Header image

“…Roa roa tuti casa soa!” E’ la conclusione di una filastrocca che si utilizzava per un gioco che ricordano bene i nati negli anni 50-60 del 1900.
Oggi deve diventare l’imperativo da adottare per un efficace e risolutivo contrasto alla diffusione del virus Covid-19.
Le autorità stanno facendo la loro parte mettendo a disposizione informazioni e servizi per la consegna a domicilio di medicine e quant’altro con l’ausilio della Protezione Civile (SERVIZIO GRATUITO DI CONSEGNA ALIMENTARI E FARMACI A DOMICILIO ALLE PERSONE ANZIANE SOLE E IN DIFFICOLTA’ TEL. 339-3002589).
Anche i negozi si sono attrezzati per offrire il servizio a domicilio ed evitare assembramenti o anche altri tipi di contatto anche occasionale.
Ci rimane da far bene la nostra parte, STARE A CASA.
Diamo un mano a chi ci da una mano nel nostro interesse.
Atteniamoci alle disposizioni emanate dal governo e ribadite dal sindaco. (http://www.comune.sanmartinodivenezze.ro.it/homepage/uffici/segreteria_generale/notizie/coronavirus.aspx).
Infine  pubblichiamo l’appello di ieri formulato dal sindaco Vinicio Piasentini:

VI INFORMO CHE FINO AD OGGI NESSUN RESIDENTE DI SAN MARTINO DI VENEZZE È RISULTATO POSITIVO AL CORONAVIRUS. NE APPROFITTO PER RIBADIRE LA NECESSITÀ DI RISPETTARE LE PRESCRIZIONI. STIAMO IN CASA. C’È ANCORA TROPPA GENTE IN GIRO. A FARE LA SPESA NON CI SI VA OGNI GIORNO E NEMMENO A PASSEGGIARE O A CORRERE. NON FACCIAMO I FURBI, RISPETTIAMOCI E RISPETTIAMO CHI SI STA AMMAZZANDO DI LAVORO PER NOI NEGLI OSPEDALI. MA NON FACCIAMOLO SOLO A PAROLE, DIMOSTRIAMOLO COI COMPORTAMENTI. NON AUSPICO CHE CI CHIUDANO DEFINITIVAMENTE IN CASA, MA SE SUCCEDERÀ CE LO MERITIAMO.
SE PER ORA NON CI SONO CASI NEL NOSTRO PAESE POSSIAMO SOLO RINGRAZIARE DIO. MA FACCIAMO IN MODO CHE NON CI SIANO. SE DOVESSE SUCCEDERE, ED È POSSIBILE, NON CURIAMOCI DI SAPERE CHI È. CI SONO PERSONE SOTTOPOSTE A CONTROLLO DOMICILIARE, NON È UTILE CHE SI SAPPIA CHI SONO. TUTELIAMO LA DIGNITÀ E LA PRIVACY DI OGNUNO. PUÒ CAPITARE A CHIUNQUE, E A NESSUNO FAREBBE PIACERE CHE SI SAPESSE IN GIRO. SE QUALCHE NOSTRO CONCITTADINO DOVESSE ESSERE RICOVERATO E LO VENISSIMO A SAPERE DALLE AUTORITÀ SANITARIE NON DOVRÀ ESSERE UN DRAMMA O COLPA DI NESSUNO. COLLABORIAMO PIUTTOSTO AFFINCHÉ NESSUNO SI AMMALI. SE AVETE FAMILIARI ANZIANI O PARENTI O PERSONE IN DIFFICOLTÀ DITEGLI DI NON USCIRE. ABBIAMO ATTIVATO UN SERVIZIO DI CONSEGNA ALIMENTARI E FARMACI A DOMICILIO, CHE QUASI NESSUNO UTILIZZA. E’ GRAVE, MOLTO GRAVE. TROPPI ANZIANI, ANCHE SE INFORMATI DIRETTAMENTE DEL SERVIZIO, GIRANO PER LE STRADE. AIUTATELI. INFORMATELI. DITEGLI DI CHIAMARE IL NUMERO DELLA PROTEZIONE CIVILE. MI DISPIACE ESSERE COSI’ DURO, MA MI SENTO IN DOVERE DI DIRVELO PERCHE’ POSSIAMO E DOBBIAMO FARE DI PIU’. SIAMO PIU’ FORTUNATI DEI NOSTRI FRATELLI IN GRAVE DIFFICOLTA’, NON DOBBIAMO RISCHIARE DI AMMALARCI COME LORO. VI SALUTO CON AFFETTO. CE LA FAREMO.

 

 

 

fonte: civicovenezze

 

 

 

 

Sabato 17 Novembre 2018, nel Nostro Comune, è stata programmata una Manovra addestrativa del distretto intercomunale di Protezione Civile denominato “RO3”, composto dunque dalle Associazioni/Gruppi di Volontariato dei Comuni di: San Martino di Venezze, Pettorazza Grimani, Villadose, Ceregnano e Rovigo.

L’obiettivo della manifestazione è di mettere a sistema le esperienze frutto di molteplici attività addestrative, formative e di partecipazione dei gruppi di volontariato del Distretto, nonché di testare il Piano Comunale di Protezione Civile in fase di aggiornamento.

Durante la manifestazione verranno effettuate diverse simulazioni, quali ipotesi di allagamento di parti del territorio, trombe d’aria, ecc. al fine di verificare le tempestività della risposta e il funzionamento dei sistemi di gestione dell’emergenza.

Alle manovre partecipano anche il Comune di San Martino di Venezze, i Vigili del Fuoco di Rovigo, il Genio Civile di Rovigo, la locale Stazione dei Carabinieri, la Croce Rossa Italiana.

Ieri, 28 settembre, gli alunni della 5^ classe scuola primaria e quelli della scuola secondaria hanno partecipato alla manifestazione “Puliamo il Mondo” promossa da Legambiente.
Gli alunni, accompagnati da insegnanti operatori comunali e membri della protezione civile, si sono diretti nelle aree loro assegnate per procedere alla pulizia di: presso frazione di Beverare (giardini di Via della Libertà), Via Alighieri – Via Giovanni XXIII – Via Vallona – Via del Melo – Piazza Del Frutteto – giardini Capoluogo e zona impianti sportivi e Parco Vallona.
Al termine delle operazioni, e con i sacchi di raccolta, si sono radunati davanti al Municipio accolti dal sindaco Piasentini il quale, brevemente, ha spiegato loro l’importanza di un comportamento consapevole riguardo ai problemi ambientali; comportamento che impatta sul presente ed anche sul futuro.
Dopo il discorso di accoglienza, i ragazzi hanno mostrato i loro lavori fatti su cartelloni, anche interattivi, che mettevano in evidenza ciascuno un problema: dallo scioglimento dei ghiacci, alle radiazioni, alla estinzione di alcune specie.
E’ stata una bella giornata di sensibilizzazione, agli insegnanti un doveroso ringraziamento per come hanno accompagnato gli alunni nelle loro riflessioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

fonte: civicovenezze

Tema Protezione civile: Crivellari e Bonato abbandonano l’aula
nell’ultimo consiglio comunale, in disaccordo con la Giunta Piasentini

SAN MARTINO DI VENEZZE – Si è chiuso con una coda polemica l’ultimo consiglio comunale del 2012 tenutosi venerdì 28 dicembre nell’atrio della ex scuola elementare di Beverare. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il primo punto all’ordine del giorno circa l’ assunzione in forma associata della funzione di pianificazione di Protezione civile con i comuni del Medio Polesine. Dai banchi dell’opposizione si è levata la voce di Cesarino Crivellari della lista Per San Martino Bonato sindaco: “Qualche giorno fa ho preso visione di una lettera indirizzata a prefettura, Provincia, vigili del fuoco e Comune di Rovigo – ha introdotto Crivellari – in cui il sindaco Piasentini ha messo in evidenza come i responsabili della sezione locale della Protezione civile di San Martino di Venezze e i componenti del gruppo abbiano a suo avviso dimostrato scarsa sensibilità e disponibilità nell’attivarsi in occasione degli eventi meteorologici di fine ottobre. Questo però, per l’assenza della copertura assicurativa, senza la quale non potrebbero intervenire”. “Il presidente del gruppo – ha continuato il consigliere di minoranza – ha risposto alla lettera del sindaco smentendolo e sottolineando la disponibilità a collaborare. Dunque, se il sindaco vuole crearsi un gruppo di Protezione civile è libero di farlo, senza però screditare tutti i volontari che gratuitamente si sono abilitati a svolgere mansioni di aiuto in situazioni di calamità utilizzando solo le proprie risorse”. Il sindaco Piasentini, rispondendo a tale interrogazione, ha evidenziato che il punto in discussione riguardava solamente la gestione in forma associata delle funzioni di Protezione civile in sinergia con gli altri comuni quali Pettorazza, Villadose, Ceregnano, Gavello e Villanova Marchesana e non aveva nulla a che fare con la situazione locale attuale dell’organismo autonomo presieduto da Adamo Dicati, precisando: “La Protezione civile di San Martino è un organismo autonomo, non comunale, coordinato però dalla Provincia. Ad ottobre ho richiesto il loro aiuto per alcune situazioni di disagio create dalle forti precipitazioni, ma mi hanno risposto che, essendo privi della copertura assicurativa, non potevano intervenire”. Il primo cittadino entrando nello specifico ha aggiunto: “La nostra amministrazione si è resa disponibile al dialogo, fornendo se necessario la copertura assicurativa necessaria. A tutt’oggi però non sappiamo ancora ufficialmente se la Protezione civile di San Martino sia o meno operativa in caso di emergenza”. Crivellari e Bonato, assieme agli altri due esponenti della minoranza Beggiao e Formenton, hanno chiesto alla maggioranza di ritirare il primo punto dall’ordine del giorno. Messa ai voti, la richiesta è stata respinta e i consiglieri Bonato e Crivellari hanno abbandonato definitivamente la seduta. Successivamente il punto sulla Protezione civile è stato approvato dalla maggioranza, con le astensioni di Beggiao e Formenton. Successivamente sono state approvate anche le altre convenzioni con il Comune di Pettorazza per le gestioni delle funzioni di edilizia scolastica, di collaborazione tra gli uffici demografici e in ultima la costituzione in forma associata della struttura per la valutazione.

 

Fonte: La Voce di Rovigo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: