Header image

SABATO 18 GIUGNO 2022 a partire dalle ore 17,30
Il Comune di San Martino di Venezze, assessorato alle pari opportunità, in collaborazione con Gruppo Giovani San Martino, Discobolo e ASD Running San Martino, organizza
PRELUDIO AL SOLSTIZIO D’ESTATE
Una gioiosa promessa di luce che ogni anno si rinnova. Un momento per vivere l’armonia mente – corpo nel movimento, in attesa della giornata mondiale dello Yoga, ricadente il 21 giugno coincidente con il solstizio d’estate.

Il giorno 18 giugno 2022 dalle ore 17,30 presso PARCO VALLONA ( In caso di maltempo presso PALESTRA POLIVALENTE)
le insegnanti di Yoga CRISTINA TADIELLO (Associazione Discobolo) e SEVILAY TUFECKI (ASD Running San Martino),
accoglieranno i partecipanti secondo il seguente programma:
ORE 17,30 INSIEME PER LA CREAZIONE DI UN MANDALA COLLETTIVO
ORE 18,00 VERSO IL SOLSTIZIO CON LA PRATICA DELLO YOGA
ORE 19,15 APERITIVO.
È RICHIESTO UN ABBIGLIAMENTO COMODO CON TAPPETINO E TELO/ASCIUGAMANO
LA PARTECIPAZIONE ALL’EVENTO E’ COMPLETAMENTE GRATUITA.

Per informazioni rivolgersi al comune di San Martino di Venezze ai seguenti contatti: 0425 99048, TEL SEGRETERIA: 042599053
è gradita l’iscrizione al seguente link: https://forms.gle/wTpKqy67bq9P5u6R8.

1806

 

 

fonte: municipium

Sabato 11 giugno ad Adria in Piazza Cavour dalle ore 17,30 alle 20,00 la Rete dei comitati Polesani verrà onorata la memoria di Don Giuseppe Mazzocco con una iniziativa che è stata denominata: “Per sorella madre terra: l’eredità di Don Giuseppe Mazzocco”.

Non porto pesce, ma vi insegno a pescare. In questa frase sta tutto l’impegno di Don Giuseppe Mazzocco, uomo e prete coraggioso e mai domo.
Amare il creato attraverso la difesa dell’ambiente e degli ultimi della terra è stata la sua vita fin che un anno fa ci ha lasciato stroncato da un malore improvviso.

Tra il Polesine (Occhiobello, Beverare e la parrocchia di Carbonara ad Adria come parroco, e nel nostro paese come diacono e vice parroco) e le missioni in Brasile e Mozambico ha svolto la sua opera terrena cercando di offrire spiritualmente e concretamente un esempio alle comunità nelle quali ha servito.

In Brasile, dov’è tuttora amatissimo, conobbe i Sem Terra e si spese per dotare i villaggi di riserve di acqua con cui combattere la siccità.
In Mozambico mise in piedi un progetto di orti sociali per fornire sostentamento e risorse economiche a comunità poverissime.
In Polesine fu in prima fila nello stimolare le vertenze ambientali tra la lotta contro la riconversione a carbone della centrale Enel di Polesine Camerini, la vicenda Coimpo, l’opposizione all’autostrada Transpolesana e diverse altre, riuscendo a raccogliere attorno a se i comitati locali e le associazioni a difesa dell’ambiente a fare fronte comune.

E la Rete dei comitati polesani a difesa dell’ambiente lo ricorderà con una iniziativa in piazza Cavour ad Adria sabato 11 giugno 2022, dalle 17,30 alle ore 20,00, nelle quale presenzieranno Gianfranco Bettin, ambientalista, sociologo e scrittore, Martina Lo Cascio, ricercatrice dell’Università di Padova per la libera agricoltura sociale, Matteo Ceruti, avvocato esperto di diritto ambientale e Albina Pimentel, rappresentante delle comunità brasiliane e autrice della canzone “Meu amigo padre Zè”.
Non mancheranno le testimonianze di rappresentanti dei comitati polesani con cui Don Giuseppe ha collaborato.
I Marmaja offriranno un bellissimo contributo musicale.

Auspichiamo la massima partecipazione in onore di questo sacerdote esempio di impegno e passione spirituale e civile.

volantino_definitivo

 

 

 

 

 

 

 

fonte: civicovenezze

L’Amministrazione Comunale in collaborazione con le associazioni locali intende riproporre, nel corso della primavera, una nuova edizione della tradizionale FESTA DEGLI AQUILONI, che si svolgeva ogni anno sopra l’argine del fiume Adige, con la partecipazione della comunità e delle associazioni locali.
Allo scopo di promuovere ed organizzare una MOSTRA FOTOGRAFICA che sarà realizzata ed esposta contestualmente alla festa, si chiede la collaborazione della cittadinanza per reperire materiali fotografici e ricordi dell’epoca. Le immagini possono essere inviate via mail a biblioteca@venezze.it , indicando nome e cognome e numero di telefono per contatto rapido, oltre ad eventuali ulteriori informazioni utili (anno della fotografia, persone riprodotte, anche ai fini della tutela dei dati personali).
Le fotografie possono essere portate anche presso l’ufficio di Segreteria del Comune, che provvederà a scansionarle e restituirle. Si chiede di trasmettere e/o consegnare i materiali entro il giorno 7 maggio 2022.

 

 

 

 

fonte: comune

Per sostenere l’ANDOS (Associazione Nazionale donne operate al seno) sezione di Rovigo, l’Amministrazione Comunale, con la collaborazione del Gruppo RUNNING San Martino, AVIS AIDO Sezione San Martino, AUSER La Solidarietà, Associazione Culturale “San Martino”, organizza la CAMMINATA IN ROSA, domenica 3 aprile 2022, con ritrovo e partenza da Piazza Aldo Moro tra le 8,30 e le 9,30.

L’iniziativa prevede 2 percorsi, uno da 5 e uno da 10 km, aperti a tutti, con partenza e arrivo in Piazza A. Moro, punti di ristoro a metà percorso e all’arrivo. A tutti i partecipanti sarà consegnato un gadget.
-Il percorso da 10 Km, dopo aver raggiunto Corte Carezzabella per Via Marconi, ritorna verso Vallona, percorre Via Salgarello fino a raggiungere Via Mentana, poi ritorna verso Morosina da dove si inerpica sulla strada arginale dalla quale discende per via Mazzini fino a raggiungere il punto di arrivo.
– Il percorso di 5 km, dopo aver raggiunto Corte Carezzabella per Via Marconi, ritorna verso Via Dante Alighieri passando per via papa Giovanni XXII, raggiunge Via Vallona per andare sulla strada arginale dalla quale discende per Via Mazzini per poi raggiungere il punto di arrivo.

Per la partecipazione è chiesto un piccolo contributo di 4 euro, e, come già accennato, tutto il ricavato delle iscrizioni sarà devoluto a ANDOS Onlus Comitato di Rovigo, Associazione Nazionale donne operate al seno.

Per informazioni e iscrizioni, Gruppo Running San Martino, telefono 3498098532, ufficio segreteria del Comune 042599048.

 

camminata276318248_7084132874994335_6922235092211449743_n FB_IMG_1648466228445 FB_IMG_1648466237208

 

 

 

 

 

 

 

fonte: varie

ROVIGO – Cambio della guardia nell’associazione culturale Nuovi Germogli.

L’avvocato Ezio Conchi, ora ex presidente, ringrazia il Direttivo dell’associazione per avergli consentito per tre anni di organizzare interessanti eventi anche con altre realtà, ma soprattutto per averlo supportato nelle varie iniziative durante il non facile periodo pandemico. “Un ringraziamento anche a tutti i soci – sottolinea Conchi – che con il loro contributo e la loro presenza hanno alimentato la fiamma della cultura e dell’amicizia”.

Il direttivo ha, ora, eletto il nuovo presidente nella persona dell’avvocato Valeria Toso. Il nuovo segretario e tesoriere sono rispettivamente Federica Neodo e Ida Roberta Carrara.

“Valeria Toso – prosegue la comunicazione – è già all’opera per programmare una stagione culturale volta a valorizzare le eccellenze del nostro territorio come da statuto”.

fonte: rovigooggi – rovigoindiretta

Oggi 14 febbraio 2022 ricorreva il centenario della inaugurazione del ponte sul fiume Adige che unisce San Martino di Venezze con Anguillara Veneta, che prima di allora erano collegate con un cosiddetto “passo”.
Le sindache dei due comuni hanno voluto ricordare questa importante ricorrenza con una manifestazione e con la posa, sulle due sponde, di una targa commemorativa (Un ponte lungo un secolo 14 febbraio 1922 – 14 febbraio 2022…).
Questa mattina alla presenza dei parroci delle due comunità frontaliere, dei rispettivi presidenti della provincia e di altri sindaci e sindache dei paesi limitrofi, oltre ad folto gruppo di partecipanti provenienti dalle associazioni e dalla comunità civile dei due paesi, le sindache Sette e Buoso hanno proceduto al taglio contemporaneo del nastro a metà ponte, scambiandosi poi i gagliardetti simbolo dei due comuni.
Quindi prima sulla sponda di San Martino di Venezze e poi su quella di Anguillara Veneta  sono state scoperte le targhe commemorative benedette dai rispettivi parroci.
Infine negli interventi commemorativi finali, è stato ricordato dalle autorità intervenute come un ponte rappresenti molto di più di un semplice manufatto ma sia anche simbolo di unione delle comunità frontaliere, rimarcando poi l’importanza per le provincie di Rovigo e Padova di questa facilitazione che ha portato ad uno sviluppo degli scambi commerciali portando beneficio reciproco.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

fonte:civicovenezze

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: