Header image

Festa davanti al seggio dopo lo spoglio a San Martino di VenezzeL’elettorato sanmartinese ha promosso Vinicio Piasentini mentre, Pierpaolo Barison e Tiziano Bonato sono stati clamorosamente “bocciati”. Una bocciatura, quella di questultimi, in un certo qualmodo voluta. Piuttosto di unire le forze, i due ex sindaci, si sono presentati ognuno con una propria lista e questo ha giocato a favore di Vinicio Piasentini che, nonostante i timori della vigilia, è andato sul velluto. Il candidato di “Nuova Venezze” (una lista civica nata da un mix di Aria Nuova, Governare Insieme per San Martino e una parte del Partito Democratico) ha piazzato la “botta” vincente surclassando i diretti e temuti avversari. Mentre da una parte si festeggiava (circa duecento persone tra simpatizzanti e sostenitori si sono intrattenute, nel dopo elezione, con il neosindaco Vinicio Piasentini), dall’altra ci si leccava le ferite. Pierpaolo Barison, candidato per Democrazia per San Martino, si aspettava un risultato migliore. “Purtroppo è uscito uno scontro tra il centrodestra e il centrosinistra –ha commentato l’ex sindaco- e noi siamo stati schiacciati in mezzo. Quando si perde non ci sono scusanti, l’unica cosa buona e che apprezzo è stata la grande mole di lavoro portata avanti dai giovani. Sono sincero, mi aspettavo un risultato migliore però, alla fine, si deve accettare anche questo genere di verdetto.
Abbiamo fatto un grosso errore di base: certi personalismi devono essere messi da parte e lasciare agli altri il compito di andare avanti. Al neo sindaco Piasentini, che già ho avuto modo di complimentarmi personalmente, un grosso in bocca al lupo e auguri di buon lavoro”. Tiziano Bonato, candidato a sindaco sostenuto dal Pdl e Lega, sostiene che quando si gioca, uno vince e l’altro…perde pertanto, onore ai vincitori. Senza dubbio non tutto ha girato per il verso giusto. “Stiamo ancora analizzando l’esito di questa consultazione elettorale –ha esordito Bonato- la nostra sconfitta è arrivata perché gli elettori hanno dovuto dividersi per sostenere il centro e il centrodestra. C’è stata una
suddivisione di voti che hanno, come era pensabile, favorito il centrosinistra. Per quanto riguarda il futuro ritengo ci sia da ricostruire una classe dirigente e politica nuova che rappresenti a pieno titolo questa area politica.
Con il sindaco Piasentini non mi sono ancora complimentato, lo farò il prima possibile”. Ed è stata un lunedì diverso quello vissuto a casa Piasentini. Contentissima mamma Olga e soddisfatti tutti i suoi familiari in
particolare la signora Laura. “E’ una soddisfazione enorme –ha detto Vinicio Piasentini- e devo dire grazie, oltre che agli elettori e a tutta la squadra che mi ha sostenuto, alla mia famiglia che ha condiviso questo impegno, che mi ha supportato quotidianamente con grande affetto e sostegno morale”.
Nella mattinata di martedì, il suo primo giorno da sindaco. “Lo sto vivendo in maniera serena –ha precisato- in quanto devo ancora entrare nei meccanismi del palazzo. Mi sento addosso la grande responsabilità che mi hanno
affidato i miei concittadini e farò di tutto per non deluderli”.

Fonte: Il Gazzettino di Rovigo del 16.05.2011 – Graziano Barbierato

Vinicio Piasentini Candidato Sindaco per Nuova Veneze a San Martino di VenezzeE’ al suo secondo tentativo verso la scalata di primo cittadino. La prima volta nel 2006 a capo della lista civica “Aria Nuova per San Martino”. Si ripropone in questa occasione nel segno della continuità e dell’innovazione. In sintesi raccoglie i frutti dell’esperienza amministrativa condotta da alcuni suoi componenti appartenenti ai gruppi Governare Insieme per San Martino, Aria Nuova e Partito Democratico in questo ultimo quadriennio. Vinicio Piasentini è nato a San Martino di Venezze il 3 ottobre 1962, coniugato con la signora Laura, è padre di due figli: Matteo e Davide. Tributarista, consulente aziendale e conciliatore professionale. Il rugby la sua grande passione (disciplina sportiva che ha praticato in età giovanile) e adesso grande tifoso della FemiCZ Rovigo ( nelle partite interne della squadra rodigina non fa mancare mai il suo apporto). Molto legato alla famiglia, nei ritagli di tempo si dedica a lunghe passeggiate lungo gli argini del fiume Adige. Nel volontariato è presidente del Comitato di Villadose “Aiutiamoli a vivere”. Le sue prime esperienze politiche le ha vissute con il Movimento referendario di Mario Segni. Attualmente è capogruppo consigliare per la lista civica “Aria Nuova”. Si ripresenta al giudizio dei cittadini  alla testa della lista civica “Nuova Venezze” con l’obiettivo rivolto verso il futuro e con il chiaro intento di impegnarsi sino in fondo con questo nuovo progetto politico.

Perché ha accettato di entrare in lizza?

“Principalmente per cercare di creare un aggregazione forte in grado di portare avanti un nuovo progetto politico che rappresenta le forze democratiche, progressiste e liberali del nostro paese. Ritengo che ci siano tante cose da fare per migliorare il nostro vivere quotidiano. Tante sono le proposte da vagliare; sé sarò eletto cercherò di correre al passo coi tempi per risolverle. Il territorio deve essere riscoperto nella sua natura di patrimonio pubblico, quale contesto necessario all’esercizio dei diritti di cittadinanza fondamentali come la salute, la mobilità e la socialità.  Credo ci sia bisogno di una crescita sociale, del nostro tenore di vita e del benessere dei cittadini. La persona e la famiglia rappresentano il fondamentale soggetto su cui poggia e si sviluppa la nostra società. Pertanto il mio e nostro impegno sarà volto a rafforzare ogni azione mirata a promuovere il benessere dell’intera comunità cercando di rispondere ai bisogni di ognuno, dai giovani, alle famiglie e agli anziani.

Fonte: Il Gazzettino di Rovigo del 08.05.2011 – Graziano Barbierato

Renato BettonteSan Martino di Venezze – Non è stato rimosso l’ostacolo che mette il consigliere comunale Renato Bettonte, capogruppo consiliare di Governare Insieme, in situazione di incompatibilità con il suo ruolo istituzionale.

Il Consiglio comunale ha preso atto che nel termine di dieci giorni già concesso nella precedente seduta il capogruppo non ha fatto pervenire alcuna osservazione in merito; pertanto con il provvedimento adottato nella seduta vengono assegnati al consigliere Bettonte ulteriori dieci giorni per rimuovere la causa di incompatibilità sopravvenuta.

Dagli scranni della maggioranza sono arrivati auspici affinché il consigliere Bettonte faccia venir meno la causa di incompatibilità in modo da rimanere nella carica di consigliere comunale.

Diversa la posizione del consigliere Luciano Tobaldo che nel suo intervento ha ribadito la posizione già sostenuta nella seduta consiliare precedente, nel corso della quale si era astenuto dal voto, dichiarando che in questa seduta non avrebbe partecipato alla votazione. Tobaldo aveva invitato il sindaco a tentare un accordo bonario con il consigliere Bettonte in modo da definire una questione imbarazzante, ma tale tentativo non gli risulta essere stato effettuato.

Tobaldo ha concluso il suo intervento affermando di essere a conoscenza che pochi giorni prima, era pervenuta una diffida ai consiglieri da parte dello studio legale Berti di Rovigo e pertanto sarebbe necessario esaminare contestualmente anche tale diffida, in quanto essa va ad incidere sulla questione dell’incompatibilità sopravvenuta.

La diffida è stata esaminata dal civico consesso con l’intervento, a nome della maggioranza, del consigliere Claudio Contiero che, dopo una disamina dei fatti alla base del provvedimento di esproprio e argomentando sulle motivazioni addotte dal legale ha proposto al Consiglio di rigettare la diffida dello studio legale Berti di Rovigo, confermando la delibera consiliare citata nella diffida, sia per quanto attiene alla variante urbanistica, sia per quanto attiene all’approvazione del progetto di realizzazione del parcheggio e alla dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità ed urgenza delle opere; inoltre il consigliere ha proposto di demandare all’ufficio tecnico comunale di porre in essere gli atti di competenza, per definire il decreto di esproprio, secondo le procedure ordinarie.

E’ dunque intervenuto ancora il consigliere Tobaldo, il quale ha espresso la propria difficoltà ad effettuare una riflessione compiuta con cognizione di causa su un argomento che presenta aspetti molto tecnici; sono apprezzabili le argomentazioni giuridiche dell’assessore Claudio Contiero ma, a giudizio del consigliere, sarebbe opportuno acquisire un vero e proprio parere legale.

Infine è intervenuto il consigliere Vinicio Piasentini, capogruppo di Aria nuova per San Martino, il quale non si è sentito preoccupato per i toni della diffida: a giudizio del consigliere, nella diffida medesima non vi sono serie argomentazioni per contestare la validità della deliberazione ed inoltre lascia perplessa la frase secondo la quale “tale illegittimità riguarda, per l’appunto l’oggetto della impugnativa giurisdizionale posta in essere da Bettonte nei confronti di codesto Comune” in quanto in realtà nel ricorso al Tar non si fa riferimento alla sentenza della Corte Costituzionale. Piasentini ha chiuso il suo intervento dichiarandosi d’accordo nel rigettare la diffida e nel dare mandato all’ufficio tecnico di espletare le ordinarie procedure di esproprio.

La votazione ha dato ragione ai consiglieri Contiero e Piasentini, con dieci voti favorevoli su quattordici consiglieri presenti.

Fonte: La Voce di Rovigo del 02.04.2011

Vinicio Piasentini Aria Nuova per San Martino di VenezzeA San Martino di Venezze in vista della consultazione elettorale per l’elezione del nuovo consiglio Comunale e del sindaco nasce una nuova lista civica che candida Vinicio Piasentini a primo cittadino. Si tratta , ci riferisce Piasentini, di una aggregazione politica di forze progressiste, democratiche e veramente liberali, che parte dall’esperienza amministrativa in corso, che ha visto convergere attorno ad obiettivi e programmi condivisi i tre gruppi politici di Governare insieme per San Martino, guidato dall’attuale sindaco Roberto Merlin, da Aria Nuova per San Martino e dal Partito Democratico. “Abbiamo dato vita, in questi ultimi tre anni, prosegue Piasentini, ad un nuovo modo di amministrare, basato sulla trasparenza delle scelte e su un sempre maggiore coinvolgimento dei cittadini alla vita pubblica nell’interesse di tutta la comunità. Intendiamo proseguire su questa strada perché siamo convinti che solo con l’apporto prezioso di tutti riusciremo veramente a rendere ancora migliore il nostro paese”.

“Il nuovo nome, il simbolo, i candidati  della lista ed il programma saranno comunicati a breve in tutte le località anche  attraverso un uso innovativo del web per essere vicini e rispondere alle richieste e raccogliere le proposte provenienti da chiunque”.

C’è ovviamente curiosità sui nomi delle persone che comporranno la lista, e su questo Piasentini ci assicura che si è dato ampio spazio ai giovani ed alle loro idee innovative oltre che a persone che per le loro riconosciute capacità ed esperienze professionali sapranno contribuire proficuamente e con competenza alla gestione del nostro comune.

Il nuovo candidato, al quale chiediamo, comunque, di anticiparci i temi centrali del programma che caratterizzerà la nuova compagine, perché questo è ciò che più interessa ai cittadini, ci elenca brevemente alcuni impegni e progetti che la sua lista intende realizzare. “Porteremo a termine le numerose opere che l’attuale Amministrazione ha avviato: ampliamento dei cimiteri del Capoluogo e di Beverare; creazione di nuovi parcheggi a Beverare; completamento della pista ciclabile a Saline e, soprattutto, costruzione di una moderna sala polivalente attraverso la ristrutturazione del vecchio Cinema Arcobaleno e la realizzazione di alcuni lavori per l’abbellimento e la piena fruibilità di Piazza Aldo Moro” esordisce Piasentini, ma, prosegue “ abbiamo anche l’ambizione di dare vita ad altre idee e progetti per l’accrescimento della qualità della vita di noi tutti: organizzazione di un asilo nido comunale che possa accogliere tutte le richieste delle famiglie; organizzazione di servizi innovativi di supporto ed assistenza alle persone anziane ed alle famiglie in difficoltà; progetti particolari a beneficio dei giovani disoccupati ed in cerca di prima occupazione e per la formazione professionale ed imprenditoriale; sblocco dell’area artigianale avvalendoci delle nuove opportunità offerte dal PAT appena approvato; sostegno alla nascita di attività commerciali per la rivitalizzazione delle frazioni”.

Fonte: Il Gazzettino di Rovigo del 03.04.2011 – Diego Novo

Vinicio Piasentini Aria Nuova per San Martino di VenezzeVinicio Piasentini, futuro Candidato Sindaco, ci descriva la nascita del Nuovo Progetto Politico per San Martino di Venezze per le prossimi elezioni Amministrative.

“La nuova lista civica che si presenterà alla consultazione elettorale per l’elezione del nuovo consiglio Comunale e del sindaco di San Martino di Venezze nasce dall’esperienza amministrativa in corso che ha visto convergere attorno ad obiettivi e programmi condivisi i tre gruppi politici di Governare insieme per San Martino, guidato dall’attuale sindaco Roberto Merlin, da Aria Nuova per San Martino e dal Partito Democratico. I risultati conseguiti e la fiducia che  i cittadini ci hanno accordato in misura sempre più crescente, ci hanno riempito di grande soddisfazione ed hanno confermato la validità del nostro progetto e la bontà delle nostre scelte e ci hanno spinto a proseguire uniti per la realizzazione di questa innovativa coalizione di forze progressiste, democratiche e veramente liberali del nostro paese.  Venuti a conoscenza delle nostre proposte, hanno aderito con disponibilità e impegno attivo a questa nuova e diversa avventura anche tante altre persone, ed in particolare  un numeroso gruppo di giovani, desiderosi di contribuire con la loro vivacità, la loro energia e le loro idee alla crescita della nostra comunità”.

Quali sono gli obiettivi del Vostro progetto Civico con il quale Vi presentate alle Elezioni Amministrative di San Martino di Venezze?

“Il nuovo soggetto politico che abbiamo creato si ripropone di dare voce e spazio a tutti quei cittadini che, pur provenendo da esperienze politiche diverse, hanno a cuore innanzitutto il loro paese e concepiscono l’Azione amministrativa principalmente in termini di servizio e di impegno per la creazione del bene comune”.

Qual è la natura della Vostra nuova lista e come sono stati scelti tutti i partecipanti? Ci saranno persone nuove che sono state coinvolte?

“L’idea della nuova lista è nata già da alcuni mesi e, fin da subito, c’è stata la piena ed incondizionata convergenza sulla proposta della mia persona come candidato Sindaco, in seguito si è proficuamente lavorato per l’aggregazione di persone che grazie alla loro esperienza politica ed alla loro preparazione culturale e professionale saranno assolutamente in grado di formare una compagine amministrativa all’altezza dei compiti e delle responsabilità da affrontare nell’attuale complesso contesto sociale ed economico”.

Ora Vi aspetta un mese di dibattiti e presentazione dei Vostri programmi. Come pensate di organizzare la Vostra campagna elettorale?

“A breve comunicheremo il nuovo nome ed il nuovo simbolo che abbiamo già pronti e, soprattutto, cominceremo a far conoscere nel dettaglio il nostro programma e le nostre idee a tutta la cittadinanza, attraverso incontri pubblici e dibattiti  in tutte le località ed attraverso un uso innovativo del web per essere vicini e rispondere alle richieste e raccogliere le proposte provenienti da chiunque”.

Ora che è stato descritto il Vostro Progetto, cosa proponete per San Martino di Venezze?

“Porteremo a termine le numerose opere che l’attuale Amministrazione ha avviato: ampliamento dei cimiteri del Capoluogo e di Beverare; creazione di nuovi parcheggi a Beverare; completamento della pista ciclabile a Saline e, soprattutto, costruzione di una moderna sala polivalente attraverso la ristrutturazione del vecchio Cinema Arcobaleno e la realizzazione di alcuni lavori per l’abbellimento e la piena fruibilità di Piazza Aldo Moro. Ma abbiamo anche l’ambizione di dare vita ad altre idee e progetti per l’accrescimento della qualità della vita di noi tutti: organizzazione di un asilo nido comunale che possa accogliere tutte le richieste delle famiglie; organizzazione di servizi innovativi di supporto ed assistenza alle persone anziane ed alle famiglie in difficoltà; progetti particolari a beneficio dei giovani disoccupati ed in cerca di prima occupazione e per la formazione professionale ed imprenditoriale; sblocco dell’area artigianale avvalendoci delle nuove opportunità offerte dal PAT appena approvato; sostegno alla nascita di attività commerciali per la rivitalizzazione delle frazioni”. “Abbiamo dato vita, in questi ultimi tre anni, ad un nuovo modo di amministrare, basato sulla trasparenza delle scelte e su un sempre maggiore coinvolgimento dei cittadini alla vita pubblica nell’interesse di tutta la comunità. Intendiamo proseguire su questa strada perché siamo convinti che solo con l’apporto prezioso di tutti riusciremo veramente a rendere ancora migliore il nostro paese”.

Fonte: La Voce di Rovigo del 03.04.2011 – Gabriele Casarin

Renato BettonteSan Martino di Venezze – Il consigliere comunale Renato Bettonte, capogruppo consiliare di “Governare Insieme”, replica sugli esiti dell’ultimo Consiglio comunale, nella quale gli è stata contestata causa di incompatibilità, perché in causa con il Comune per una procedura di esproprio. “Voglio far presente che con sentenza, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 13 ottobre scorso – esordisce Bettonte – la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’intero articolo 43 del testo unico delle espropriazioni, per cui non sussisterebbe il motivo legale dell’esproprio e di conseguenza cadono i presupposti contestati per la mia incompatibilità!”. Prosegue il consigliere: “Chiesta l’assistenza dell’avvocato Giampietro Berti del Foro di Rovigo, lo stesso ha inoltrato una formale comunicazione al sindaco, agli assessori competenti ed a tutti i consiglieri comunali. Nella comunicazione l’avvocato evidenzia che l’illegittimità dichiarata dalla sentenza riguarda l’oggetto del ricorso presentato dal consigliere Bettonte, nei confronti del Comune e la conseguente applicazione a carico del consigliere della normativa per incompatibilità dello stesso, in virtù di una lite pendente contro il Comune.”

A questo punto il consigliere precisa che l’avvocato Berti, lamenta da parte dell’amministrazione comunale la mancata adozione degli atti susseguenti all’applicazione della sentenza della Corte Costituzionale. Forte di queste motivazioni il consigliere Renato Bettonte attende con fiducia la prossima seduta consiliare a Palazzo Mangilli che tratterà proprio della sua posizione, considerato che l’avvocato Berti conclude la propria lettera riservandosi di chiedere i danni all’amministrazione comunale e a tutti i consiglieri che hanno votato a favore, qualora la stessa amministrazione non proceda alla revoca richiesta.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: