Header image

Matteo Donà Basket San Martino di VenezzeAnche nel match di ritorno il San Martino vince il confronto con il Campo San Martino (Limena), dopo una gara di rincorsa nella fase iniziale con aggancio nella seconda metà gara e la gestione nel finale contro una squadra patavina troppo nervosa che viene sanzionata dal duo arbitrale forse con troppa severità.

Primo quarto ed i bianconeri mostrano bel gioco senza però trovare canestri, nonostante i tiri siano tutti presi con i piedi per terra e senza forzature, mentre in difesa le lente rotazioni e la differenza fisica (Brigo ancora assente per l’infortunio), aiutano i padovani a trovare canestri anche su doppio o triplo rimbalzo. La gara rimane quindi su punteggio basso, nonostante i polesani mostrino il gioco migliore, cosi si arriva alla chiusura del quarto con il punteggio di 11 pari.

Nel secondo quarto la musica non cambia e qualche errore di troppo dei bianconeri dà ai patavini la possibilità di andare al riposo lungo di metà gara sul +1, sul punteggio di 26-25.

Durante la pausa Battistini chiede maggiore attenzione difensiva con rotazioni piu veloci e taglia fuori piu efficaci.

Al ritorno in campo la gara sembra un’altra, con il team di capitan Salvà che sciorina gioco veloce, contropiedi ed una difesa asfissiante che recupera palloni e mette a referto punto su punto, portando a chiusura del periodo il punteggio sul 34-43, con un parziale di 8-19 che inizia ad innervosire gli avversari.

Nell’ultimo quarto di gioco infatti, i patavini iniziano a protestare con continuità e gli arbitri dal canto loro sanzionano con tecnici ed un paio di espulsioni sia giocatori che panchina di casa.

I bianconeri mantengono la tranquillità per giocare sino al termine e grazie ad una difesa che non lascia spazi, ed un attacco che ben si adatta alla zona messa in campo dagli avversari, incrementa il punteggio che sulla sirena finale diventa un 51-67, con un parziale di 17-23, che premia i colori bianconeri, rimanendo cosi agganciati alle squadre di vertice e mantenendo 2 punti di vantaggio in classifica sull’inseguitore Tombolo.

“Una buona gara – dice coach Battistini – che ci ha visti mettere in campo una difesa che a tratti era impenetrabile ed una fase di attacco che è sempre stata su buoni ritmi, con il canestro che nella prima metà gara ci sputava fuori i tiri nonostante fossero tutti presi al ritmo giusto. Contento dei ragazzi e credo che il nostro obiettivo sia stato raggiunto, anche se per sicurezza è meglio mettere altri due punti in classifica per essere nei play-off.”

Venerdi 18 con inizio alle 21,30 la gara di ritorno con l’Armistizio che all’andata aveva dato una severa lezione ai bianconeri, i quali vorranno di sicuro dimostrare il loro vero valore e magari prendersi quei due punti che significherebbero salvezza ottenuta e play off per il salto di categoria.

CAMPO SAN MARTINO – SAN MARTINO DI VENEZZE 51-67
(11-11, 15-14, 8-19, 17-23)

TABELLINI:

CAMPO S. MARTINO: Scarso, Zanon 4, Griggio, Inglese 5, Dogo 4, Zanetti, Lamon 9, Bortoletto 3, Cellini 13, Como 7, Rombaldi, Frizzarin 6, Allenatore Gianesini.
SAN MARTINO: Colombo 2, Cammilli 6, Donà 26, Zago, Rossi R., Grande 1, Rigato 1, Ferrari 5, Salvà 5, Rossi A. 20, Spiandorello 1, Allenatore Battistini.

Tiri Liberi: Campo San Martino 13/22, S. Martino 27/39
Usciti per 5 falli: Dogo, Cellini, Frizzarin (CSM), Salvà (SM)

Espulsi: Zanon, Gianesini (CSM)

Arbitri: Ottolini di Ponte S. Nicolò e Zanon di Padova

Alberto Rossi del Basket San Martino di Venezze 2011Prestazione poco brillante per la squadra di Battistini, che torna da Cittadella con una sconfitta ed il conseguente scavalcamento in classifica della Virtus Cave.

La gara inizia con buon piglio dei bianconeri, ma non trovano però i soliti canestri dei lunghi e cosi il Tombolo prima raggiunge e poi sorpassa, allungando nel punteggio e mandando in tilt la difesa del San Martino.

Coach Battistini punta ad aumentare l’intensità difensiva per non dare tiri facili e chiede piu collaborazione offensiva, ma la serata è davvero grigia per i due lunghi Brigo e Rossi e la poca intraprendenza delle guardie fa sì che la partita non cambi sostanzialmente.

Il primo quarto si chiude sul 20-12, ed il secondo con un parziale di 22-15 manda le squadre al riposo lungo sul punteggio di 42-27. Bianconeri che non riescono a trovare la via del canestro, mentre la squadra di casa infila ripetutamente la retina ospite dalla distanza e dalla lunetta con soli 4 canestri dentro l’area.

Un sussulto dei polesani nel terzo periodo riporta sotto la squadra nel punteggio, sino al -10 ad un minuto dalla sirena di fine terzo quarto, con palla in mano che viene sprecata.

Nell’ultimo quarto si parte dal punteggio di 48-38 con la possibilità di giocarsi la gara sino in fondo, ma ben presto il team sanmartinese getta alle ortiche l’inerzia della gara concedendo troppo in fase difensiva ad un Tombolo che è in serata al tiro e che non sbaglia nulla, andando già a metà quarto sul +15 per chiudere con il +20 finale sul punteggio di 64-44, poco realista sul’effettivo valore delle due squadre, ma giusto per la brutta gara giocata dai bianconeri.

Venerdi prossimo la prima di due gare casalinghe consecutive, contro l’altra squadra polesana, la Pallacanestro Adria, che staziona all’ultimo posto della classifica di campionato e che ormai pare sicura della retrocessione, ma che sicuramente verrà nella palestra di via Marconi intenzionata a vendicare la gara di andata.

TOMBOLO – SAN MARTINO  64-44
(20-12, 22-15, 6-11, 16-6)

TABELLINI:

TOMBOLO: Crocetta, Pasetti 4, Toniato 4, Nwokeka 6, Trolese 2, Rossato 6, Policastri M. 2, Dankwa 14, Favaro 16, Fortunati, Policastri F. 11, allenatore: Simioni.

SAN MARTINO: Cammilli, Donà 6, Zago 6, Rossi R., Grande, Rigato 2, Ferrari 2, Brigo 6, Rossi A. 13, Salvà, Golinelli 9, Allenatore Battistini.

Tiri Liberi: Tomb. 7/14, S. Martino 7/12

Arbitri: Giusto di Albignasego e Nardi di Selvazzano

Andrea Grande del Basket San Martino di VenezzeIl San Martino, dopo la sconfitta interna nel turno precedente contro l’Este, riprende subito la marcia aggiudicandosi in trasferta il match contro il Noventa.
La gara che si prospettava complicata per le assenze dei due Rossi e di Ferrari è invece stata fluida dopo un impaccio iniziale dovuto al nervosismo ed alla troppa foga messa in campo per la voglia di riscattarsi dalla bruttissima prestazione del venerdi precedente.
Si inizia subito con una grossa mole di gioco che però viene poco premiata dai troppi errori in fase conclusiva e con una difesa un po’ troppo larga, i bianconeri concedono un leggero vantaggio ai padroni di casa del Noventa che chiudono sul + 5  il parziale (18-13).
Battistini chiede una piu attenta gestione della palla ed una circolazione piu veloce contro la difesa a zona schierata dai patavini. Al terzo minuto di gioco del secondo quarto ecco che la squadra finalmente prende le giuste misure e con una difesa asfissiante e veloci contropiedi e transizioni infligge un parziale terribile di 24-0 in 6 minuti di gioco chiudendo di fatto la partita già prima della pausa di metà gara. Le squadre vanno al riposo infatti sul punteggio di 27-46 con il team polesano in controllo totale della gara.
Terzo periodo che viene amministrato nonostante qualche iniziale difficoltà contro la difesa ospite passata a uomo fino al 5′ minuto, momento in cui si rivede nuovamente la squadra bianconera riprendere le redini del gioco e portare la chiusura di quarto sul punteggio di 45-66 (parziale di 18-20) che permette di affrontare anche l’ultimo quarto senza preoccupazioni e con la possibilità di dare minuti di gioco a tutti i componenti del team.
L’ultimo quarto concede un piccolo rientro nel punteggio ai patavini che a cavallo di metà quarto mettono a segno un break di 6 punti che rimarrà tale sino alla sirena finale dando la vittoria comunque ai polesani che si aggiudicano i due punti con il 72-87 finale.
“Questa sera ho visto davvero i miei giocatori dare il massimo – dice coach Battistini – segno che volevano dimenticare la gara precedente in fretta. Tutti hanno giocato con alto minutaggio senza dare segni di cedimento e dimostrandomi che chiunque scendesse in campo il gioco non ne risentiva, segno che se viene dato il massimo e si rimane concentrati diventiamo una squadra temibile in tutti i punti del campo. Su tutti da segnalare la prova di Brigo che in 30 minuti mette a segno 29 punti, di Donà e Camilli che hanno dato la loro impronta in cabina di regia, e di Golinelli e Grande che con la loro velocità hanno messo in ginocchio gli avversari. In ogni caso tutti si son dimostrati combattivi e precisi come Colombo e Spiandorello che hanno sostituito nel ruolo la nostra ala Rossi che mancava per malattia e Zago, Salvà e Rigato che hanno dato la loro impronta fatta di esperienza ed intensità di gioco.”
La prossima gara vedrà i bianconeri tornare tra le mura amiche per affrontare il Vigodarzere con palla a due venerdi 11 alle ore 21,30.

NOVENTA PADOVANA – SAN MARTINO DI VENEZZE 72-87
(18-13, 9-33, 18-20, 27-21)

TABELLINI:
NOVENTA: Simoncini 8, Petrin, Gentili 7, Nazzari 4, Quareni 13, Scanferla, Pilotto 2, Saviolo 22, Cavara 14, Zampieri 2, Allenatore Loverro.
SAN MARTINO: Colombo 5, Cammilli 14,  Donà 20, Zago 6, Grande 4, Rigato 3, Brigo 29, Salvà, Spiandorello, Golinelli 6, Allenatore Battistini.
Tiri Liberi: Noventa  7/20, S. Martino 11/27
Usciti per 5 falli: Brigo (SM)
Arbitri: Berton di Este e Giacon di Maserà.

Fonte: La Voce di Rovigo del 08.02.2011

Prestazione pessima della squadra polesana che perde per la quarta volta in campionato rimanendo comunque al terzo posto in classifica dietro Armistizio e Silvestrini, a pari punti con la Virtus Padova.
La gara è subito in salita per i bianconeri che non riescono a creare gioco e vengono puniti ad ogni errore difensivo dal Redentore che chiude in vantaggio di 6 il primo quarto e di 9 sul 24-33 al riposo lungo di metà gara.
Alla ripresa dei giochi quando ci si aspetta la reazione del team polesano si sbaglia, perché mentre l’Este continua a macinare gioco e difesa aggressiva, il San Martino va sempre piu spegnendosi lasciando il controllo assoluto agli ospiti, che vincendo anche il terzo parziale, iniziano l’ultimo quarto di gioco con il punteggio a loro favore di 36-52 con un +16 che la dice lunga sull’andamento della gara.
Ultimo quarto e la forbice si allarga oltre misura, con gli ospiti che continuano a colpire e a difendere recuperando palla su palla e portando sulla sirena finale il risultato sull’agghiacciante 45-72.
“Gara all’insegna degli errori e del nervosismo – dice coach Battistini – con i ragazzi che non riuscivano a costruire nulla e che nemmeno sembravano una squadra. Sono quelle serate che ogni tanto possono capitare ma che bisogna doverosamente subito dimenticare per riprendere il filo interrotto e cercare di rimanere nelle posizioni che assicurano i play off. In questa gara c’è davvero pochissimo da salvare se non il fatto che giocando in questo modo nessuna partita si può vincere.”
Venerdi 4 febbraio con inizio alle ore 21,15 i bianconeri saranno di scena a Noventa Padovana per rialzare subito la testa anche se l’incontro potrebbe riservare molte difficoltà visto il buon momento ed il tipo di gioco dei patavini.

SAN MARTINO DI VENEZZE – REDENTORE ESTE  45-72
(8-14, 16-19, 12-19, 9-20)

TABELLINI:
SAN MARTINO: Cammilli, Corazza 2, Donà 6, Zago, Rossi R. 2, Grande 3, Ferrari, Brigo 12, Salvà, Rossi A. 20, Golinelli, Allenatore Battistini.
REDENTORE ESTE: Pasqualotto 4, Scarambone N. 4, Candeo 2, Dallagà 17, Franchin A. 3, Roncoletta 8, Franchin N., Scarambone M. 4, Berto 5, Zarantonello 14, Ortoman 3, Sguotti 3, Allenatore Zanetti.
Tiri Liberi: S. Martino 17/24, Este 17/27
Usciti per 5 falli: Brigo (SM)
Arbitri: Poulidis e Zanon  di Padova

SAN MARTINO DI VENEZZE – Il San Martino di Venezze torna subito al successo e lo fa davanti al pubblico di casa superando di larga misura l’Ardens Arcella, una delle squadre di alta classifica.
I padroni di casa giocano un match quasi perfetto, con prestazione convincente e a tratti davvero brillante. Sono subito gli ospiti i più attivi mettendo a segno vari punti, complince qualche disattenzione difensiva dei bianconeri. Dal 5’ la difesa polesana migliora, andando a coprire bene nei raddoppi e anticipare sul primo passaggio, riuscendo ad andare in vantaggio e chiudendo il primo parziale con un +5.
Si prosegue bene anche nel secondo parziale, con buone azioni e movimento di palla che mette in difficoltà la difesa patavina sia sul tiro da fuori sia nel pitturato.
La concentrazione dei bianconeri in difesa migliora col passare del tempo e lascia poco ai padovani, che riescono a rimanere in scia grazie alla loro grande tecnica e a un tiro da fuori quasi letale. Alla fine del secondo parziale i rodigini allargano la forbice fino a un +12.
Coach Battistini durante la pausa chiede ai suoi di non pensare che la partita sia chiusa, ma anzi diventa più difficile perché gli ospiti sicuramente non rimarranno passivi davanti all’andamento della gara: e infatti l’Ardens lima lo svantaggio a inizio terzo quarto portandosi a -6.
A questo punto il match s’infiamma, in quanto nel tentativo di arginare il gioco dei bianconeri gli ospiti iniziano a usare le armi dell’esperienza diventando più aggressivi. Gli arbitri li puniscono e i polesani riprendono il vantaggio incrementandolo sino al +18 di fine quarto. Donà che fino a quel momento ha sciorinato gioco e punti, deve uscire per un risentimento muscolare, Battistini abbassa la squadra in campo e l’Ardens ne approfitta riportandosi sotto sino a -8 a meno di 4 minuti dal termine.
I bianconeri si stringono e trovano i canestri della sicurezza, grazie anche ai liberi provocati dal fallo sistematico degli ospiti. La gara si chiude con una forbice di 20 punti e con i ragazzi che festeggiano per l’immediata e ritrovata vittoria, dopo la sconfitta del turno precedente.
“Abbiamo giocato a viso aperto- dice coach Battistini- affrontando una delle migliori squadre in assoluto, se non altro per il tasso tecnico, dei suoi giocatori, tutti ex serie B e C, limitando i loro attacchi e non lasciandoci coinvolgere dal nervosismo che nasceva in campo col passare dei minuti. Sono contentissimo della squadra, perché ho visto attacco e difesa ad alto livello. Qualità che io credo che i ragazzi possano esibire ad ogni gara, e ora vediamo le prossime gare cosa diranno per la nostra classifica”.
Venerdì San Martino andrà a far visita allo Janus Selvazzano, squadra costruita per vincere il campionato e che si torva in classifica appena sotto i bianconeri.

Fonte: La Voce di Rovigo del 07.12.2010

Azione del Basket San Martino di Venezze in PromozioneSAN MARTINO DI VENEZZE – Ancora una vittoria per il San Martino che vince il confronto con il Campo San Martino (Limena) tra le mura amiche, al termine di una gara davvero combattuta e bella da vedere.
Continui capovolgimenti con mini-break delle squadre che si affrontano a viso aperto con leggero predominio dei bianconeri di casa che chiudono in vantaggio di 5 il primo quarto.
Secondo quarto con la difesa di casa che stringe le maglie ma con qualche forzatura di troppo in attacco che lascia ai patavini un leggero vantaggio per chiudere sotto di 1 il parziale ma andando sul riposo sul punteggio di 36-32 per i ragazzi di coach Battistini.
Pausa con indicazioni per il gioco da attuare e terzo periodo che vede la supremazia dei polesani che chiudono sopra di 5 per un punteggio che dice 56-45 (+ 11)alla sirena di fine quarto, dopo aver toccato anche il + 20.
Ultimo periodo di gioco e gli ospiti tentano il recupero con una difesa a zona a tratti alternata alla uomo, come peraltro avevano già fatto nel periodo precedente, ed una maggiore intensità di gioco con raddoppi sul portatore di palla. Il San Martino trova qualche difficoltà per la bassa percentuale realizzativa dalla distanza che permette quindi agli ospiti di riavvicinarsi dopo che i bianconeri avevano ripreso un vantaggio di + 14.
Nel finale di gara i patavini si gettano in avanti per ricucire lo strappo ed i bianconeri controllano il punteggio amministrandolo.
Ad un minuto dal termine i bianconeri che sono sul + 5 mettono 1 libero e nell’azione seguente gli ospiti vanno a canestro subito portando il punteggio sul + 4 per i padroni di casa (68-64).
Rimessa e palla persa a metà campo per un fallo fischiato che da agli ospiti la possibilità di portarsi a meno 2, 68-66. Il minuto richiesto da coach Gianesini non viene dato dal tavolo e la rimessa in gioco dei bianconeri viene bloccata per un fallo a poco più di 4 secondi dalla fine, due liberi che vengono realizzati e punteggio sul 70-66.
Il minuto ora viene concesso e dalla rimessa in zona d’attacco con la difesa bianconera che non interviene dentro l’area e lascia realizzare il canestro sulla sirena ai patavini fissando il punteggio finale sul 70-68 che significa vittoria e consolidamento del posto in classifica.
“E’ stata una partita emozionante che mi ha visto – dice Battistini – abbastanza tranquillo se non per qualche errore di troppo in fase difensiva. L’importante era vincere e portare a casa due punti importantissimi che a questo punto della stagione fanno raggiungere il totale di quelli incamerati a termine della stagione passata. ospiti ben messi in campo con bel gioco o velocità che ci mettono in difficoltà con la zona per la nostra percentuale al tiro non ottimale, ma noi eravamo concreti e decisi e l’ottima partita sfoggiata dal nostro play Donà, abbinata al gioco di squadra ci ha permesso di raggiungere la vittoria”.
La prossima gara venerdì con inizio alle 21.30 ospiti all’Armistizio che rappresenta il meglio del campionato e che appaia in classifica i bianconeri, per una sfida che vedrà i polesani dover far fronte all’assenza importante di Donà e che quindi dovranno gestire in maniera diversa il gioco offensivo.

Risultato Finale: San Martino di Venezze – Campo San Martino 70 – 68
Parziali: 22-17; 14-15; 18-13; 16-23
San Martino: Donà 24, Maltarello 7, Rossi R. 4, Grande 2, Rigato 2, Ferrari 3, Brigo 8, Salvà, Rossi A. 12, Munari 8. Allenatore. Battistini
Campo San Martino: Scarso, Griggio, Cavinato 9, Inglese, Fanton 15, Dogo 12, Zanetti 4, Lamon 4, Bortoletto 2, Cellini 2, Como 10, Frizzarin 10. Allenatore: Gianesini
Arbitri: Zurma di albignasego e Bagatella di Conselve
Tiri liberi: San Martino 11-13

LA CLASSIFICA:
14 Armistizio
14 Vistus Cave
14 San Martino di Venezze
14 Ardens
12 Thermal Abano
10 Campo San Martino
10 Selvazzano
8 Terme Euganee
8 Tombolo
6 Camposampiero
6 San Marco
4 Este
2 Noventa
2 Vigodarzere
2 Adria
2 Porto Tolle

Fonte: La Voce di Rovigo del 23.11.2010

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: