Header image

SAN MARTINO DI VENEZZE (RO) – Terribile schianto sul muro per un 21enne che lavora per la Bartolini. E’ grave, ma non in pericolo di vita. Sul posto i Carabinieri, i Vigili del fuoco e il Suem. I Vigili del fuoco ci hanno messo un’ora per estrarlo dall’abitacolo del furgone, il 21enne che stava transitando a San Martino di Venezze intorno alle 17 e 30 di martedì 9 luglio, sulla strada che conduce a Pettorazza.
Ha fatto tutto da solo impattando con il furgone della Bartolini sul muro di una proprietà per ben due volte tra Cà Donà e Beverare.
Il giovane di Anguillara Veneta (Padova) è grave, ma per fortuna non sembra in pericolo di vita. Quando il personale del Suem, i Carabinieri e i Vigili del fuoco, intervenuti con due mezzi, sono arrivati, è stato anche allertato l’elisoccorso.
Grandi emozioni e reazioni ha suscitato l’accaduto sulla popolazione del luogo che si vedono impotenti di fronte ad accadimenti di questo genere e portata.

 

 

 

 

fonte: rovigo oggi

SAN MARTINO DI VENEZZE (RO) – Ha sfondato la recinzione di una villetta a San Martino di Venezze con una Toyota Yaris, a bordo erano in tre, ma per fortuna non si sono feriti gravemente.
Paura nella serata di martedì 29 gennaio in via Cà Donà, per cause ancora in via di accertamento l’automobilista ha perso il controllo della vettura distruggendola sulla recinzione in muratura.
Sul posto i Vigili del fuoco, il personale del Suem e i Carabinieri della compagnia di Rovigo guidati dal capitano Giovanni Truglio.

 

 

fonte: Rovigo Oggi

San Martino di Venezze (Ro) – I carabinieri sono andati a soccorrerlo, perché, nella tarda serata di martedì 16 gennaio, giaceva, secondo questa ricostruzione dei fatti, esanime, a terra, in via Ca’ Donà, a San Martino di Venezze. Il marocchino di 33 anni, però, senza fissa dimora, al suo risveglio avrebbe reagito malissimo alla presenza dei militari: li avrebbe offesi, avrebbe rifiutato di fornire le generalità e si sarebbe scagliato a calci e pugni contro di loro, provocando anche traumi, per fortuna leggeri. Tre i giorni di prognosi per i due militari.
Il personale del Radiomobile lo ha bloccato, messo in sicurezza e arrestato. Nel primo pomeriggio di mercoledì 17 gennaio comparirà di fronte al giudice Raffaele Belvederi per la convalida dell’arresto ed, eventualmente, il processo per direttissima. Il suo comportamento sarebbe stato provocato anche dall’alcool: al momento dell’arresto pare fosse ubriaco.

Arresto convalidato e condanna a dieci mesi, senza la sospensione condizionale della pena: questa la sentenza pronunciata dal giudice Raffaele Belvederi, del Tribunale di Rovigo, nel caso del marocchino di 33 anni arrestato perché, secondo le contestazioni, avrebbe attaccato due carabinieri che, nella serata di martedì 16 gennaio, lo avevano soccorso, dopo averlo trovato a terra esanime, ubriaco.
Nel pomeriggio è comparso di fronte al giudice per la convalida dell’arresto e il successo processo per direttissima, che ha visto il giovane difeso dall’avvocato Marco Zanini di Rovigo.

 

 

 

fonte: rovigo oggi

Adria (Ro) – Martedì 31 ottobre, a conclusione indagini per il reato di furto, i carabinieri della dipendente stazione di San Martino di Venezze, hanno rinvenuto all’interno di un capannone agricolo in località Ca’ Emo del comune di Adria, un motocoltivatore e una batteria per trattore agricolo, che i malfattori avevano ben nascosto dopo averlo rubato da un fondo agricolo situato in località Ca’ Donà di San Martino di Venezze di proprietà di un 80enne residente a Padova.
Il furto sarebbe stato commesso tra sabato 28 e lunedì 30 ottobre 2017 ad opera di ignoti i quali dopo aver rotto in lucchetto che era posto su un cancello di accesso al fondo agricolo, si introducevano nel cortile dell’abitazione rurale del pensionato. Qui, secondo una prima ricostruzione, dal garage asportavano alcuni attrezzi agricoli nello specifico una trincia per trattore agricolo un motocoltivatore un trapano e una batteria per trattore agricolo.
Il materiale rinvenuto veniva successivamente restituito all’avente diritto previo riconoscimento operato attraverso la denuncia di furto che era stata presentate al comando della stazione Carabinieri di San Martino di Venezze.

 

 

fonte: RovigoOggi

Domenica 11 settembre l’Associazione AVIS AIDO, in collaborazione con Movimento SAn Martino in Salute e cocn Gruppo Pensionati San Marrtino, aggiunge carne al fuoco al già ricco programma di manifestazioni ed eventi di questo settembre.
“Se inizia pedalando se finisse magnando”; con questo motto, infatti, per la ventesima volta l’associazione raccoglie iscritti e non per una manifestazione ciclo-turistica alla scoperta dei dei nostri luoghi fra campagna e corti.
Il ritrovo è previsto alle 8, 15 al parcheggio antistante le scuole Primarie di Via Marconi, per le iscrizioni, quindi ci sarà un breve intervento del parroco Don Giuliano per una benedizione ed un augurio.
La partenza è prevista per le ore 9,30 diretti a Beverare dove ci sarà un punto ristoro presso il bar Pioppa a Palazzo Corni; il giro prosegue sul perimetro del paese fino a raggiungere La sede del Gruppo Pensionati a CA’ Dona’ verso le ore 13, dove si terrà il pranzo; al termine del quale si terrà una lotteria con premi messi gentilmente a disposizione dalle attività commerciali del paese e non.
E’ prevista una offerta di partecipazione pari a 10 (dieci) euro, per i maggiori di 10 anni, che comprende: colazione, pranzo, assicurazione ed un gadget ricordo.
In caso di maltempo la manifestazione sarò rimandata alla domenica successiva.
biciclettata IMPAGINATO 2016 (1)

fonte: civicovenezze

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: