Header image

Ilenia FrancesconSAN MARTINO DI VENEZZE – Numerosa partecipazione di pubblico al primo consiglio comunale dell’era Piasentini, svoltosi mercoledì sera nella sala consiliare di Palazzo Mangilli. Sei i punti all’ordine del giorno. Il primo tema affrontato è stato l’esame delle condizioni di eleggibilità e compatibilità del sindaco e degli eletti alla carica di consigliere comunale. Il neo primo cittadino ha aperto i lavori facendo avere a tutti i consiglieri la lettera di dimissioni presentata dal membro di minoranza della lista “Democrazia per San Martino”, Renato Bettonte, giunta all’ufficio protocollo nella mattinata di mercoledì. Il consigliere Bonato della lista “Per San Martino Bonato Sindaco”, ringraziando pubblicamente tutto l’elettorato che lo ha votato e facendo le congratulazioni al nuovo sindaco, ha sollevato un quesito in merito a una presunta incompatibilità alla carica di sindaco di Piasentini, poiché il fratello dello stesso è presidente della Banca di credito cooperativo del Medio Polesine. Questione subito chiarita dal segretario comunale che, sentenze e norme legislative alla mano (art. 63, comma 1, punto 2 del Tuel 267/2000), ha spiegato come tale incompatibiltà non sussista. Dopo aver chiarito ciò, il consigliere Pierpalolo Barison di “Democrazia per San Martino” ha portato il suo saluto al nuovo consiglio, augurando buon lavoro e impegnandosi con la sua lista a contribuire alla logica ‘del fare’ per il paese. Si è passati quindi alla votazione da parte degli 11 consiglieri presenti, nonché alla surroga al neo consigliere di minoranza Giuseppe Beggiao di “Democrazia per San Martino” che ha preso il posto del dimissionario Bettonte, determinando ben cinque consiglieri under 30 seduti a Palazzo Mangilli.
Il secondo punto all’ordine del giorno, ha visto il giuramento da parte del sindaco Vincio Piasentini. “E’ un onore doppio per me poter essere il sindaco di San Martino, sia per la ricorrenza della festa della Repubblica, sia per l’anno del 150° anniversario dell’unità d’Italia. Ciò mi riempie di immensa felicità e i principi su cui ci poggeremo saranno quelli di lealtà dei padri della Costituzione, per il bene del nostro paese”, queste le prime parole dopo il giuramento del nuovo primo cittadino tra gli applausi del consiglio e del pubblico.
Il terzo punto ha riguardato la comunicazione del sindaco, relativa alla nomina del vicesindaco e degli assesori comunali. Ilenia Francescon 28 eene, fresca di nomina a vicesindaco: “Sono consapevole del ruolo di donna più giovane, ma ciò mi rende ancor più responsabile nell’affrontare questo impegno per i prossimi cinque anni con ‘intelligente paura’, sapendo di essere supportata da una squadra all’altezza”. Si sono susseguiti via via i ringraziamenti e i buoni auspici degli assessori Merlin, Barbierato e Contiero e dei consiglieri Crivellari, Bonato e Pierpaolo Barison.
L’unica osservazione sollevata dal consigliere Bonato ha rigurardato la nomina ad assessore esterno di Caludio Contiero, apparsa più una “cambiale politica” con il Pd che un accordo condiviso e trasparente. La risposta di Piasentini a Bonato ha chiarito che tale incarico è stato affidato a Contiero per rendere ancora più efficiente la ‘macchina amministrativa’ e la persona in questione ne ha tutte le capacità.
La presa d’atto dei capigruppo consiliari è stato il quarto punto trattato. Roberto Merlin di Nuova Venezze, Tiziano Bonato Per San Martino Bonato sindaco e Giuseppe Beggiao di Democrazia per San Martino sono stati nominati i rispettivi capigruppo.
Il quinto punto ha visto la nomina della commissione elettorale comunale: Luca Rosa, Daniele Barison e Cesarino Crivellari sono risultati i componenti di prima nomina, mentre Ivo Contiero, Diego Novo e Giuseppe Beggiao i componenti supplettivi.
L’ultimo punto riguardante l’approvazione degli indirizzi per la nomina, designazione e revoca dei rappresentanti del comune presso enti, aziende ed istituzioni è stata votata all’unanimità da tutti e 12 i consiglieri.

Fonte: La Voce di Rovigo del 03.06.2011 – Gabriele Casarin

Vinicio Piasentini Candidato Sindaco per Nuova Veneze a San Martino di VenezzeSAN MARTINO DI VENEZZE – Si terrà il primo giugno il primo Consiglio comunale dopo le elezioni del 15 e 16 maggio. Il sindaco Vinicio Piasentini dopo il voto amministrativo che gli ha consegnato le chiavi di Palazzo Mangilli si prepara ad annunciare la formazione di governo con cui sarà alla guida del Comune di San Martino nei prossimi cinque anni. “Ho già in mente i nomi della nuova Giunta – ammette il neo primo cittadino – ma al riguardo preferisco prendermi ancora qualche ora per annunciare i nomi della squadra”. Di sicuro tra i quattro nuovi assessori un posto lo avrà anche l’ex sindaco Roberto Merlin, capolista e “campione di preferenze” nella consultazione elettorale: “Di sicuro – analizza Piasentini – cercheremo di rendere partecipe tutta la maggioranza facendo uso del consigliere delegato; è infatti mia intenzione dare spazio a tutti per cercare di far funzionare al meglio la macchina amministrativa”.

Nei primi 100 giorni di lavoro si punterà tra l’altro al rifacimento di piazza Aldo Moro, al completamento della pista ciclabile di Saline e si interverrà sui marciapiedi di Beverare. Spazio anche al sociale: “Ci siamo impegnati particolarmente su questo punto e in tal senso opereremo”.

Quindi, un’analisi del voto che ha visto la vittoria della lista di centrosinistra: “Al di là di questo – osserva – ritengo che i cittadini ci abbiano votato scegliendo soprattutto una ‘proposta’, un programma serio che ha raccolto un consenso trasversale da parte dei cittadini. E’ solito dire che ‘sarò il sindaco di tutti’, ma cercherò davvero di dimostrarmi tale con l’obiettivo di imprimere un cambiamento e una crescita al nostro paese”.

Fonte: La Voce di Rovigo del 20.05.2011 – Federico Rossi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: