comitati in Piazza Barchessa Villadose alle ore 15,00,
-Breve oratoria e partenza per attraversare i suggestivi paesaggi delle nostre campagne, troppo spesso teatro di scempi ed abusi ambientali, per raggiungere la piazza di Cà Emo verso le 16.00;
-Breve ristoro;
-Momento di commemorazione finale.
Sono previsti servizi “navetta” per il trasporto dei partecipanti e dei loro mezzi per i tragitti di andata e ritorno dai punti di partenza ed arrivo della manifestazione.
In caso di maltempo la manifestazione si terrà domenica 29 settembre.
Ci si augura la più ampia partecipazione.
I comitati.

II pedalata 2019 (1) SPONSOR2019_LIGHT

 

 

 

 

 

 

 

 

fonte: civicovenezze

Per l’avvio del nuovo anno scolastico: il Sindaco Vinicio Piasentini ha voluto inviare a studenti, insegnanti, personale della scuola e genitori la lettera che pubblichiamo di seguito:

“Carissimi,
la partenza di ogni nuovo anno scolastico rappresenta per tutti i soggetti coinvolti, studenti, famiglie, insegnanti, collaboratori, Amministrazione, un nuovo inizio carico di aspettative, di progetti e di traguardi.
Tutti ci sentiamo partecipi e coinvolti nell’affascinante e complessa opera di formazione ed educazione dei nostri ragazzi, riconoscendo, ovviamente, agli insegnanti ed ai genitori i ruoli più delicati ed insostituibili.
Noi amministratori abbiamo il dovere altrettanto importante di creare le condizioni affinché i processi educativi possano svolgersi nei territori di nostra competenza in maniera ottimale.
Come sapete, la nostra Amministrazione ha intrapreso da anni una costante opera di ammodernamento, ristrutturazione e messa in sicurezza degli edifici e delle dotazioni a servizio della scuola, attraverso una pianificazione pluriennale degli investimenti sugli immobili e per l’acquisto di nuove dotazioni elettroniche ed informatiche.
Quest’anno, in particolare, ci siamo concentrati sulla manutenzione straordinaria degli edifici della scuola secondaria (pavimento, attrezzature tinteggiature interne ed esterne della palestra; tetto, finestre, pavimentazione, recinzione, isolamento e tinteggiatura della scuola) e sul completamento dei lavori per l’ottenimento del certificato di prevenzione incendi della scuola primaria, sostenendo una spesa complessiva di 360.000 euro (ora tutte le nostre scuole e le palestre sono dotate di c.p.i.).
Al contempo, recependo e condividendo pienamente i suggerimenti e le proposte del Dirigente Scolastico, abbiamo contribuito alla realizzazione del nuovo laboratorio informatico presso la scuola primaria e all’implementazione del nuovo progetto della “scuola senza aule” presso la secondaria che partirà con l’avvio delle lezioni, posizionandoci fra i primi comuni in Italia ad aver dato avvio a questa innovativa e stimolante modalità di organizzazione della didattica.
Alla scuola dell’infanzia siamo in attesa dell’erogazione del contributo accordatoci dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo per l’avvio dei lavori di rifacimento del parco giochi e del giardino.
Un’ultima ma importantissima iniziativa partirà da settembre grazie alla documentata e illuminante richiesta pervenutaci dagli alunni della scuola primaria: la “scuola libera dalla plastica”. Anche alla mensa della scuola primaria sarà eliminata la plastica, come già avveniva nelle scuole dell’infanzia statale e paritaria, nel segno di una responsabile e attiva collaborazione alla salvaguardia dell’ambiente.
Colgo infine l’occasione per rinnovare la disponibilità di tutta l’Amministrazione a sostenere, partecipare e collaborare, come abbiamo sempre fatto con grande entusiasmo, a tutte le iniziative e ai progetti utili ad arricchire l’offerta formativa delle nostre scuole, augurando a tutti buon lavoro e un proficuo e sereno anno scolastico.”

 

 

 

 

fonte: civicovenezze

Il nostro Comune sostiene la cultura e la presenza Universitaria a Rovigo.
Confermati i percorsi di studio attivati in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova e l’Università degli Studi di Ferrara, che hanno dimostrato di rappresentare una proposta di grande successo.
Il CUR – Consorzio Università Rovigo – presenta l’offerta didattica relativa all’anno accademico 2019/2020, in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova e l’Università degli Studi di Ferrara.
Proseguono i Corsi che preparano le figure professionali degli educatori: innanzitutto, il Corso di laurea triennale in Scienze dell’Educazione e della Formazione, che dopo il primo anno comune, propone due curricula ben distinti, entrambi nettamente professionalizzanti.
Due gli indirizzi: Servizi educativi per l’infanzia e Educazione sociale e animazione culturale.

Per chi vuole specializzarsi c’è il Corso di Laurea Magistrale Interclasse in Management dei Servizi Educativi e Formazione Continua, che prevede una parte in comune e successivamente lo sviluppo di due percorsi differenziati che conducono al conseguimento della laurea nella classe prescelta: Programmazione e gestione dei servizi educativi o Scienze dell’educazione degli adulti e della formazione continua.
Sempre ricca la proposta per le lauree sanitarie, con i Corsi di Infermieristica, Tecniche di Radiologia Medica, ed Educazione Professionale. Il laureato in Educazione professionale svolge la propria attività professionale in strutture e servizi sanitari e socio-educativi pubblici e privati, ad esempio nelle strutture residenziali e semi-residenziali, in Comunità-Alloggio e Centri Diurni per disabili o anziani, nei Distretti, nei Dipartimenti di Salute mentale e nei Ser.T., o può svolgere attività di Educazione alla Salute e di supporto educativo nei reparti ospedalieri e strutture territoriali per pazienti pediatrici, in regime di dipendenza o libero professionale.

Prosegue il Corso triennale in Diritto dell’economia, immediatamente professionalizzante, che forma personale con competenza amministrativa e gestionale da inserire nelle banche, nelle società di assicurazioni e di intermediazione finanziaria, nelle organizzazioni non profit, nelle società di servizi, nella pubblica amministrazione o liberi professionisti.

Chi sceglie Ingegneria avrà la possibilità, a Rovigo, di seguire al 5° anno l’indirizzo in Progetto e Fabbricazione con i Materiali Polimerici del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica, che forma una figura professionale molto richiesta dalle imprese dei comparti manifatturieri di prodotti in materiale polimerico.

Confermata la dimensione internazionale del Corso Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza, grazie alle convenzioni con l’Università di Strasburgo (Francia) e con l’Università di Granada (Spagna). Il corso offre inoltre la possibilità di personalizzare il proprio iter didattico con insegnamenti calibrati sulla realtà produttiva locale. Il rapporto con il territorio si concretizza anche con un’ampia offerta di tirocini pre-laurea.

Collegato all’attuale mercato del lavoro anche il Dottorato in Diritto dell’Unione Europea e ordinamenti nazionali.

PALAZZO ANGELI | PROSSIMA SEDE DI GIURISPRUDENZA
Da quest’anno la città di Rovigo avrà la propria Università in pieno centro. Il Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza dell’Università di Ferrara sarà, infatti, nella nuova sede di Palazzo Angeli. Collocato su Via Angeli, con l’ingresso principale sul centralissimo Corso del Popolo, lo storico edificio è uno dei più importanti di Rovigo.
Sia per la bellezza del progetto in stile neoclassico dell’architetto veronese Francesco Schiavi, commissionato dai conti Angeli di Rovigo e terminato nel 1780. Sia per la storia illustre, che ha visto re e imperatori risiedere nelle stanze che saranno ora popolate dagli studenti di Giurisprudenza.
Di proprietà del Comune di Rovigo e restituito all’uso grazie alla Fondazione Cariparo, la nuova sede di Palazzo Angeli ha aule e spazi appositamente studiati per ospitare le lezioni, le sale studio, i laboratori, la segreteria didattica e la biblioteca giuridica. In ambienti prestigiosi, a misura d’uomo e tecnologicamente all’avanguardia.
Informazioni sui percorsi di studio attivati dal CUR sul sito www.uniro.it

 

 

 

fonte: civicovenezze

PETTORAZZA GRIMANI (Rovigo) – Il Rovigo vince la sua prima partita di campionato, ma i tre punti sono stati tutt’altro che facili da conquistare contro una formazione biancorossa veramente ostica e che fino alla fine non ha mai mollato l’opportunità d’ottenere il pareggio. Segato e Pianta portano lo score sul 2 – 0, ma è il subentrato Grillo, che riapre la partita e rischia addirittura di pareggiarla. Un vero peccato per la neopromossa compagine biancorossa, che ha dimostrato il proprio valore in campo dall’inizio alla fine della partita. Da canto suo la formazione del capoluogo rodigino dimostra che la qualità non manca e che il gioco piano piano sta venendo fuori, con tanti protagonisti in campo. .

Pettorazza Grimani – Rovigo 2 – 1
Pettorazza Grimani: D’Ambrosio, Nordio (11′ st. Nonnato), Zacconella, Bovolenta (37′ st. Bergantin), Tita, Tiozzo, Mazzetto, Bassan (16′ st. Vianello), Munaro (23′ st. Grillo), Bellin, Schiavon. A disposizione: Ferrarese, Boaretto, Casette, Bullo, Bello.
Allenatore: Bergo
Rovigo: Cattozzo, Rizzi, Zamberlan, Dall’Ara, Dainese, Turra, Segato (20′ st. Bisan), Andreello, Musso, Zaghi, Pianta (38′ st. Vicariotto). A disposione: Zecchetin, Roin, Grandi, Nalin, Tomanin, Emmanuel, Riberto.
Allenatore: Pizzo
Arbitro: Lena di Treviso

 

 

 

fonte: RovigoOggi

PETTORAZZA GRIMANI (Rovigo) – Sicuramente non è stato un buon inizio stagionale per il Pettorazza Grimani, che esce anzitempo dal Trofeo Veneto di prima categoria dopo la sconfitta subita in casa domenica scorsa contro un Loreo che è già in ottima forma e che ha fatto vedere la differenza di qualità sul campo. Nulla di grave, di certo la Coppa non era una prerogativa della compagine biancorossa, che ora si sta concentrando per la partita da giocare in casa contro il Rovigo, altra candidata per la vittoria in campionato, domenica 8 settembre alle ore 15.30.
“Non posso rimproverare nulla ai giocatori – spiega il ds Mirco Genovese – in quanto hanno dato tutto loro stessi dall’inizio alla fine della partita e se c’è stato qualche errore è comprensibile”. Specificando poi: “Adesso sappiamo che andremo ad affrontare un’altra partita durissima, contro una formazione che ambisce al salto di categoria, ma soprattutto con tanti giocatori di qualità”. “Noi daremo sicuramente il massimo dal primo minuto, non molleremo mai, anzi, vogliamo far sentire il nostro peso senza mezze misure”.
Concludendo: “L’eliminazione dal Trofeo Veneto dispiace ma non ne facciamo un dramma; continuiamo ad andare avanti senza problemi”. “Domenica mi aspetto un folto pubblico per sostenerci; speriamo di fare il pienone, perchè è quello che si merita una partita di cartello come questa”.

 

 

 

fonte: RovigoOggi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: