Header image

Già Sindaco di San Martino dal 2001 al 2006, Tiziano Bonato ritenta la scalato allo scranno più alto di palazzo Mangilli. Candidato a sindaco con la lista “Per San Martino Bonato Sindaco” appoggiato da due partiti storici il Pdl e la Lega Nord. Nato a San Martino di Venezze il 7 aprile 1971, coniugato con la signora Lorena, è padre di tre figli: Lorenzo, Elia e Lavinia. Chimico di professione è direttore tecnico di un laboratorio di analisi. Oltre ad essere amante della bici, di sovente lo si incontra con la sua mountain bike, alterna questa passione con la corsa a piedi. Il suo tempo libero lo dedica principalmente alla sua famiglia ma, evidenzia un suo forte interessamento verso il sociale. Sotto il profilo politico è entrato in gioco con Pierpaolo Barison dove, durante il suo secondo mandato, ha ricoperto la carica di consigliere comunale. Nel 2001 è stato eletto sindaco di San Martino. Nel 2006 si era ricandidato ma, la sua lista era stata esclusa per un eccesso di firme.  Ha ricoperto la carica di coordinatore locale di Forza Italia. Attualmente è iscritto al Pdl.

Perché ha accettato di entrare in gioco?

“Innanzitutto perché sono orgoglioso di rappresentare due partiti (Pdl e Lega Nord) e soprattutto una squadra di candidati rivolta verso il rinnovamento della classe politica. Il nostro paese ha bisogno di una guida forte e con esperienza quindi, mi ritengo la persona giusta ad avere queste caratteristiche. Il mezzo per arrivare ad amministrare in maniera corretta è il confronto continuo con i nostri concittadini, non a caso il nostro motto è: “Il dialogo per una vera comunità”.  E’ pur vero che i problemi da risolvere sono tanti. Non posso affermare di aver la bacchetta magica per venirne a capo ma, abbiamo un punto di vantaggio rispetto ad altri avendo al nostro fianco la Regione del Veneto che, sono certo, ci darà una forte mano. Infatti, posso già anticipare che tre nostre iniziative già godono di una promessa di aiuto. E’ pur vero che è un momento particolare quello che stiamo vivendo ma, sono fiducioso in quanto le possibilità di sviluppo, che altri non sono riusciti a dare,  sono alla portata del nostro paese e ci faremo carico per arrivare a raggiungere questo traguardo”.

Fonte: Il Gazzettino di Rovigo del 07.05.2011 – Graziano Barbierato

Lega Nord e PDL siglato accordo per le Amministrative 2011 a San Martino di VenezzeSAN MARTINO DI VENEZZE – Antonello Contiero e Cristiano Corazzari lanciano il candidato sindaco della coalizione Pdl – Lega per San Martino di Venezze. Pronto con il simbolo che racchiude i due partiti del centrodestra, Bonato svela anche i primi punti del programma per “portare a San Martino la ventata di cambiamento di cui ha bisogno”. Da sanmartinese, Contiero parla di un “Comune fermo per cinque anni, autoisolato e bisognoso della fiducia che solo un candidato stimato come Tiziano Bonato può offrire”. I punti del programma per rilanciare San Martino passano sicurezza, videosorveglianza, politiche di sostegno demografico e appoggio della Regione nella misura in cui, sottolinea Cristiano Corazzari, esiste una continuità tra il Comune e gli organismi politici regionale e nazionale: “Bonato è il candidato quindi – dichiara Corazzari – che meglio garantisce la connessione con gli enti superiori”.

“Al paese di San Martino in questi anni è mancata una rete – spiega Tiziano Bonato – che permetta di programmare su piani sovramunicipali la viabilità per esempio. Basti pensare allo sviluppo della viabilità di Villadose che deve proseguire per San Martino. Oltre a questo i cittadini ci chiedono videosorveglianza vicino alle scuole e nelle zone sensibili; chiederemo alla Regione i finanziamenti a progetti specifici. Vogliamo anche riattivare il servizio dell’Ecocentro, insomma vogliamo un Comune che torni alla normalità”. Altri punti, legati all’associazionismo e al sociale saranno sviluppati nei prossimi giorni.

Fonte: La Voce di Rovigo del 30.04.2011

San Martino di Venezze – Cristian Legnaro, coordinatore locale del Pdl, per lanciare la candidatura di Tiziano Bonato usa una metafora navale: “Abbiamo varato la corazzata Pdl – Lega Nord ed il suo capitano è Tiziano Bonato”.

Prosegue Legnaro: “Sono un esponente politico e da esponenti politici io e Tiziano (Bonato), ovviamente assieme agli altri referenti del Pdl di San Martino, abbiamo discusso dei problemi da affrontare, del programma elettorale e naturalmente della composizione della lista. Siamo riusciti con gli esponenti della Lega Nord a fare sintesi politica, perciò confermo e con soddisfazione che saremo la lista veramente rappresentativa del centrodestra a San Martino di Venezze”.

Stanco delle voci corse in paese, Legnaro vuole guardare avanti: “Tiziano Bonato è stato sindaco dal 2001 al 2006, dobbiamo sfruttare le sue capacità e la sua esperienza amministrativa. Vogliamo proporre una compagine nata da un forte impegno politico, senza ambiguità, seguendo le linee indicate dall’accordo siglato da Mauro Mainardi, coordinatore provinciale Pdl e da Antonello Contiero, segretario provinciale della Lega Nord”.

Sulla composizione della lista Legnaro conferma la riservatezza del candidato sindaco Bonato e ci dice: “Si, sarò anch’io tra i nomi in lista; è doveroso come responsabile locale del partito per dare il mio apporto diretto alla battaglia elettorale, mettendoci la faccia”.

Legnaro non lo dice, ma secondo le nostre fonti in caso di vittoria, il coordinatore locale ricoprirà un importante assessorato nella giunta Bonato.

Fonte: La Voce di Rovigo del 10.04.2011 – Gianmaria Visentin

Antonello Contiero segretario provinciale Lega Nord San Martino di VenezzeSAN MARTINO DI VENEZZE – Primo incontro con la cittadinanza per la Lega Nord di San Martino. Venerdì sera, nella sala civica di via Reato, il direttivo locale del Carroccio ha fatto la sua prima uscita stagionale in vista delle prossime elezioni del 15 e 16 maggio, presentando ad una cinquantina di presenti, le principali linee guida che saranno alla base dell’accordo Pdl-Lega, lo schieramento che si presenterà alla scalata di Palazzo Mangilli. Alla serata erano presenti il consigliere regionale Cristiano Corazzari, il coordinatore Massimo Bergamin, il segretario della circoscrizione altopolesana Renzo Bellinello, oltre al segretario provinciale Antonello Contiero e ai rappresentanti locali Susanna Garbo e Davide Barison, oltre a numerosi simpatizzanti.

Ad aprire la serata il coordinatore Bergamin e Susanna Garbo che ha introdotto brevemente gli attuali punti dolenti del paese: “La problematica maggiore a San Martino è la mancanza dell’Adsl per i giovani, ma anche per le aziende. Altro aspetto irrisolto è la questione del Fiat Doblò, acquistato con soldi pubblici per il servizio di trasporto degli anziani per le visite mediche, ma inutilizzato”.

Successivamente Cristiano Corrazzari ha fatto una panoramica nazionale e soprattutto regionale sul ruolo fondamentale della Lega e sulla questione del federalismo: “La Lega ha voglia di un cambiamento epocale, con gente e volti nuovi, anche a San Martino. Il federalismo è una necessità e l’Italia unita la si fa con il federalismo”, proseguendo: “Purtroppo, molto spesso ci troviamo più in contrasto con gli alleati del Pdl che con l’opposizione, soprattutto in regione, perché la Lega è scomoda a molti. Il taglio di 350 milioni di euro su un bilancio di 13 miliardi può sembrare poca cosa, ma per quelle regioni che già faticano a far quadrare i conti, è una penalizzazione notevole”.

Massimo Bergamin ha sottolineato come “la politica deve avvicinare la gente e la Lega è un partito in mezzo alla gente, in movimento. La campagna elettorale non inizia un mese prima delle elezioni, ma il giorno successivo”. Il coordinatore continuando nella sua analisi: “Siamo il primo partito in Veneto e certa stampa ci da’ uno spazio relativo. Solo La Voce, qui a Rovigo ci dedica visibilità”.

In seguito ha preso la parola il ‘padrone di casa’, ovvero Antonello Contiero, residente proprio a San Martino: “La Lega a livello regionale copre il 42-44% dell’elettorato e non a caso è il primo partito. La questione del federalismo, tanto dibattuta, è molto semplice: federalismo vuol dire governarsi a casa propria”. Sulle questioni che riguardano San Martino: “Sono passati cinque anni e l’amministrazione attuale è arrivata al capolinea. Non è stato Merlin il sindaco, bensì Claudio Contiero, che da consigliere di minoranza è passato addirittura in maggioranza”. In merito alla nuova lista Pdl-Lega il segretario provinciale ha annunciato: “La Lega correrà con il suo simbolo e ci presenteremo per vincere. Entro una settimana definiremo assieme agli alleati il candidato sindaco e il programma per ridare dignità al nostro comune”. E’ un Antonello Contiero determinato, come tutta la rappresentanza leghista locale, che lancia il guanto di sfida a Merlin e a tutti gli avversari politici che scenderanno in campo per la conquista di Palazzo Mangilli.

Fonte: La Voce di Rovigo del 14.03.2011

San Martino di Venezze – Quasi sicuramente non ci sarà il simbolo del Partito democratico nelle liste che si contenderanno il primato per conquistare Palazzo Mangilli, sede municipale. Nonostante non ci sia la comunicazione ufficiale da parte del coordinatore del partito e onostante non ci siano candidature ufficiali, circolano con forza nominativi di iscritti al Pd candidati, o sostenitori attivi, di Democrazia per San Martino oppure nella coalizione che dovrebbe nascere tra Aria nuova per San Martino ed il sindaco uscente Roberto Merlin.

La lista nascente da questa coalizione dovrebbe comunque mantenere il nome ed il simbolo di Aria nuova per San Martino, permane l’assoluto riserbo sul nome del candidato, anche se Vinicio Piasentini rimane il maggiore indiziato.

Secondo alcuni navigati politici locali potrebbero esserci problemi in vista per la coalizione Pdl – Lega Nord, nonostante l’ufficialità dell’accordo siglato. Il ballottaggio sarebbe tra Cristian Legnaro, coordinatore locale del Pdl e Tiziano Bonato, sempre Pdl. I due interessati smentiscono tuttavia le voci di dualismi, ma la campagna elettorale sembra aver coinvolto tutti i

sanmartinesi che si scambiano informazioni un po’ dappertutto e tanti paesani vogliono indicare questo o quel candidato, questa o quella “sicura” coalizione. Insomma raramente la disputa per Palazzo Mangilli partiva così presto e così “bene informata”.

Fonte: La Voce di Rovigo del 06.03.2011 – Gianmaria Visentin

Lega Nord e PDL siglato accordo per le Amministrative 2011 a San Martino di VenezzeSAN MARTINO DI VENEZZE – Dopo essere stato nominato in più occasioni, Tiziano Bonato, probabile candidato sindaco per il Pdl, vuole dare i primi segnali del suo impegno politico in vista delle prossime elezioni amministrative di metà maggio.

Non vuole però fare una analisi della gestione del sindaco uscente Roberto Merlin: “Non voglio giudicare il passato. Voglio guardare al futuro ed il futuro, per me che parlo come persona impegnata politicamente per San Martino di Venezze, passa inevitabilmente per il rilancio del nostro Comune, le stesse spinte che solo qualche anno fa si percepivano forti. Bisogna creare interesse economico, attirare imprese, dalle quali attendersi nuovi posti di lavoro, con l’arrivo di nuove famiglie ed il conseguente impegno del Comune per predisporre nuovi servizi per tutte le famiglie.”

A Bonato non interessa di essere stato etichettato come “marangoniano” e precisa: “Sono un uomo del Pdl che ha deciso di proseguire la propria esperienza dentro il partito, contribuendo al suo ricompattamento a livello comunale, passaggio indispensabile per creare l’asse con la Lega Nord; condivido quanto ribadito dal coordinatore locale Cristian Legnaro (Pdl) ed dal segretario provinciale della Lega, Antonello Contiero, l’accordo siglato vuole essere aperto ad altre realtà locali, sia associative, sia politiche.”

Tiziano Bonato precisa che si stanno elaborando le linee guida del programma, sulle quali confrontarsi e poterle arricchire con tutti i soggetti interessati, per la definitiva stesura del programma di mandato elettorale.

“Possiamo garantire a tutti i sanmartinesi – prosegue Bonato – che c’è grande carica e convinzione, Pdl e Lega Nord vogliono dare un forte messaggio carico di speranza, vedrete la forza che nuove generazioni e politici con esperienza amministrativa vogliono trasmettere a tutti i loro compaesani. Inoltre Pdl e Lega possono garantire il corretto collegamento con le istituzioni regionali e nazionali, per trovare nuovi finanziamenti per investimenti cofinanziati, è anche questa l’importanza di essere forze politiche presenti nel territorio.”

La conclusione di Tiziano Bonato: “Voglio concludere con un augurio che la campagna elettorale si svolga in un clima sereno, spero siano smentiti gli auspici che non guardano in questa direzione. Sento voci che qualcuno stia adottando mezzi poco convenzionali per una campagna elettorale, si parla di esposti alla Procura ed altro già presente nelle pagine di cronaca.”

Fonte: La Voce di Rovigo del 20.02.2011 – Gianmaria Visentin

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: