Header image

Ilenia FrancesconSAN MARTINO DI VENEZZE – Numerosa partecipazione di pubblico al primo consiglio comunale dell’era Piasentini, svoltosi mercoledì sera nella sala consiliare di Palazzo Mangilli. Sei i punti all’ordine del giorno. Il primo tema affrontato è stato l’esame delle condizioni di eleggibilità e compatibilità del sindaco e degli eletti alla carica di consigliere comunale. Il neo primo cittadino ha aperto i lavori facendo avere a tutti i consiglieri la lettera di dimissioni presentata dal membro di minoranza della lista “Democrazia per San Martino”, Renato Bettonte, giunta all’ufficio protocollo nella mattinata di mercoledì. Il consigliere Bonato della lista “Per San Martino Bonato Sindaco”, ringraziando pubblicamente tutto l’elettorato che lo ha votato e facendo le congratulazioni al nuovo sindaco, ha sollevato un quesito in merito a una presunta incompatibilità alla carica di sindaco di Piasentini, poiché il fratello dello stesso è presidente della Banca di credito cooperativo del Medio Polesine. Questione subito chiarita dal segretario comunale che, sentenze e norme legislative alla mano (art. 63, comma 1, punto 2 del Tuel 267/2000), ha spiegato come tale incompatibiltà non sussista. Dopo aver chiarito ciò, il consigliere Pierpalolo Barison di “Democrazia per San Martino” ha portato il suo saluto al nuovo consiglio, augurando buon lavoro e impegnandosi con la sua lista a contribuire alla logica ‘del fare’ per il paese. Si è passati quindi alla votazione da parte degli 11 consiglieri presenti, nonché alla surroga al neo consigliere di minoranza Giuseppe Beggiao di “Democrazia per San Martino” che ha preso il posto del dimissionario Bettonte, determinando ben cinque consiglieri under 30 seduti a Palazzo Mangilli.
Il secondo punto all’ordine del giorno, ha visto il giuramento da parte del sindaco Vincio Piasentini. “E’ un onore doppio per me poter essere il sindaco di San Martino, sia per la ricorrenza della festa della Repubblica, sia per l’anno del 150° anniversario dell’unità d’Italia. Ciò mi riempie di immensa felicità e i principi su cui ci poggeremo saranno quelli di lealtà dei padri della Costituzione, per il bene del nostro paese”, queste le prime parole dopo il giuramento del nuovo primo cittadino tra gli applausi del consiglio e del pubblico.
Il terzo punto ha riguardato la comunicazione del sindaco, relativa alla nomina del vicesindaco e degli assesori comunali. Ilenia Francescon 28 eene, fresca di nomina a vicesindaco: “Sono consapevole del ruolo di donna più giovane, ma ciò mi rende ancor più responsabile nell’affrontare questo impegno per i prossimi cinque anni con ‘intelligente paura’, sapendo di essere supportata da una squadra all’altezza”. Si sono susseguiti via via i ringraziamenti e i buoni auspici degli assessori Merlin, Barbierato e Contiero e dei consiglieri Crivellari, Bonato e Pierpaolo Barison.
L’unica osservazione sollevata dal consigliere Bonato ha rigurardato la nomina ad assessore esterno di Caludio Contiero, apparsa più una “cambiale politica” con il Pd che un accordo condiviso e trasparente. La risposta di Piasentini a Bonato ha chiarito che tale incarico è stato affidato a Contiero per rendere ancora più efficiente la ‘macchina amministrativa’ e la persona in questione ne ha tutte le capacità.
La presa d’atto dei capigruppo consiliari è stato il quarto punto trattato. Roberto Merlin di Nuova Venezze, Tiziano Bonato Per San Martino Bonato sindaco e Giuseppe Beggiao di Democrazia per San Martino sono stati nominati i rispettivi capigruppo.
Il quinto punto ha visto la nomina della commissione elettorale comunale: Luca Rosa, Daniele Barison e Cesarino Crivellari sono risultati i componenti di prima nomina, mentre Ivo Contiero, Diego Novo e Giuseppe Beggiao i componenti supplettivi.
L’ultimo punto riguardante l’approvazione degli indirizzi per la nomina, designazione e revoca dei rappresentanti del comune presso enti, aziende ed istituzioni è stata votata all’unanimità da tutti e 12 i consiglieri.

Fonte: La Voce di Rovigo del 03.06.2011 – Gabriele Casarin

Municipio di San Martino di Venezze - Palazzo Mangilli su Piazza Aldo MoroL’esito delle urne e la conseguente vittoria di Vinicio Piasentini hanno dato un impronta ben definita nella composizione del consiglio comunale. Dei dodici consiglieri eletti, otto appartengono alla lista “Nuova Venezze Piasentini sindaco”; due per ciascuno sono di “Democrazia per San Martino” e “Per San Martino Bonato sindaco”. Sette sono “volti” nuovi: Anna Maria Barbierato, Daniele Barison, Ilenia Francescon, Luca Rosa, Enrico Contiero, Diego Novo e Cesarino Crivellari mentre, i restanti da tempo conoscono le sale di palazzo Mangilli. La più gettonata (in riferimento ai consensi personali) è stata Anna Maria Barbierato che ha ottenuto 103 preferenze, seguita a ruota dall’ex sindaco Roberto Merlin che ha raggiunto quota 102. Nel visionare attentamente le tre liste vi erano in lizza nomi che, in un recente passato, hanno vissuto in prima persona la situazione politica sanmartinese.
Nonostante la loro presenza non sono riuscite a dare quell’impulso alla propria lista restando così al palo. Nemmeno gli ex assessori Giorgio Barchi e Franco Bettinelli, inseriti nella lista di Piasentini, non sono riusciti nell’intento. Il primo ha ottenuto 29 consensi personali mentre, il secondo si è fermato a 10. Chi invece ha stupito è stato Ivo Contiero. Dai più dato come escluso di lusso, l’ex assessore ha raccolto, in tutte quattro le sezioni, i voti necessari per la sua riconferma. Da sottolineare che il suo ingresso a palazzo Mangilli risale al 1988 (sindaco Nettuno Orfaci) poi, in successione è stato riconfermato nei due mandati di Pierpaolo Barison. Nel 2001, sindaco Tiziano Bonato, è subentrato a Gilberto Zamarco. Il resto è tutta storia recente considerato che con Roberto Merlin ha ricoperto la carica di assessore. Conti alla mano, è da oltre ventanni che il buon Ivo Contiero occupa una poltrona a palazzo Mangilli.
Scherzosamente qualcuno gli ha fatto notare che, pur restando in carica ancora, non riceverà mai nessun vitalizio. Per quanto riguarda la poltrona di primo cittadino, Vinicio Piasentini è il decimo sindaco dall’avvento della Repubblica. Il primo è stato Giovanni Mingotti poi, in successione, Luigino Menarello, Rino Gherardo, Anerzio Bacco, Antonio Volpe, Nettuno Orfaci, Pierpaolo Barison, Tiziano Bonato e per ultimo Roberto Merlin.

Fonte: Il Gazzettino di Rovigo del 19.05.2011 – Graziano Barbierato

Logo Nuova Venezze“Si chiamerà “NUOVA VENEZZE” e sul simbolo apparirà la scritta -Piasentini Sindaco-”. Così Vinicio Piasentini ci presenta la lista civica con la quale scenderà in campo per rappresentare il centro sinistra e le altre forze moderate e democratiche di San Martino che hanno dato vita alla nuova realtà politica che si candida a guidare il paese per i prossimi cinque anni.

“Sentiamo crescere ogni giorno attorno alla nostra innovativa proposta un forte interesse ed una grande attesa”, prosegue il candidato sindaco “ che ci infonde la giusta carica per affrontare con serenità e fiducia la campagna elettorale”.

“Siamo convinti che i cittadini di San Martino abbiano veramente voglia di cambiamento e si siano resi conto che il tempo delle divisioni, delle contrapposizioni ideologiche, dell’egoismo e del disinteresse per la società e per gli altri debba essere definitivamente superato e si debba guardare con rinnovato entusiasmo al presente ed al futuro della nostra comunità.

San Martino può e dovrà diventare come una grande famiglia accogliente e solidale con tutti i suoi appartenenti e dove ogni soggetto si senta rispettato e possa contribuire fattivamente al benessere generale”

Piasentini passa poi a presentare i candidati della lista precisando che “ l’individuazione delle persone è frutto anch’essa di una diversa concezione della politica e delle regole che, purtroppo, sempre più spesso la caratterizzano. Prima abbiamo coinvolto nel nostro progetto le persone e, solo in seguito ed assieme ad esse, abbiamo costruito la nostra casa comune ed i nostri programmi”.

“Per questo” chiarisce il candidato a sindaco “mi sento di poter affermare tranquillamente che tutte le persone coinvolte hanno all’interno del nostro gruppo pari dignità e pari opportunità”.

“Ci sono, è evidente” sottolinea Piasentini “persone esperte di amministrazione e con una già consolidata esperienza politica alle spalle. Mi riferisco, ovviamente all’attuale sindaco Roberto Merlin, che garantisce la conoscenza di tutte le procedure e le problematiche amministrative, ma anche agli assessori Bettinelli, Barchi e Contiero e ci sono, però, prevalentemente volti nuovi che hanno deciso di impegnarsi e partecipare attivamente alla politica: Anna Maria Barbierato, responsabile del Centro per l’impiego di Adria e Consigliere di parità della provincia di Rovigo che si mette a disposizione con il suo importante bagaglio di esperienze e conoscenze per ricercare tutte le possibili e migliori soluzioni alle sempre maggiori problematiche inerenti il lavoro, l’occupazione e, cosa altrettanto importante e sentita, la condizione femminile nel nostro contesto socio economico; Luca Rosa, affermato e conosciuto imprenditore tessile che contribuisce con grande senso di responsabilità ed impegno alla crescita economica ed al benessere della nostra comunità occupando numerose maestranze locali; Francesco Sorrentino, impiegato amministrativo presso una importante azienda presente sul territorio, attivo da anni nel volontariato a favore delle persone con handicap; Daniele Barison, giovane studente universitario di scienze politiche che crede possibile e si impegna attivamente per avvicinare ed interessare i giovani alla politica ed alle tematiche sociali; Diego Novo, Laureato in Ingegneria Informatica, Sviluppatore e programmatore Web, sicuramente conosciuto per le sue provate ed apprezzate capacità organizzative nell’animazione e nell’organizzazione di eventi ed iniziative culturali e ricreative; Elisa Sette, giovane laureata triennale in diritto dell’economia e prossima laureanda in economia internazionale, che si è avvicinata con entusiasmo e grande voglia di rendersi utile in prima persona per rilanciare il nostro paese, Enrico Contiero, giovane laureato in ingegneria gestionale e dottorando di ricerca presso l’Università di Padova ed Ilenia Francescon, giovane laureata in giurisprudenza, specializzata in diritto amministrativo, che potrà contribuire con le sue specifiche conoscenze allo svolgimento della nostra azione amministrativa nella massima legalità e trasparenza.

“Per concludere, vorrei però aggiungere” afferma Piasentini “che il nostro gruppo non è formato esclusivamente dai tredici candidati che lo rappresentano nella lista, ma anche e, soprattutto, da tante altre persone che hanno partecipato proficuamente alla sua nascita e contribuiranno con il loro aiuto e la loro presenza sul territorio al successo di “NUOVA VENEZZE”.

Programma Elettorale Nuova Venezze - Amministrative 2011 (1287)

Fonte: La Voce di Rovigo del 16.04.2011

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: