Header image

Stefano Buoso: “Il derby? Sarà battaglia vera”

Articolo del 07.09.2012 - Scritto da civicovenezze in Sport
L’ex Pettorazza, ora al San Martino, parla del big match di domenica
SAN MARTINO DI VENEZZE – Mancano pochi giorni all’inizio del campionato di Seconda categoria nel girone H polesano, al via domenica. Una delle partite di cartello della prima giornata è il “derby dell’Adige” tra San Martino e Pettorazza, che ritorna dopo diverse stagioni ad infiammare le tifoserie. Squadre infarcite di ex da una parte e dall’altra. Tra le fila dell’Union San Martino troviamo il nuovo arrivo, ex Pettorazza, del sanmartinese doc Stefano Buoso, giovane centrale giunto alla corte di mister Pigato, reduce da quattro stagioni in biancorosso, tra cui una promozione dalla Terza alla Seconda. Approfittiamo dell’occasione per fargli alcune domande in vista del big match di domenica.


Stefano, dopo quattro stagioni giocate a Pettorazza, con una promozione conquistata, domenica ritroverai i tuoi ex compagni per un derby dal sapore speciale. Emozionato?
“Devo dire che la sfida è molto affascinante ed emozionante. A Pettorazza ho vissuto momenti bellissimi, ricordi indimenticabili, ma è comunque un derby, quindi sarà battaglia vera”.
Come mai la scelta di lasciare lo spogliatoio biancorosso, dove hai vissuto momenti e vittorie importanti, per venire a San Martino?
“In verità è stata una decisione difficilissima da prendere, ma dopo la scorsa stagione ho capito che lo spazio per me sarebbe stato limitato. Non è ipocrisia, ma dopo stagioni da titolare, ritrovarmi spesso in panchina non è stato facile. Ho deciso quindi di venire a San Martino per vivere una nuova avventura calcistica”.
Con l’Union San Martino avete già centrato due vittorie nelle prime due gare ufficiali di Coppa Veneto. Com’è il clima spogliatoio in vista del derby?
“Una delle motivazioni che mi hanno portato a San Martino è proprio lo spogliatoio. Qui c’è armonia, ma anche spirito di sacrificio. Il clima è carico, noi tutti siamo vogliosi di scendere in campo per dimostrare il nostro valore”.
Come ti trovi con mister Pigato e com’è la tua condizione fisica?
“Il rapporto è molto buono. A San Martino fra mister e giocatori c’è un dialogo continuo. Flavio è un ottimo allenatore, preparato, ma soprattutto sa parlare con noi. Fisicamente sto recuperando da una distorsione alla caviglia dopo la prima di Coppa, ma conto di recuperare al 100 % per la sfida di domenica”.
Conosci bene il Pettorazza. Qual’è secondo te, il loro punto di forza e chi temi di più?
“Credo che il Pettorazza quest’anno abbia un ottimo collettivo, in ogni ruolo, ma la sua vera forza è il non arrendersi mai, in virtù del dodicesimo uomo in campo, cioè la loro tifoseria. Per quanto riguarda i nomi, credo che il dinamismo di Piva e la regia di Celio siano il motore della squadra. E ovviamente occhio al vecchio volpone’Poppi’ Braggion là davanti”.
La vostra arma in più, invece?
“Il nostro punto di forza è la voglia di venire a giocare, di stare insieme. Qui si è stimolati a fare sempre di più, a superare i propri limiti. Inoltre, credo che la fantasia di Montecchio, il peso ‘specifico’ di Dal Gesso e l’estro di Granziero e Bellin, ci daranno molte soddisfazioni quest’anno”.
Qual’è il vostro obiettivo stagionale?
“Principalmente puntiamo a far vedere chi siamo, quanto valiamo ogni volta che scendiamo in campo, poi, in quanto matricola, puntiamo a fare un ottimo campionato, con un obiettivo principale che è la salvezza”.
Il vostro è un bel girone. Delle 16 polesane, quale vedi più attrezzata per il salto di categoria?
“Direi che quest’anno sarà un campionato molto duro e combattuto con molte pretendenti al titolo, tra cui Crespino, Villanovese, Badia, San Marco e Pettorazza. Credo che fare un pronostico su una squadra soltanto sia difficile”.
Domenica ritroverai tanti vecchi ex compagni, nonché attuali amici, come il sanmartinese Ivan Rossi. Come vivi i giorni che ti separano dal derby?
“In verità ogni giorno vedo o sento qualcuno dei miei ex compagni. Proprio ieri Ivan Rossi mi ha scritto che non avrebbe mai voluto giocare contro di me. Comunque la settimana pre-derby sta passando serenamente, anche se la partita di domenica per me ha un valore speciale”.
Infine, in barba alla scaramanzia, se dovessimo scommettere alla storica ricevitoria di San Martino da ‘Puntato’, su chi ci consiglieresti di puntare e con quale risultato? 
“Da ‘Puntato’ solitamente non si scommette sulla propria squadra, si è troppo coinvolti (sorride). Credo comunque che domenica si affronteranno due ottime squadre. Sarà una bellissima partita. Se dovessi puntare sull’uomo-derby, credo sarà il mio amico Alessandro Bellin”.
Fonte: La Voce di Rovigo

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 You can leave a response, or trackback.

Lascia un Commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: