Header image

La  manifestazione “San Martino sotto le stelle”, l’ormai tradizionale appuntamento di luglio organizzato dall’amministrazione comunale con le associazioni locali, questo anno avrà luogo nella struttura polivalente inaugurata il 29 giugno scorso e chiamata “Forum San Martino”, assumendo anche il nuovo indirizzo di “Piazzale Sandro Pertini”.
Gli appuntamenti previsti sono due ed avranno luogo venerdì 12 e domenica 14 luglio alle ore 21 secondo il seguente programma:
-VENERDI’ 12 LUGLIO ORE 21:  Serata di magia per bambini con il Mago Fedele.
-DOMENICA 14 LUGLIO RE 21: Concerto di musiche degli anni ’60 ’70 ’80- con la MOM Tribute Band.

Saranno, quindi, gli eventi rodaggio per la nuova struttura per la quale si confida in una intensa utilizzazione da parte sia dell’amministrazione comunale che delle associazioni del luogo e non, per eventi di qualsiasi tipo e genere; come sollecitato dall’amministrazione stessa al momento della inaugurazione.Locandina San Martino sotto le stelle completo

2019_sotto_le stelle 2019_sotto_le stelle1

fonte: civicovenezze

Dopo “Nono contame de…” (San Martino dal 1935 al 1951), pubblicato in diverse edizioni tra la fine del 2012 e la primavera 2013, ora Albino Boreggio ha dato alle stampe la sua seconda fatica: “Racconti, ricordi, fatti, aneddoti, de San Martin (di Venezze)”. Entambi parlano della storia di San Martino di Venezze vista dagli “occhi” (o per meglio  dire:  sentita dalla bocca) dei protagonisti stessi, non quindi un rracconto in terza persona, ma sentimenti, ricordi, storie di chi li ha vissuti; il primo copre il periodo 1935-1951 il secondo 1951-1975.
Chi desiderasse averne una copia, al costo di 13 euro, può contattare la biblioteca di San Martino 0425467131, oppure la cartoleria Peter Pan 042599406, oppure l’autore 3457755197.
La sera del 20 febbraio 2015 abbiamo partecipato alla presentazione dell’opera, e ci  affidiamo alle parole dell’assessora Ilenia Francescon per capirne il suo valore.

La cultura è in assoluto un valore fondamentale e rappresenta forse il più grande “bene immateriale” di cui l’uomo possa disporre.Un ruolo, che nella difficile contingenza di questo periodo, diventa decisivo per il riscatto civile e sociale del nostro Paese.
La raccolta di interviste sul periodo 1951-1975 contenuta nel libro “Racconti, ricordi, fatti, aneddoti, de San Martin (di Venezze)”, entra per la via maestra nel novero degli appuntamenti che l’Amministrazione comunale dedica alla valorizzazione delle tradizioni e alla riscoperta delle nostre radici, con tutto l’immenso fascino delle suggestioni che esse sanno riproporci.
Questo libro cerca di parlare a tutti con lo scopo di ricordare o di raccontare a chi non c’era cose importanti che più ci accomunano.
Per le persone innamorate del proprio Paese non è giusto rischiare di perdere tanti momenti significativi che hanno accompagnato la vita di ieri di tanti nostri cittadini.
Non “fissare” questi ricordi sarebbe stato come depauperare il Paese di qualcosa che gli appartiene, qualcosa che è parte di sé stesso.
 Per questo, quando un’Amministrazione locale, a qualsiasi livello, sviluppa o favorisce azioni di salvaguardia e di valorizzazione dell’identità culturale, lo fa con profondo senso di gratitudine e rispetto nei confronti della popolazione; perché è allora che la cultura diventa quel “valore aggiunto” che arricchisce un territorio.
Il volume dedicato a racconti, ricordi, fatti, aneddoti di San Martino, permette che aspetti del passato diventino lo specchio in cui riflettere, nella logica del continuo divenire, il legame fra l’oggi e le proprie radici.

Credo che libri come questo consentano alla collettività di riappropriarsi del suo più autentico patrimonio di identità, rappresentando una sicura opportunità affinché il nostro presente, rivisitando il nostro passato, ci consenta di preparare un futuro migliore.
Ilenia Francescon (Assessorato alla Cultura).

fonte: civico venezze

Doppio appuntamento a San  Martino Di Venezze per il giorno della memoria. Quest’anno due sono le inziative organizzate per commemorare “la giornata della memoria”.
Martedi 27 gennaio, presso la sala parrocchiale Papa Giovanni Paolo II alle ore 21, ci sarà  la proiezione del film: TRAIN DE VIE; pellicola del  1998 presentata alla mostra del cinema di Venezia, dove ha ottenuto ampi consensi. L’evento è organizzato dal gruppo Giovani.

Venerdi’ 30 gennaio alle ore 21, presso la sala mensa della scuola primaria, in Via Marconi, ci sarà la presentazione del libro “”L’EROE INVISIBILE. RICORDO DI GIORGIO PERLASCA”
Budapest: inverno 1944-1945. La guerra sta per finire, ma non le sue atrocità. Gli ebrei rimasti intrappolati nella capitale sono costretti a nascondersi, a mentire, a subire assalti e deportazioni da parte dei soldati nazisti tedeschi e ungheresi. In questa triste vicenda si inserisce la storia di Giorgio Perlasca, commerciante di carni italiano che si ritrova per lavoro in Ungheria quando arrivano i tedeschi. La situazione drammatica degli ebrei cui assiste quotidianamente gli fa maturare l’idea di opporsi, in qualunque modo, a tanta ferocia. Grazie ad un falso passaporto fornitogli dall’ambasciata spagnola, Perlasca si dichiara console spagnolo e fornisce autentiche lettere di protezione agli ebrei che si rifugiano negli edifici di proprietà dell’ambasciata. Si tratta di una lotta contro il tempo per salvare quelli che i nazisti pensavano fossero circa trecento ebrei, mentre in realtà erano più di cinquemila. Perlasca gli procura cibo, salva molti ragazzi dai cosiddetti “treni della morte”, mentendo e rischiando ogni giorno la sua vita. Alla fine della guerra, quando rientra a casa a Padova, Perlasca non racconta a nessuno, neppure ai suoi familiari, la sua vicenda e così per molto tempo il segreto rimarrà tale. Solamente molti anni dopo, verso la fine degli anni Ottanta, un gruppo di donne ungheresi comincia a cercarlo e allora la sua storia farà il giro del mondo…
AUTORI:Luca Cognolato è insegnante in un istituto superiore di Padova;
Silvia Del Francia è una libraia e si occupa da diversi anni di promozione della lettura.
Insieme raccontano una storia intensa e vera, rimanendo fedeli alle testimonianze lasciate da Giorgio Perlasca. In fondo al libro è presente anche un ricordo del figlio, Franco Perlasca. Un libro bellissimo e toccante per i ragazzi, ma perfetto anche per iniziare a raccontare la Shoah ai bambini più piccoli.
Per l’occasione in biblioteca sono stati allestiti due scaffali tematici (bambini, ragazzi e adulti) sulla Shoah: romanzi, saggistica, DVD.
L’evento è organizzato dalla Biblioteca in collaborazione con Il Movimento Libera-Mente.

eroe invisibile train_de_vie_un_treno_per_vivere_lionel_abelanski_radu_mihaileanu_001_jpg_bifa

 

 

 

 

 

fonte: civico venezze

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: