Header image

E’ ancora molto viva l’emozione per la perdita di Luca, “giovane guerriero di 36 anni”, avvenuta 2 settimane fa, tanto che il GRUPPO RUNNER di San Martino gli ha dedicato l’evento organizzato in occasione della sagra del prossimo 11 novembre.
IL SANTO DONA IL MANTELLO, è il titolo dell’evento dedicato a LUCA; una camminata ludico motoria che si snoderà lungo due percorsi per i sentieri del paese, il primo di 6KM  il secondo di 10 KM
Domenica 11 novembre ci si ritrova alle 8,30 davanti al municipio in piazza Aldo Moro per effettuare le iscrizioni (al costo di 2 euro) e si partirà alle ore 9,00. Da qui ognuno potrà scegliere il percorso preferito, tra quello di 6Km (percorre Via Marconi, entra in Via Vallona, Via Salgarello, Via Lungo Adige, Via San Giuseppe, Via Carducci, Via Roma;) e quello di 10Km (percorre Via Marconi, entra in Via Vallona, Via Salgarello, Via Custoza (Morosina) , Via Mentana, Via Lungo Adige, Via San Giuseppe, Via Carducci, Via Foscolo, Via Borgo Sud, Via Roma), e la disciplina con la quale  percorrerlo (marcia, corsa, nordic, bici, ecc..); l’importante è partecipare numerosi.
In caso di pioggia la manifestazione sarà annullata.

sdr

10 km

1111244

sdr

6 km

 

 

 

 

 

 

 

fonte: civicovenezze

Hai un talento e non hai il tempo ed i soldi per andare a Tu si que vales? Niente paura.
Sabato 10 novembre alle 21 presso gli stand della fiera in via Dante Alighieri ci sarà la seconda edizione di San Martino Talent Sciò!
Dopo il successo della prima edizione, e il grande divertimento per organizzatori, pubblico e partecipanti, il Gruppo Giovani di San Martino è lieto di dare il via di nuovo alle danze.
SE DESIDERATE METTERVI IN GIOCO, con serietà, o con simpatia, o anche con entrambe…non importa, se volete suonare, ballare, recitare, far ridere, far piangere, contattate i seguenti numeri o mail : 3404510650, 345071963, 3383135607, giovanismv@gmail.com, ENTRO IL 5 NOVEMBRE.
Bellissimi premi per i primi 3 posti.
Se non ve la sentite, COMUNQUE ACCORRETE numerosi, il divertimento tra balli, sketch, canzoni, monologhi e tanto altro, è assicurato!!
Inoltre è disponibile un servizio “ristoro veloce” in loco.
talent

 

 

 

 

 

fonte: civicovenezze

All’improvviso una telefonata: “Jani ‘ne gà lassà!”. Prima lo stupore, poi il dolore. “Ma come, ma se se gavemo visti a maggio….”.
Non era un personaggio famoso, almeno non nel senso generale, era “un amico” classe 1951 che, molto giovane, era emigrato nel torinese e dopo tanti anni tornava a fare una rimpatriata con gli amici d’infanzia.
Addirittura nel 2009 il quotidiano LA VOCE, gli aveva dedicato un articolo, quale simbolo emblematico dell’emigrato che ritorna, si perchè, bisogna dirlo, non tutti lo hanno fatto.
Ecco gli amici del 1951 lo vogliono ricordare con la poesia che il poeta rodigina Arnaldo Pavarin ha inserito nel suo libro “Come orizzonte” dal titolo:
El ritorno de Jiani Cibào (Giovanni Rogato).
Anca se da più tempo – vivo da ti luntan – co’l pensiero – ogni di mi torno-in te ‘sta lengoa – de tera benedeta—longa e streta- dove ca’ so nato- fra lagreme sincere- e tanta emozion-. Drento de mi-sento bàtare – più forte el cuore- da farlo squasi- saltar par fòra.- Tra i ricordi sofegà- e tanta nostalgia—mi da chi- no ‘ndaria più via.
Ecco “Jani”, adesso dai nostri ricordi “no te ‘ndaré più via!”

janic245 gianni gianni_berto_

 

fonte: civicovenezze

Clima di festa a San Martino oggi 25 ottobre per la inaugurazione ufficiale della ristrutturata Stazione dei Carabinieri in Via Marconi.
Alla presenza delle autorità,  civili, militari e religiose, locali e  provinciali, rallegrati dalla festosa presenza di alcuni alunni delle scuole locali,  i cittadini di San Martino hanno potuto assistere alla cerimonia ufficiale, che avviene dopo circa sette mesi dall’effettivo reinsediamento dei militari.
Il sindaco ha sottolineato il carattere di funzionalità e modernità che la Stazione ha acquisito in seguito alla ristrutturazione, e che permette agli occupanti di operare con grande efficienza in un ambiente comodo e gradevole.
Ha poi illustrato lo sforzo che l’amministrazione comunale ha sostenuto supportato in ogni momento sia dai consiglieri di maggioranza che da quelli di minoranza.
Ha infine ringraziato tutti quelli che si sono prodigati per  progettare ed eseguire l’opera nel migliore dei modi, dalle risorse interne a quelle appaltatrici.
Dopo gli interventi del prefetto, del presidente della provincia e e del comandante provinciale, il parroco Don Giuliano Zattarin ha benedetto l’edificio e si è quindi provveduto al taglio del nastro.
I cittadini, poi, sono stati invitati ad entrare per una visita.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 

fonte: civicovenezze

SAN MARTINO DI VENEZZE (RO) – Due giorni dedicati ai colombi. Succederà sabato 27, dalle 8 alle 22, e domenica 28 ottobre dalle 8 alle 18, con la mostra sociale del club colombofilo polesano presso il teatro Tenda in via Marconi di San Martino di Venezze.
Sono già iscritti 483 colombi che verranno giudicati da giudici della Federazione italiana allevatori colombi, verranno esposti animali di rara bellezza sia da carni che ornamentali.
La manifestazione è stata realizzata grazie alla disponibilità dell’amministrazione comunale, della Coldiretti di Rovigo e di Rovigo Banca.

 

 

 

fonte: RovigoOggi

Volge al termine il ciclo di incontri dedicato alla memoria organizzato per il mese di ottobre dalla Unità Pastorale condotta da Don Giuliano Zattarin.
Gli ultimi due appuntamenti porteranno a San Martino la ex senatrice Rosy Bindi ed i Marmaja con alcuni ospiti.
Venerdì 26 ottobre alle ore 21, presso la sala mensa della scuola primaria,  Rosy Bindi ricorderà Aldo Moro (nella ricorrenza del quarantennale dal suo omicidio operato dalle brigate rosse)  nell’incontro dal titolo: Da cristiani in politica, a servizio della democrazia. Ricordiamo che l’anno scorso Rosy Bindi ci ha offerto una appassionata e appassionante memoria di Tina Anselmi.
Sabato 27 ottobre alle ore 21, nella sala mensa della scuola primaria torna  Marmaja con nuovi ospiti.
“Il fuoco, gli amici e la chitarra” è un appuntamento musicale ideato da Marmaja, il cantautore trevigiano Alberto Cantone ed il direttore d’orchestra m° Gianantonio Rossi che, dai primi anni 2000, han dato vita a questa serie di incontri musicali a tema. L’idea è molto semplice: passare una serata, come si faceva in gioventù davanti ad un focolare, a cantar canzoni legate ad un tema comune. Il “fuoco” è quello della canzone d’autore ed il primo fu realizzato a Pezzoli in un’affollatissima serata passata a cantar canzoni di De Andrè. Altri ne seguirono con tematiche sempre diverse, dal canto di protesta a quello d’amore, ospitando di volta in volta sempre nuovi amici, dal trevigiano Leo Miglioranza ai modenesi Tupamaros. Il fuoco che Marmaja, Cantone e Rossi accenderanno il 27 ottobre prossimo a S. Martino di Venezze, nel calendario di incontri proposto da Don Giuliano Zattarin, porterà in Polesine uno spicchio di Genova ospitando il #nogenovatour dei cantautori Max Manfredi e Federico Sirianni. Manfredi è uno dei personaggi storici della canzone d’autore italiana ed ha al suo attivo la partecipazione della voce di Fabrizio De Andrè (che ebbe lusinghiere parole di stima nei suoi confronti) nel suo brano La Fiera della Maddalena.
L’occasione sarà quella di un incontro, di amici intorno al fuoco e le chitarre, per ricordare con affetto il maestro Claudio Lolli.

26_10 27_10

 

 

fonte: civicovenezze

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: