Header image

Festa davanti al seggio dopo lo spoglio a San Martino di VenezzeL’elettorato sanmartinese ha promosso Vinicio Piasentini mentre, Pierpaolo Barison e Tiziano Bonato sono stati clamorosamente “bocciati”. Una bocciatura, quella di questultimi, in un certo qualmodo voluta. Piuttosto di unire le forze, i due ex sindaci, si sono presentati ognuno con una propria lista e questo ha giocato a favore di Vinicio Piasentini che, nonostante i timori della vigilia, è andato sul velluto. Il candidato di “Nuova Venezze” (una lista civica nata da un mix di Aria Nuova, Governare Insieme per San Martino e una parte del Partito Democratico) ha piazzato la “botta” vincente surclassando i diretti e temuti avversari. Mentre da una parte si festeggiava (circa duecento persone tra simpatizzanti e sostenitori si sono intrattenute, nel dopo elezione, con il neosindaco Vinicio Piasentini), dall’altra ci si leccava le ferite. Pierpaolo Barison, candidato per Democrazia per San Martino, si aspettava un risultato migliore. “Purtroppo è uscito uno scontro tra il centrodestra e il centrosinistra –ha commentato l’ex sindaco- e noi siamo stati schiacciati in mezzo. Quando si perde non ci sono scusanti, l’unica cosa buona e che apprezzo è stata la grande mole di lavoro portata avanti dai giovani. Sono sincero, mi aspettavo un risultato migliore però, alla fine, si deve accettare anche questo genere di verdetto.
Abbiamo fatto un grosso errore di base: certi personalismi devono essere messi da parte e lasciare agli altri il compito di andare avanti. Al neo sindaco Piasentini, che già ho avuto modo di complimentarmi personalmente, un grosso in bocca al lupo e auguri di buon lavoro”. Tiziano Bonato, candidato a sindaco sostenuto dal Pdl e Lega, sostiene che quando si gioca, uno vince e l’altro…perde pertanto, onore ai vincitori. Senza dubbio non tutto ha girato per il verso giusto. “Stiamo ancora analizzando l’esito di questa consultazione elettorale –ha esordito Bonato- la nostra sconfitta è arrivata perché gli elettori hanno dovuto dividersi per sostenere il centro e il centrodestra. C’è stata una
suddivisione di voti che hanno, come era pensabile, favorito il centrosinistra. Per quanto riguarda il futuro ritengo ci sia da ricostruire una classe dirigente e politica nuova che rappresenti a pieno titolo questa area politica.
Con il sindaco Piasentini non mi sono ancora complimentato, lo farò il prima possibile”. Ed è stata un lunedì diverso quello vissuto a casa Piasentini. Contentissima mamma Olga e soddisfatti tutti i suoi familiari in
particolare la signora Laura. “E’ una soddisfazione enorme –ha detto Vinicio Piasentini- e devo dire grazie, oltre che agli elettori e a tutta la squadra che mi ha sostenuto, alla mia famiglia che ha condiviso questo impegno, che mi ha supportato quotidianamente con grande affetto e sostegno morale”.
Nella mattinata di martedì, il suo primo giorno da sindaco. “Lo sto vivendo in maniera serena –ha precisato- in quanto devo ancora entrare nei meccanismi del palazzo. Mi sento addosso la grande responsabilità che mi hanno
affidato i miei concittadini e farò di tutto per non deluderli”.

Fonte: Il Gazzettino di Rovigo del 16.05.2011 – Graziano Barbierato

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: