Header image

SAN MARTINO DI VENEZZE (Rovigo) – Tennis sempre protagonista a San Martino di Venezze (Rovigo).

La scorsa settimana, infatti, è andata in archivio la 13esima edizione del torneo di singolo organizzato dal locale circolo Tennis Fun, svoltosi nei mesi di luglio e agosto.

Ben 22 i partecipanti che si sono sfidati sul manto degli impianti sportivi del paese in riva all’Adige. A contendersi il titolo di campione sono stati Massimo Celio e Fabio Bido. Celio, infatti, si è aggiudicato la finale in tre set, piegando il rivale 0-6, 6-3, 6-4, laureandosi il vincitore di questa 13esima edizione.

Manifestazione che ha riscosso un notevole successo di consensi e di partecipanti. E come ogni anno, il circolo sanmartinese Tennis Fun, dopo il torneo estivo di singolo, a settembre organizzerà il consueto torneo di doppio, per chiedere la stagione col botto.

 

 

 

fonte: Rovigo.news

C’è grande gioia in paese, soprattutto a Palazzo Corni. La notizia circola da qualche giorno ed ha riempito gli animi di orgoglio. Alex Maron, 14 anni, giovane promessa del calcio, è stato ingaggiato nientemeno che dal Padova Calcio.

Proprio così, un salto di qualità, che ha riempito i famigliari del ragazzo di orgoglio verso quello che era il loro piccolo calciatore in erba e che ora sta iniziando una nuova fase della sua vita calcistica. Alex infatti entrerà tra le fila del settore Giovanissimi del Padova e non sta più nella pelle, non vede l’ora di iniziare questa nuova avventura, nuovi compagni, nuovi allenatori, un nuovo mondo ma soprattutto perché il suo idolo, Del Piero, ha iniziato la sua carriera proprio nel Padova.

Al settimo cielo il nonno, Claudio Conforto. “Alex aveva fatto due o tre provini negli anni precedenti, uno con il Torino e uno con il Sassuolo, ma è stato l’ultimo, quello di giugno, ad essere davvero decisivo per la selezione al Padova – ha spiegato – Lo scorso anno ha giocato con il Rovigo e per Alex è stata una bella esperienza formativa che lo ha sicuramente aiutato a raggiungere questo importante traguardo e a realizzare il suo sogno nel cassetto. Nella precedente stagione, grazie alle sue capacità, ha messo in rete ben quaranta gol”.

Alex Maron ha manifestato la sua passione fin dalla tenera età e i primi calci al pallone ha iniziato a darli a soli due anni. Vista la sua predisposizione i genitori, Diego Maron ed Erika Conforto, lo hanno iscritto al Pettorazza, poi al Cavarzere dove è stato inizialmente nei Primi calci e poi nei Pulcini. Altri tre anni li ha trascorsi al Rovigo dove ha militato tra le fila degli under 12, 13 e 14 ed è rimasto con la società fino alla notizia del passaggio al Padova.

A maggio ha partecipato al trofeo giovanissimi memorial “Cesare Martellozzo” ed è stato premiato come miglior giocatore. “Quello che posso dire che è che Alex è il mio orgoglio – ha continuato il nonno – Io naturalmente sono di parte perché sono il nonno, ma tutti gli allenatori di Rovigo e anche gli amici che sono andati a vederlo hanno detto che è molto bravo, io ne vado fiero e tanto orgoglioso”. Alex Maron adesso inizierà una nuova avventura al Padova Calcio.

“Speriamo che tutto vada bene e che proseguirà con la sua passione sempre in modo positivo – ha concluso il nonno – in famiglia siamo tutti appassionati di calcio. Io sono stato dirigente del Beverare 30 anni fa e seguo il mondo del calcio fin da piccolo. Il padre di Alex giocava con il Pettorazza e anche lo zio giocava”. Oltre ad essere un ottimo calciatore Alex, mette il massimo del suo impegno anche a scuola ed è uscito dalle medie con il 10. A settembre inizierà quindi le superiori e frequenterà il primo anno di ragioneria di Rovigo. Sarà un anno impegnativo per Alex, ma la sua grinta e il suo impegno non lo faranno sicuramente demordere, perché si sono aperti per lui dei bellissimi e nuovi orizzonti.

 

 

 

fonte: LaVoceRovigo

Domenica 14 novembre, organizzata dal Gruppo ASD Runnig di San Martino di Venezze in collaborazione con UISP ed il comitato marcia Padova, si tiene la terza edizione della camminata ludico/sportiva non competitiva “Il Santo dona il mantello” .
L’iniziativa, la cui ultima edizione risale al 2019, è nata per onorare la memoria di Sandro, Luca e Alessio prematuramente scomparsi e che tanta commozione avevano suscitato fra gli amici e la popolazione del paese tutta.
La camminata, aperta a tutti, prevede due percorsi uno di circa 7 Km e l’altro di circa 12, entrambi con partenza libera dalle ore 8,00 alle ore 9,00 dalla Piazza Aldo Moro e con chiusura entro le 12,30 con arrivo sempre davanti al Municipio.
E’ prevista una quota di iscrizione di 3 euro a persona  per i singoli e di 2 euro a persona per i gruppi con almeno 10 componenti (che si devono pre- iscrivere entro venerdì 12 novembre ore 19,30); all’atto dell’iscrizione deve essere consegnato un modulo firmato contenente anche l’autocertificazione ai fini Covid. (per velocizzare le operazioni di iscrizione si può precompilare il relativo modulo scaricandolo al seguente link scheda iscr..)
Lungo i percorsi saranno predisposti dei punti ristoro.
Per rispetto delle norme di contrasto al Covid deve essere indossata la mascherina al momento dell’iscrizione ed all’avvicinamento ai punti di ristoro.
L’ASD Running San Martino è a disposizione per qualsiasi chiarimento alla pagina Facebook Running Sanmartino ed ai numeri 3498098532, 3405976656.

percorso di 7 Km:  Partenza piazza A. Moro, via Roma, piazzetta Gramsci, via Borgo sud, via Caduti sul lavoro, svolta a sinistra su Via Marconi, si entra in Corrte  Carezzabella, si sbuca in via Vallona svolta a sinistra  fino a Via Salgarello, si entra nei campi di Pigato e Brogiato fino a Via Custozza (Morosina), poi verso la strada arginale alla discesa della Chiesa si ritorna in Piazza A. Moro.

percorso di 12 Km:  Partenza piazza A. Moro, via Roma, piazzetta Gramsci, via Borgo sud, via Caduti sul lavoro, svolta a sinistra su Via Marconi, si entra in Corrte  Carezzabella, si sbuca in via Vallona svolta a sinistra  fino a Via Salgarello, si entra nei campi di Pigato e Brogiato fino a Via Custozza, si taglia per Via Mentana poi verso la strada arginale alla discesa della Chiesa si ritorna in Piazza A. Moro.

 

 

fonte: civicovenezze

 

 

 

 

 

Una partita tra vecchi amici per ricordare due ragazzi che non ci sono più, un memorial per Luca Cazzadore e Sandro Fedito, due grandi juventini.
Venerdì sera al campetto della località Ca’ Donà,  è andata in scena una partitella tra amici di vecchia data, divisi fra juventini, milanisti e interisti, per rendere omaggio a due ragazzi del paese, mancati troppo presto: Luca Cazzadore, scomparso tre anni fa all’età di 36 anni per problemi al cuore, e Sandro Fedito, mancato 2 anni e mezzo fa, a 40 anni, per un male incurabile, accomunati da una grande passione, la Juve.
E così è nata l’idea di organizzare una partitella tra una ventina di amici che non si incontravano da un po’, per rendere omaggio a Luca e Sandro.
Suddivisi in juventini da una parte, lo zoccolo duro e più numeroso, e milanisti e interisti dall’altra, ne è uscita una partita divertente e combattuta. Alla fine gli juventini l’hanno spuntata per 5-2, ma il risultato è passato in secondo piano, dato che lo scopo era stare tutti assieme.
La serata è proseguita con una pizza in compagnia in un ristorante del posto, assieme ad altri amici e ai famigliari e parenti di Luca e Sandro; una cinquantina di persone che si sono ritrovate, accomunate da una grande amicizia nei confronti di due ragazzi, rimasti nel cuore di tutti, con un ulteriore scopo, raccogliere un’offerta da devolvere in beneficenza. E l’obiettivo è stato centrato, dato che sono stati racimolati 500 euro, donati alla Caritas parrocchiale di San Martino e Beverare.

san-martino-di-venezze-3-2

 

 

 

 

 

 

fonte: RovigoOggi

Destra Adige 2021, la neonata società rivierasca presieduta da Carlo Pavanini, sorta quest’estate dalla fusione tra Union San Martino e Beverare, ha schierato ai nastri di partenza ben quattro categorie giovanili, con una cinquantina di tesserati, oltre alla prima squadra.
I più piccoli sono i Primi calci, con le annate 2013-2014, di cui fanno parte anche tre bambine, seguiti da Cristian Spada; a seguire la categoria Pulcini, con le annate 2011 e 2012, allenati da Massimo Suman; gli Esordienti, con le annate 2009 e 2010, diretti da Johnny D’Alesio e, infine, gli Allievi provinciali allenati da Mario Terrentin.
La prima squadra, condotta da “Encio” Gregnanin, disputa il campionato di Prima categoria, inserita nel girone G, assieme alle altre due polesane Pettorazza e Tagliolese, oltre a Cavarzere, Cartura, Torre, Pontecorr, Janus, Sacra Famiglia, Montegrotto, San Pietro, San Marco, Codevigo e Due Stelle.
Dopo le prime quattro giornate, i biancorossoblu si trovano al terzo posto a quota 6, assieme a Torre, Pontecorr e Janus, dietro alla capolista Cavarzere con 12 punti e a Cartura e Sacra Famiglia con 8. In quattro partite i ragazzi di Gregnanin hanno ottenuto due vittorie (6-3 sui cugini e rivali del Pertorazza e 2-1 fuori casa domenica scorsa con lo Janus) e due sconfitte con Cavarzere (2-1) e San Marco (1-0). Domenica prossima i rivieraschi se la vedranno contro i padovani dell’Odm San Pietro tra le mura amiche del “Celestino Celio” di San Martino.
Per la Destra Adige 2021 del presidente Pavanini sarà l’anno zero, per ripartire con nuovo entusiasmo e nuove energie, offrendo la possibilità a numerosi bambini e ragazzi di crescere in compagnia, tra divertimento e rispetto reciproco, e per la prima squadra disputare un campionato ostico ma suggestivo come la Prima categoria, per fare esperienza, ma facendosi valere anche contro formazioni più blasonate e giocarsela sempre fino in fondo.

destra-adige-prima-categoria-2

 

 

fonte: RovigoOggi

Originario di San Martino, Mirvano Mazzetto è il nuovo presidente provinciale della Federazione Ciclistica Italiana. Questo quanto scaturito dall’assemblea provinciale, tenutasi nei giorni scorsi, che ha visto tutte le società, aventi diritto al voto, presenti all’assise. Rimarrà in carica per il quadriennio olimpico 2021/2024. Mirvano Mazzetto succede a Franco Pittalis che ha guidato il comitato provinciale in questo ultimo quadriennio. A tal proposito, il neo eletto, oltre a tessere parole di elogio verso il suo predecessore lo ha ringraziato per il lavoro svolto. Mirvano Mazzetto da oltre vent’anni è al servizio del ciclismo.

Ha iniziato il suo percorso come dirigente di società nel Villadose Angelo Gomme, società in cui il proprio figlio Matteo ha mosso le prime pedalate da atleta. Successivamente, come lo è tuttora, è approdato al Gc Bosaro Emic dove ricopre la carica di consigliere. In questo ultimo quadriennio è stato consigliere provinciale Fci (ha ricoperto la carica di vicepresidente del Comitato Provinciale) nonché componente della Commissione Giovanile Regionale Fci.

Durante i lavori dell’assemblea, è stato rinnovato anche il consiglio provinciale. Sono stati eletti: Graziano Barbierato (già presidente provinciale dal 2009 al 2016 e segretario del Comitato Regionale Veneto in questo ultimo quadriennio), Michele Grotto (al suo terzo mandato come consigliere provinciale), Eddy Paviato e Matteo Sarto. I lavori dell’assemblea sono proseguiti con la votazione dell’evergreen Vittorino Gasparetto, quale delegato provinciale all’assemblea elettiva ordinaria nazionale, in programma nel mese di febbraio 2021.

 

 

 

 

fonte: RovigoOggi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: