Header image

M’illumino di meno 2019, il comune di San Martino aderisce.

Articolo del 26.02.2019 - Scritto da civicovenezze in Ambiente | Amministrazione Comunale | Eventi | Notizie

M’illumino di Meno è la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, ideata nel 2005 da Caterpillar e Rai Radio2 per chiedere ai propri ascoltatori di spegnere tutte le luci che non sono indispensabili. Un’iniziativa simbolica e concreta che fa del bene al pianeta e ai suoi abitanti.
M’illumino di Meno torna il primo Marzo 2019 ed è dedicata all’economia circolare. L’imperativo è riutilizzare i materiali, ridurre gli sprechi, allontanare “il fine vita” delle cose. Perché le risorse finiscono, ma tutto si rigenera: bottiglie dell’acqua minerale che diventano maglioni, carta dei giornali che ritorna carta dei giornali, una cornetta del telefono diventa una lampada, fanghi che diventano biogas. Dall’inizio di M’illumino di Meno, in 15 anni, il mondo è cambiato.
L’efficienza energetica è diventata un tema economico rilevante e le lampadine ad incandescenza che Caterpillar invitava a cambiare con quelle a risparmio energetico, adesso, semplicemente, non esistono più. Ma spegnere le luci e testimoniare il proprio interesse al futuro dell’umanità resta un’iniziativa concreta, non solo simbolica, e molto partecipata.
Si spengono sempre le piazze italiane, i monumenti – la Torre di Pisa, il Colosseo, l’Arena di Verona -, i palazzi simbolo d’Italia – Quirinale, Senato e Camera – e tante case dei cittadini. Si sono spenti per M’illumino di Meno la Torre Eiffel, il Foreign Office e la Ruota del Prater di Vienna. In decine di Musei si organizzano visite guidate a bassa luminosità, nelle scuole si discute di efficienza energetica, in tanti ristoranti si cena a lume di candela, in piazza si fa osservazione astronomica approfittando della riduzione dell’inquinamento luminoso.
Il Comune di San Martino di Venezze, come negli anni precedenti, aderisce all’iniziativa spegnendo simbolicamente le luci di vie e piazze del capolugogo e della frazione di Beverare, per testimoniare l’importanza del risparmio energetico ed un utilizzo consapevole delle risorse. Il Comune è già da tempo impegnato in una attività di efficentamento energetico, con la sostituzione programmata delle lampade della pubblica illuminazione con punti luce a tecnologia LED.
Il comune di San Martino ha bisogno che i cittadini aderiscano attivamente alla filosofia del riciclo, del riuso e della differenziazione spinta, visto che negli ultimi tempi abbiamo perso posizioni nella classifica di “ricicloni” e che siamo anche stati bacchettati dalla Ecogest.

 

 

fonte: civicovenezze

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: