Header image

Vinicio Piasentini Candidato Sindaco per Nuova Veneze a San Martino di VenezzeGetta acqua sul fuoco, il sindaco Vinicio Piasentini risponde alle accuse fatte dal consigliere di minoranza Tiziano Bonato e spiega i prossimi passi che l’amministrazione di San Martino di Venezze farà. A distanza di pochi giorni il sindaco Vinicio Pasentini replica alle affermazioni fatte dal consigliere di minoranza Tiziano Bonato. “Le trovo inesatte” spiega. Il primo cittadino spiega che l’amministrazione non ha contratto nessun mutuo sino ad oggi. “Stiamo ultimando il progetto che porterà alla sostituzione di tutte le lampade per l’illuminazione pubblica – spiega Piasentini – questa operazione si auto manterrà, perchè la rate del mutuo che andremmo a contrarre sarà ripagata con il risparmio delle nuove lampade a led”. Per la questione dell’ecocentro Piasentini spiega che ha invitato ad un tavolo di confronto Ecogest, “che deve verificare la fattibilità del nuovo sito, poi noi amministratori dovremmo capire se potremmo aumentare la tariffa dei rifiuti ai nostri cittadini”. Infine Piasentini spiega la situazione dell’asilo nido. “Non intendiamo aprire nessun asilo nido nuovo o realizzare nuove strutture. Però l’intenzione sarebbe quella di favorire il nascere di una nuova struttura privata, casa nido, a Beverare, la frazione dove questo servizio necessità maggiormente”.

Fonte: www.rovigooggi.it 28 ottobre 2011

Le lampade obsolete della pubblica illuminazione verranno sostituite con quelle a led.
Bonato critica la chiusura del servizio interno di refezione scolastica. Pisentini “Si risparmierà il 50%”

Vinicio Piasentini Candidato Sindaco per Nuova Veneze a San Martino di VenezzeSAN MARTINO DI VENEZZE – Terzo consiglio comunale dell’era Piasentini svoltosi venerdì sera nella sala consiliare di Palazzo Mangilli, alla presenza di tutti i consiglieri di maggioranza e opposizione.
Punto importante è stato l’esame e l’approvazione di modifica al programma triennale di lavori pubblici 2011-2013 e l’elenco annuale 2011. L’assessore ai lavori pubblici Roberto Merlin ha sottolineato la necessità di provvedere da subito alla sostituzione del 50% delle lampade ai vapori di mercurio dell’illuminazione pubblica sparse sul territorio, per rimpiazzarle con quelle a led in grado di far risparmiare circa 12mila euro all’anno. Il consigliere di minoranza Tiziano Bonato intervenendo in merito ha espresso parere favorevole alle finalità del progetto, ma contrarietà all’accensione di un mutuo ventennale. Messa ai voti, l’approvazione e l’immediata eseguibilità del progetto ha visto nove voti favorevoli della maggioranza e quattro astensioni da parti dei quattro consiglieri di opposizione. L’immediato punto seguente ha riguardato la variazione di bilancio di previsione 2011, in cui Piasentini ha elencato le varie voci in aumento e diminuzione dei vari capitoli, tra cui la modifica del servizio di refezione interna della mensa scolastica, passato in gestione alla ditta Serenissima con la riduzione delle spese del 50%. Dopo la disamina, il consigliere di opposizione Tiziano Bonato ha ribadito su alcuni punti poco o per nulla trattati come il sociale, la scuola, la biblioteca, soffermandosi maggiormente sulla chiusura del servizio di refezione, manifestando a Piasentini la scarsa comunicazione alle famiglie dei bambini, invitandolo a una riunione pubblica con i genitori, in cui lo stesso Piasentini si è reso disponibile ad accogliere le eventuali richieste. Bonato ha espresso perplessità in merito al servizio di trasporto scolastico a Pettorazza e soprattutto alla mancanza dell’ecocentro, concludendo che la variazione di bilancio risulterebbe contabile ma poco rivolta allo sviluppo della comunità. Anche la lista Democrazia per San Martino del capogruppo Beggiao ha chiesto a Piasentini maggiori delucidazioni sulla scelta dell’assegnazione del servizio di refezione alla ditta Serenissima. Messa ai voti, la variazione di bilancio è stata approvata con nove voti favorevoli della maggioranza, due contrari (lista Per San Martino Bonato sindaco) e due astenuti (lista Democrazia per San Martino). Le altre questioni all’ordine del giorno sono state tutte approvate. Negli ultimi due punti Bonato ha chiesto spiegazioni in merito alla questione delle tariffe del servizio idrico e in particolar modo alla sezione Primavera (bambini da 1 a 3 anni) della scuola paritaria dell’infanzia Santa Maria Goretti di Beverare che quest’anno non è stata attivata. Piasentini ha ribadito che tale sezione non ha ricevuto dalla Regione i finanziamenti necessari all’apertura, ma il Comune si è impegnato ugualmente a erogare un contributo di 8mila euro per mantenere attiva la scuola per i bambini dai 3 ai 5 anni.

Fonte: La Voce di Rovigo

Vinicio Piasentini Candidato Sindaco per Nuova Veneze a San Martino di VenezzeSAN MARTINO DI VENEZZE (Rovigo) – Asilo nido sì ma senza costruire nuove strutture. Il sindaco di San Martino di Venezze, Vinicio Piasentini, replica alle critiche dell’opposizione mosse in consiglio comunale, in merito ai temi che hanno scaldato la seduta in aula (leggi articolo). Oltre all’asilo, anche l’ecocentro era stato oggetto di attacchi alla giunta, accusata di aver fatto “sparire” il progetto dalle linee programmatiche dell’amministrazione. Su entrambe le questioni, il primo cittadino spiega che tutto dipende “dalle reali esigenze dei cittadini” per questo si farà un’indagine tra i residenti.
“Esiste già un nido-famiglia – spiega Piasentini – che accoglie 7 bambini ed è sostenuta dai contributi della Regione Veneto. Se dall’indagine emerge che l’asilo nido è una necessità e ci sono tante richieste, allora i costi di una nuova struttura sarebbero coperti”. In alternativa, Piasentini ipotizza di utilizzare le ex scuole elementari di Beverare, nel caso il Ceod, aperto a gennaio 2010 (leggi articolo) si trasferisse a Rovigo.
L’ecocentro per la raccolta di rifiuti ingombranti come frigoriferi e televisori, era situato vicino al depuratore delle acque reflue ed è stato chiuso a gennaio 2011. Il sindaco spiega: “Si trovava in un luogo non idoneo e non aveva le caratteristiche per continuare a funzionare”. I costi per aprirne un altro sono elevati, circa 250 mila euro, secondo Piasentini, e ricadrebbero sulle spalle dei cittadini perché aumenterebbe la tariffa di asporto rifiuti a carico delle famiglie. In alternativa all’ecocentro, comunque, esiste il servizio porta a porta a chiamata, compreso nell’attuale tariffa, “per questo l’amministrazione ha bloccato il progetto della nuova discarica” conclude il sindaco.

Fonte: www.rovigooggi.it del 26.07.2011 – Elisa Barion

Tiziano Bonato candidato sindaco per San Martino di VenezzeSAN MARTINO DI VENEZZE – Consiglio comunale infuocato quello di sabato 9 luglio a San Martino di Venezze, dato che dalle linee programmatiche dell’amministrazione è sparita la realizzazione dell’asilo nido e del nuovo ecocentro.
Eppure, l’asilo nido era inserito tra le priorità del programma elettorale di Vinicio Piasentini. Durante la seduta in sala consiliare, invece, l’opposizione ha scoperto che non si farà e ha contestato su questo punto il programma.
Tiziano Bonato fa sapere di aver chiesto spiegazioni al sindaco: “Perché non si faranno? In particolare l’ecocentro: Roberto Merlin, predecessore di Piasentini, attuale assessore in giunta aveva dichiarato che il progetto aveva ottenuto anche un finanziamento”. Mancanza di risorse è la risposta data all’aula. “Perché allora – chiede Bonato – sono stati promessi ai cittadini? Merlin, essendo l’ex sindaco, sapeva perfettamente quali sono le risorse a disposizione del Comune, doveva sapere cosa si può fare e cosa no, invece di fare promesse inutili”. Il consigliere di opposizione aspetta il verbale del consiglio, che sarà pubblicato a giorni, e ne distribuirà una copia ad ogni famiglia del comune, “in modo che sappiano che le loro aspettative sono state tradite”. Dopo la discussione sulle linee programmatiche, Bonato ha presentato un’interrogazione ed una mozione alla giunta relative alla manutenzione della scuola materna statale di San Martino “che ancora non è stata eseguita” puntualizza, e alla scuola di Beverare che rischia la chiusura per mancanza di iscritti. La mozione, invece, chiede che il sindaco relazioni al consiglio la situazione di Polesine Acque e come cambierà il servizio idrico interrato dopo il referendum dello scorso 12 giugno. Entrambe le questioni saranno inserite nell’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale che però non è ancora stato fissato.

 

Fonte: www.rovigooggi.it del 19.07.2011 – Elisa Barion

Roberto MerlinIl sindaco di San Martino di Venezze, Roberto Merlin, interviene in merito a quanto affermato dal candidato del Pdl Tiziano Bonato e dal segretario provinciale della Lega Nord, Antonello Contiero, nell’intervista pubblicata il 30 aprile sul nostro giornale. “In relazione alla proposta di attivazione del servizio di videosorveglianza sul nostro territorio avanzata dai due esponenti politici, è appena il caso di ricordare che la mia Amministrazione ha già sottoscritto in data 14/10/2010 una convenzione ad oggetto: Distretto di Polizia Locale RO2B con il comune di Rovigo, in attuazione delle deliberazioni dei Consigli Comunali di Rovigo e San Martino del 29/09/2010 e 30/09/2010, che prevede una stretta collaborazione di entrambe le polizie municipali per il controllo e la sorveglianza del nostro territorio e, proprio in virtù di tale convenzione, la Regione Veneto ha erogato un contributo al distretto pari a € 166.320, di cui € 50.000 per l’installazione di strumenti per la video-sorveglianza nel comune di San Martino di Venezze”.
Esordisce il sindaco, che aggiunge “mi dispiace che il candidato del Pdl non sia a conoscenza di questo, ma non sono stupito più di tanto perché, purtroppo, i consiglieri del Pdl Legnaro e Neodo che sono di nuovo in lista con Bonato hanno quasi sempre disertato i Consigli Comunali ed, evidentemente, non hanno potuto riferire al loro capolista le tante cose già fatte dalla mia amministrazione.” Merlin ci riferisce poi in merito al problema dell’ecocentro. “Ho sentito, in questi giorni di campagna elettorale, che sia Bonato che Barison propongono agli elettori la riapertura dell’eco-centro di Via Borgo Sud. Devo precisare, nella mia qualità di primo cittadino, che la decisione di chiudere i cosiddetto ”eco-centro” non è stata certamente dettata dall’intenzione di creare problemi alla cittadinanza, ci mancherebbe!.
Purtroppo tale sito, e i due candidati entrambi ex sindaci dovrebbero ben saperlo, non era mai stato adatto allo scopo e non poteva continuare ad essere utilizzato senza i necessari adeguamenti. Abbiamo già effettuato approfonditi studi per individuare un’area più appropriata e quantificato le spese per la riattivazione che ammontano a circa 250.000 euro. Abbiamo già preso contatti con Ecogest per vagliare l’ipotesi di pervenire alla realizzazione del manufatto attraverso un’anticipazione dell’investimento da parte della società stessa. Comunque la convenzione con Ecogest soddisfa attualmente la totalità delle richieste di smaltimento dei materiali ingombranti delle famiglie”. Il sindaco conclude il suo intervento con un accenno anche al tema della viabilità. “Il 24 luglio 2009 è stato approvato lo schema di accordo tra la provincia di Rovigo ed i comuni di San Martino, Gavello, Ceregnano, Villadose e Rovigo per la realizzazione del collegamento stradale che si dipartirà dal nostro Comune per congiungersi con la futura “Nogara-Mare”.

Fonte: La Voce di Rovigo del 03.04.2011

Lega Nord e PDL siglato accordo per le Amministrative 2011 a San Martino di VenezzeSAN MARTINO DI VENEZZE – Antonello Contiero e Cristiano Corazzari lanciano il candidato sindaco della coalizione Pdl – Lega per San Martino di Venezze. Pronto con il simbolo che racchiude i due partiti del centrodestra, Bonato svela anche i primi punti del programma per “portare a San Martino la ventata di cambiamento di cui ha bisogno”. Da sanmartinese, Contiero parla di un “Comune fermo per cinque anni, autoisolato e bisognoso della fiducia che solo un candidato stimato come Tiziano Bonato può offrire”. I punti del programma per rilanciare San Martino passano sicurezza, videosorveglianza, politiche di sostegno demografico e appoggio della Regione nella misura in cui, sottolinea Cristiano Corazzari, esiste una continuità tra il Comune e gli organismi politici regionale e nazionale: “Bonato è il candidato quindi – dichiara Corazzari – che meglio garantisce la connessione con gli enti superiori”.

“Al paese di San Martino in questi anni è mancata una rete – spiega Tiziano Bonato – che permetta di programmare su piani sovramunicipali la viabilità per esempio. Basti pensare allo sviluppo della viabilità di Villadose che deve proseguire per San Martino. Oltre a questo i cittadini ci chiedono videosorveglianza vicino alle scuole e nelle zone sensibili; chiederemo alla Regione i finanziamenti a progetti specifici. Vogliamo anche riattivare il servizio dell’Ecocentro, insomma vogliamo un Comune che torni alla normalità”. Altri punti, legati all’associazionismo e al sociale saranno sviluppati nei prossimi giorni.

Fonte: La Voce di Rovigo del 30.04.2011

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: