Header image

Avanzo di 360 mila euro, 12 mila al sociale

Articolo del 28.05.2012 - Scritto da civicovenezze in Amministrazione Comunale
SAN MARTINO DI VENEZZE – Semaforo verde all’esame e all’approvazione del rendiconto d’esercizio 2011 e alla relativa applicazione di parte dell’avanzo di amministrazione pari a circa 360 mila euro. Questi i due punti più importanti emersi dall’ultimo consiglio comunale svoltosi mercoledì sera nella sala consiliare di palazzo Mangilli con cinque punti all’ordine del giorno. Nel primo punto il sindaco Piasentini ha esposto tutte le voci relative alla gestione d’esercizio relative all’anno 2011, in cui è emerso un avanzo di 362.549,64 €. Tale cifra comprende 135.023,95 € di fondi vincolati, di cui 103.091,38 € di contributo regionale per lavori nella discarica di via Ceresolo e 31.732,57 € per crediti di Polesine acque. Ulteriori 215.302,26 € di fondi per finanziamento di spese in conto capitale che saranno utilizzati per misure obbligatorie di adeguamento e messa in sicurezza della scuola dell’infanzia di via Maria Teresa Reato, della scuola secondaria di via Alighieri e di asfaltatura di alcune strade del territorio. Infine 12.223,43 € di fondi non vincolati che saranno destinati al settore del sociale. A tal proposito l’assessore ai servizi sociali Anna Maria Barbierato ha esposto l’attività del suo assessorato a un anno dal suo insediamento, evidenziando condizioni di difficoltà e disagio sempre più frequenti nella cittadinanza sanmartinese, ma a cui l’amministrazione ha sempre dato risposta. Le due liste di minoranza hanno chiesto dal canto loro, laddove possibile una riduzione della pressione fiscale ai cittadini e il potenziamento del servizio di assistenza fiscale sull’Imu per agevolare quelle fasce deboli e più in difficoltà con la nuova aliquota.
Gli ultimi tre punti previsti sono stati votati all’unanimità dall’intero consiglio comunale e hanno riguardato le disposizioni di indirizzo in merito alla costituzione di un’unione dei comuni di San Martino, Pettorazza Grimani, Villadose, Gavello, Ceregnano e Villanova Marchesana, la determinazione di riserva del 15 % di alloggi residenziali per una emergenza abitativa e infine, l’autorizzazione alla vendita e determinazione del prezzo di prima cessione di un lotto di terreno in zona Peep “capoluogo est” con soprastante fabbricato.
Fonte: La Voce di Rovigo

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 You can leave a response, or trackback.

Lascia un Commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: