Header image

Anche a San Martino si partecipa al mese internazionale della prevenzione dei tumori al seno con una iniziativa per tutta la famiglia:
CAMMINATA ROSA SENZA BARRIERE
Si terrà domenica 13 ottobre 2019, organizzata gruppo RUNNING SAN MARTINO, AVIS – AIDO San Martino di Venezze, AUSER “LA SOLIDARIETA'” di San Martino di Venezze e Comune di SAN MARTINO DI VENEZZE – Assessorato ai Servizi Sociali.
La Camminata ROSA SENZA BARRIERE seguirà il seguente
PROGRAMMA:
– ritrovo ore 9,00 presso Piazza Aldo Moro
– ore 9,30 partenza

Il percorso, di circa 5,3km, si snoda principalmente attraverso la parte più nuova del paese e prevede il seguente itinerario:
Via Mazzini, Via Lungo Adige, Via Firenze, Via Milano, Via Venezia, Via Marconi, Via Dante Alighieri, Via Vallona, Via del Melo, Via Bardotti, CORTE CAREZZABELLA, Via Marconi, Via Verdi,  Via Caduti sul lavoro, Via Borgo Sud, Via Roma, Piazza Aldo Moro.
A tutti i partecipanti verrà consegnato un piccolo simbolo dell’iniziativa ed a conclusione è previsto un ristoro gratuito
IN CASO DI MALTEMPO L’INIZIATIVA VIENE ANNULLATA
TUTTA LA CITTADINANZA E’ INVITATA.

 

 

 

fonte: civicovenezze

Oggi Venerdì 20 settembre 2019, le scuole primaria e secondaria  di San Martino hanno aderito, ancora una volta, all’iniziativa Puliamo il Mondo lanciata in Italia da Legambiente.
L’iniziativa quest’anno è stata preceduta dalla cerimonia con la quale l’Amministrazione ha inteso inaugurare i lavori di ristrutturazione della “Scuola Media Statale Dante Alighieri”, ora scuola secondaria di 1^ grado, eseguiti questa estate dopo più di cinquantacinque anni dalla costruzione.
In questo nuovo anno scolastico, a San Martino si dà avvio al progetto pilota “Progetto Scuola Senza Aule”, che prevede una nuova organizzazione nel metodo di insegnamento e studio con aule laboratorio, sul modello anglosassone.
Dopo le cerimonie di rito, i ragazzi, formanti un lungo serpentone di gilet e berretti gialli -attrezzati con sacchi e guanti- si sono avviati ai luoghi assegnati per procedere alla pulizia al termine della quale si sono di nuovo radunati davanti alla scuola per produrre i “sacchi” raccolti.
Infine sono stati presentati lavori e giochi imperniati sul rispetto dell’ambiente e la mattinata è terminata con un canto corale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 

fonte: civicovenezze

Per l’avvio del nuovo anno scolastico: il Sindaco Vinicio Piasentini ha voluto inviare a studenti, insegnanti, personale della scuola e genitori la lettera che pubblichiamo di seguito:

“Carissimi,
la partenza di ogni nuovo anno scolastico rappresenta per tutti i soggetti coinvolti, studenti, famiglie, insegnanti, collaboratori, Amministrazione, un nuovo inizio carico di aspettative, di progetti e di traguardi.
Tutti ci sentiamo partecipi e coinvolti nell’affascinante e complessa opera di formazione ed educazione dei nostri ragazzi, riconoscendo, ovviamente, agli insegnanti ed ai genitori i ruoli più delicati ed insostituibili.
Noi amministratori abbiamo il dovere altrettanto importante di creare le condizioni affinché i processi educativi possano svolgersi nei territori di nostra competenza in maniera ottimale.
Come sapete, la nostra Amministrazione ha intrapreso da anni una costante opera di ammodernamento, ristrutturazione e messa in sicurezza degli edifici e delle dotazioni a servizio della scuola, attraverso una pianificazione pluriennale degli investimenti sugli immobili e per l’acquisto di nuove dotazioni elettroniche ed informatiche.
Quest’anno, in particolare, ci siamo concentrati sulla manutenzione straordinaria degli edifici della scuola secondaria (pavimento, attrezzature tinteggiature interne ed esterne della palestra; tetto, finestre, pavimentazione, recinzione, isolamento e tinteggiatura della scuola) e sul completamento dei lavori per l’ottenimento del certificato di prevenzione incendi della scuola primaria, sostenendo una spesa complessiva di 360.000 euro (ora tutte le nostre scuole e le palestre sono dotate di c.p.i.).
Al contempo, recependo e condividendo pienamente i suggerimenti e le proposte del Dirigente Scolastico, abbiamo contribuito alla realizzazione del nuovo laboratorio informatico presso la scuola primaria e all’implementazione del nuovo progetto della “scuola senza aule” presso la secondaria che partirà con l’avvio delle lezioni, posizionandoci fra i primi comuni in Italia ad aver dato avvio a questa innovativa e stimolante modalità di organizzazione della didattica.
Alla scuola dell’infanzia siamo in attesa dell’erogazione del contributo accordatoci dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo per l’avvio dei lavori di rifacimento del parco giochi e del giardino.
Un’ultima ma importantissima iniziativa partirà da settembre grazie alla documentata e illuminante richiesta pervenutaci dagli alunni della scuola primaria: la “scuola libera dalla plastica”. Anche alla mensa della scuola primaria sarà eliminata la plastica, come già avveniva nelle scuole dell’infanzia statale e paritaria, nel segno di una responsabile e attiva collaborazione alla salvaguardia dell’ambiente.
Colgo infine l’occasione per rinnovare la disponibilità di tutta l’Amministrazione a sostenere, partecipare e collaborare, come abbiamo sempre fatto con grande entusiasmo, a tutte le iniziative e ai progetti utili ad arricchire l’offerta formativa delle nostre scuole, augurando a tutti buon lavoro e un proficuo e sereno anno scolastico.”

 

 

 

 

fonte: civicovenezze

Il nostro Comune sostiene la cultura e la presenza Universitaria a Rovigo.
Confermati i percorsi di studio attivati in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova e l’Università degli Studi di Ferrara, che hanno dimostrato di rappresentare una proposta di grande successo.
Il CUR – Consorzio Università Rovigo – presenta l’offerta didattica relativa all’anno accademico 2019/2020, in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova e l’Università degli Studi di Ferrara.
Proseguono i Corsi che preparano le figure professionali degli educatori: innanzitutto, il Corso di laurea triennale in Scienze dell’Educazione e della Formazione, che dopo il primo anno comune, propone due curricula ben distinti, entrambi nettamente professionalizzanti.
Due gli indirizzi: Servizi educativi per l’infanzia e Educazione sociale e animazione culturale.

Per chi vuole specializzarsi c’è il Corso di Laurea Magistrale Interclasse in Management dei Servizi Educativi e Formazione Continua, che prevede una parte in comune e successivamente lo sviluppo di due percorsi differenziati che conducono al conseguimento della laurea nella classe prescelta: Programmazione e gestione dei servizi educativi o Scienze dell’educazione degli adulti e della formazione continua.
Sempre ricca la proposta per le lauree sanitarie, con i Corsi di Infermieristica, Tecniche di Radiologia Medica, ed Educazione Professionale. Il laureato in Educazione professionale svolge la propria attività professionale in strutture e servizi sanitari e socio-educativi pubblici e privati, ad esempio nelle strutture residenziali e semi-residenziali, in Comunità-Alloggio e Centri Diurni per disabili o anziani, nei Distretti, nei Dipartimenti di Salute mentale e nei Ser.T., o può svolgere attività di Educazione alla Salute e di supporto educativo nei reparti ospedalieri e strutture territoriali per pazienti pediatrici, in regime di dipendenza o libero professionale.

Prosegue il Corso triennale in Diritto dell’economia, immediatamente professionalizzante, che forma personale con competenza amministrativa e gestionale da inserire nelle banche, nelle società di assicurazioni e di intermediazione finanziaria, nelle organizzazioni non profit, nelle società di servizi, nella pubblica amministrazione o liberi professionisti.

Chi sceglie Ingegneria avrà la possibilità, a Rovigo, di seguire al 5° anno l’indirizzo in Progetto e Fabbricazione con i Materiali Polimerici del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica, che forma una figura professionale molto richiesta dalle imprese dei comparti manifatturieri di prodotti in materiale polimerico.

Confermata la dimensione internazionale del Corso Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza, grazie alle convenzioni con l’Università di Strasburgo (Francia) e con l’Università di Granada (Spagna). Il corso offre inoltre la possibilità di personalizzare il proprio iter didattico con insegnamenti calibrati sulla realtà produttiva locale. Il rapporto con il territorio si concretizza anche con un’ampia offerta di tirocini pre-laurea.

Collegato all’attuale mercato del lavoro anche il Dottorato in Diritto dell’Unione Europea e ordinamenti nazionali.

PALAZZO ANGELI | PROSSIMA SEDE DI GIURISPRUDENZA
Da quest’anno la città di Rovigo avrà la propria Università in pieno centro. Il Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza dell’Università di Ferrara sarà, infatti, nella nuova sede di Palazzo Angeli. Collocato su Via Angeli, con l’ingresso principale sul centralissimo Corso del Popolo, lo storico edificio è uno dei più importanti di Rovigo.
Sia per la bellezza del progetto in stile neoclassico dell’architetto veronese Francesco Schiavi, commissionato dai conti Angeli di Rovigo e terminato nel 1780. Sia per la storia illustre, che ha visto re e imperatori risiedere nelle stanze che saranno ora popolate dagli studenti di Giurisprudenza.
Di proprietà del Comune di Rovigo e restituito all’uso grazie alla Fondazione Cariparo, la nuova sede di Palazzo Angeli ha aule e spazi appositamente studiati per ospitare le lezioni, le sale studio, i laboratori, la segreteria didattica e la biblioteca giuridica. In ambienti prestigiosi, a misura d’uomo e tecnologicamente all’avanguardia.
Informazioni sui percorsi di studio attivati dal CUR sul sito www.uniro.it

 

 

 

fonte: civicovenezze

E’ giunta ormai alla 9^ edizione la manifestazione La Notte Bianca delle Biblioteche, voluta dalla Provincia e dal Sistema bibliotecario Provinciale, che avrà luogo Venerdì 6 settembre e che quest’anno è dedicata al 50^ anniversario dallo sbarco sulla Luna.
Tra la quarantina di biblioteche coinvolte, quella di San Martino la quale, sul piazzale in Via M.T. Reato, presenta il seguente  programma:
ore 16.00 – VELOCE COME UN RAZZO Laboratorio di costruzione creativa per bambini fino a 7 anni
a cura di POP OUT s.r.l. di Rovigo

Ore 18.00 – SPEGNI LA LUCE E ACCENDI LA LUNA
Laboratorio creativo e di pittura con vernice luminescente per bambini da 8 a 12 anni
a cura di POP OUT s.r.l. di Rovigo

Ore 21.00 – PROIEZIONE FILM “IL PICCOLO PRINCIPE” (in caso di maltempo proiezione al FORUM SAN MARTINO)
Dalle ore 21.00 alle ore 23.00 APERTURA STRAORDINARIA BIBLIOTECA COMUNALE con servizio di prestito

Modulistica di iscrizione ai laboratori  al seguente indirizzo http://www.comune.sanmartinodivenezze.ro.it sezione news

 

 

 

 

fonte: civicovenezze

Proprio in centro alla frazione di Beverare in quest’ultima primavera è stata demolita la Corte Carrari, la storica corte situata dirimpetto alla chiesa della frazione. Ciò che però molti si domandano è per quale motivo è stata demolita e soprattutto quale sarà il futuro di questa zona.
Nel 2008 la corte era stata acquistata da un’azienda che fa capo a Mario Altoè ed il programma era quello di demolirla e costruire appartamenti e negozi, ma con la crisi  edilizia rimase tutto fermo. A questo punto nel 2017 fu fatta una perizia per constatare la solidità della struttura, che aveva già visto il crollo dei solai. Venne riscontrato il 70% di possibilità di crollo della struttura e proprio per questo il sindaco Vinicio Piasentini decise di emanare un’ordinanza per la demolizione della struttura.
Dopo il transennamento del lato strada per garantire la sicurezza dei passanti, si e dovuto interrare un cavo enel agganciato al manufatto e che fornisce energia elettrica a tutta Beverare.
A questo punto la corte è stata demolita a partire dal marzo 2019, ma le macerie continuano a rimanere in loco e dovranno essere tolte il prima possibile. È proprio il primo cittadino di San Martino di Venezze, Vinicio Piasentini, che commenta: “Abbiamo fatto tutto quello che serviva per mettere in sicurezza la zona, dato che la corte non poteva continuare a rimanere in quella zona”. Proseguendo: “Adesso le macerie dovranno essere tolte dai proprietari del terreno e si spera che un po’ alla volta si riesca ad ottenere un risultato maggiore per noi e per il nostro territorio”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: