Header image

Seduta del Consiglio comunale di Giovedì 10 febbraio 2011

Articolo del 18.02.2011 - Scritto da civicovenezze in Amministrazione Comunale | Notizie

Municipio di San Martino di Venezze - Palazzo Mangilli su Piazza Aldo MoroNella seduta consigliare di giovedì 10 febbraio 2011 che vedeva come punti all’ordine del giorno la presa d’atto dei verbali della precedente seduta, la ricognizione delle partecipazioni del comune in società finalizzata al loro mantenimento o cessione, l’incompatibilità del ruolo di consigliere all’interno del consiglio comunale e la comunicazione del prelievo dal fondo di riserva.
Gli assenti del consiglio per la trattazione degli argomenti da discutere erano Irene Tiozzo e Renato Bettonte. Tutti i punti sono stati approvati dalla sola maggioranza ad eccezione del secondo punto sulla causa di incompatibilità del consigliere Bettonte che è stato votato dall’intera maggioranza più dai Consiglieri di minoranza di Aria Nuova Giavara Giancarlo e Vinicio Piasentini, astenuti gli altri incluso Tobaldo Luciano.
L’incompatibilità sollevata al consigliere Bettonte è inerente alla realizzazione di un parcheggio e di una zona di sosta per l’autobus, su un area di proprietà di Bettonte ma già servita da opere pubbliche. Il Comune tramite gli uffici di competenza ha attivato la procedura di esproprio come previsto dalla legge per la realizzazione dell’opera, mentre il Dott. Bettonte Renato ha ricorso al T.A.R.
Renato BettonteL’Art. 63 D.LGS. del 18 Agosto 200 n. 267 prevede che un consigliere in causa con l’Amministrazione Comunale non possa ricoprire cariche pubbliche all’interno del medesimo comune. Per poter continuare a ricoprire tale carica, il consigliere Bettonte dovrà chiedere la rimozione del contenzioso nei confronti del Comune di San Martino di Venezze, pena le dimissioni per legge e l’esclusione da qualsiasi lista per le future elezioni amministrative di maggio.
Per quanto riguarda le società partecipate dal Comune, risulta una piccola quota di partecipazione di capitali alla società Attiva SpA (ex Cosecon), la San Martino Green SpA che è in liquidazione e Polesine Acque SpA, società con capitale interamente pubblico. La comunicazione del prelievo dal fondo di riserva è dovuto al fatto che nel periodo invernale sono serviti dei soldi per interventi straordinari per la manutenzione stradale causa nevicate.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 You can leave a response, or trackback.

Una risposta al commento



Lascia un Commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: