Header image

ROVIGO – Il Consiglio delle autonomie locali, organo di rappresentanza degli Enti Locali, ha i suoi componenti. In Polesine oltre al sindaco del comune capoluogo ed il presidente della Provincia, che ne fanno parte per diritto, c’è anche il comune di San Martino di Venezze con il sindaco Vinicio Piasentini.Il Cal è un organismo che ha il potere consultivo e propositivo di raccordo tra gli enti locali ed il consiglio regionale in tutte le materie che il consiglio va a trattare sulle autonomie locali.
Nella giornata di lunedì 15 ottobre a Palazzo Ferro Fini si è tenuto infatti lo spoglio delle votazioni dei componenti del Cal, che sono avvenute venerdì scorso.
Per i comuni con popolazione inferiore o pari a 5 mila abitanti, spicca il nome di Vinicio Piasentini, sindaco di San Martino di Venezze (Ro).
Il vicepresidente del Consiglio regionale, Bruno Pigozzo, ha commentato l’elezione dei componenti della Cal: “Oggi è sicuramente un momento importante, in quanto abbiamo a disposizione un nuovo organismo che rappresenta i territori e si pone quale diretto interlocutore del Consiglio regionale e della Giunta regionale per tutti quei provvedimenti programmatori, ma anche amministrativi, che interessano la vita quotidiana degli Enti Locali. Si apre quindi una fase nuova nel rapporto tra le Istituzioni e auspichiamo che ci possa essere grande collaborazione, non solo da parte dei componenti eletti, ma anche da parte degli organismi territoriali, i quali hanno come riferimento questo nuovo Consiglio delle autonomie locali. La prospettiva è quella di produrre una attività legislativa più rispondente ai fabbisogni del nostro Veneto, ma anche rispettosa di quelle che sono le prerogative di ogni istituzione. I processi dovranno essere possibilmente semplificati e si dovrà dare voce alle nuove istanze che interessano la Regione e insieme dare una risposta diretta e migliorativa ai servizi per i cittadini”.
“Nel rappresentare la provincia ho avuto il sostegno da tutti i sindaci, in modo trasversale, e per questo va loro un ringraziamento. – afferma Piasentini – Chiaramente mi metterò a disposizione di tutti loro per portare avanti le nostre problematiche al consiglio, anche perché un buon 70% dei comuni polesani sono sotto i 5 mila abitanti. Spero che sia uno strumento che possa funzionare in modo tale che i comuni abbiano voce in Regione”.

 

 

 

 

fonte: RovigoOggi

Il consiglio ha approvato il progetto provinciale

SAN MARTINO DI VENEZZE – Nessuna particolare novità nel consiglio comunale riunitosi lunedì sera nella sala consiliare di palazzo Mangilli.  Il punto più significativo messo sul tavolo è stato l’accordo di programma tra il comune sanmartinese e la Provincia di Rovigo sulla messa in sicurezza degli incroci lungo la Sp3 (via Penisola), con via Carducci e la Sp29 (via Ca’ Donà), mediante la realizzazione della terza corsia per il primo e di una rotonda per il secondo incrocio. L’importo della spesa ammonta a circa 550mila. Del progetto se ne è fatta carico la Provincia, mentre al Comune di San Martino spetterà il compito di reperire i fondi. Un primo passo per un’opera particolarmente necessaria lungo l’importante asse viario Rovigo-Padova e San Martino-Cavarzere. Le altre tematiche approvate in un consiglio che ha viaggiato spedito sono state le variazioni al bilancio di previsione 2013; l’attuazione dei programmi e la verifica degli equilibri del bilancio di esercizio; la sostituzione di un componente della commissione comunale per la formazione degli elenchi dei giudiuci popolari nelle Corti d’Assise e Corti d’appello; la determinazione del prezzo di prima cessione di un lotto di terreno in zona Peep ed infine, l’accettazione della donazione di un bene immobile da parte di privati. Con il consiglio comunale di lunedì serà ha fatto il suo ingresso in aula il consigliere di minoranza della lista Democrazia per San Martino, Stefano Menarello, che è subentrato al dimissionario Maurizio Formenton, il quale a sua volta aveva preso il posto di Pierpaolo Barison.

Fonte: La Voce di Rovigo

Bontemponi a BeverareBEVERARE (San Martino di Venezze) – Tappa a Beverare per i Bontemponi. Sabato sera il noto gruppo folkloristico bottrighese è andato in scena nella frazione sanmartinese, ospite della scuola paritaria per l’infanzia “Santa Maria Goretti”, come evento inserito nella rassegna “Cori in Polesine”, organizzato dalla Provincia di Rovigo, in collaborazione con l’amministrazione comunale sanmartinese e il supporto dell’associazione culturale “San Martino”.

Un evento che ha calamitato l’interesse di numerosi appassionati e curiosi dello spettacolo amatoriale, in chiave nostrana, trascorrendo momenti in compagnia, tra divertimento e risate. L’evento è stato ospitato nel cortile della scuola paritaria per l’infanzia, per creare un momento di incontro e far conoscere più da vicino la positiva realtà della frazione sanmartinese, che punta a consolidare il suo ruolo nel territorio di San Martino.

Durante la serata è stata organizzata anche una lotteria i cui fondi sono andati a sostegno della scuola di Beverare.

Fonte: La Voce di Rovigo

SAN MARTINO DI VENEZZE – Nel capoluogo in riva all’Adige nella giornata di ieri, come in molte altre città e paesi, si è celebrata la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Il sindaco Piasentini e l’assessorato alle pari opportunità del Comune di San Martino presieduto da Annamaria Barbierato hanno voluto ricordare questo importante evento.
Il 17 dicembre 1999, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha stabilito la data del 25 novembre quale “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, in memoria delle tre sorelle dominicane, Patria, Minerva e Maria Teresa, oppositrici della dittatura di Rafael Trujillo, prese in un’imboscata da agenti del servizio segreto militare, torturate e uccise il 25 novembre 1960. Il loro brutale assassinio risvegliò l’indignazione popolare che portò, nel 1961, all’assassinio di Trujllo e, successivamente, alla fine della dittatura. Questa giornata intende però ricordare anche tutte le altre vittime di ogni giorno della sopraffazione maschile, senza frontiere geografiche, né limiti di età o di nazionalità, di tutte le classi sociali. L’ Amministrazione comunale, con delibera di Giunta comunale n. 138 del 6 novembre 2009 ha aderito al protocollo d’intesa, contro la violenza ed il maltrattamento alle donne, promosso dall’ assessorato e dalla commissione pari opportunità della Provincia di Rovigo. Con  la sottoscrizione del protocollo, l’Amministrazione sanmartinese si è impegnata ad adoperarsi per garantire un efficace intervento integrato,  finalizzato alla prevenzione dei fenomeni della violenza, alla tutela dei diritti e alla protezione sociale delle vittime, nonché a promuovere iniziative di sensibilizzazione, informazione e formazione sul tema della violenza contro le donne.

Fonte: La Voce di Rovigo

Ilenia FrancesconIl giorno 25 settembre 2011 presso la piazza Vittoria Emanuele II di Rovigo si è tenuta la prima edizione della manifestazione “Comuni in Fiera: 50 occasioni per vivere il Polesine”. Manifestazione organizzata dalla Provincia di Rovigo per far conoscere il nostro Polesine con la sua economia, le bellezze artistiche, paesaggistiche e le specialità enogastronomiche di tutto il territorio polesano. Erano 35 i comuni presenti e oltre 100 espositori. Il Comune di San Martino di Venezze è stato rappresentato da Ilenia Francescon e Anna Maria Barbierato, rispettivamente vicesindaco e assessore alle politiche sociale. La partecipazione è stata ben più alta delle aspettative. Gli organizzatori hanno consegnato ad ogni espositore e al relativo Comune degli attestati di riconoscenza. Come espositore da San Martino di Venezze era presente l’azienda agricola “Le Barbarighe” gestita dalla famiglia Gagliardo con Leonardo, Silvia, Pier Francesco e Beatrice, i quali hanno provveduto ad allestire il loro stand con tutti i prodotti biologici provenienti dalla loro terra, quali farina per polenta, cereali per la zuppa, biscotti e pane riscuotendo un grandissimo successo tra tutti i partecipanti.

Fonte: Il Gazzettino di Rovigo

SAN MARTINO DI VENEZZE – Si è conclusa con lo spettacolo pirotecnico la 28esima Sagra di San Rocco di San Martino. Martedì sera, giorno in cui si è festeggiato l’omonimo santo, co-patrono del capoluogo in riva al’Adige (dopo San Martino), è calato il sipario sulla tradizionale kermesse che ogni anno, da ben 28 anni, si svolge dai primi di agosto fino al giorno 16, organizzata dall’associazione culturale ‘San Martino’, con il patrocinio del’amministrazione comunale, della Provincia di Rovigo e della Regione Veneto.
Dodici le serate che hanno accompagnato i numerosi visitatori, sanmartinesi e non solo, attraverso vari intrattenimenti, dal ristorante e pizzeria, alla tombola, dal ballo liscio al palarokko per i giovani. Nella palestra di via Marconi e all’esterno, si è svolta anche la 23esima edizione della mostra del commercio e dell’artigianato del Medio Polesine, che ha fatto da da cornice alla manifestazione fieristica. Numerose le presenze registrate, soprattutto l’ultima sera, in cui, come al solito, in tanti hanno affollato l’area degli impianti sportivi di via Marconi, per concludere con il classico tombolone da 2 mila euro, che ha tenuto gli occhi fissati sulle classiche cartelle, di qualche migliaio di appassionati. Al termine dell’estrazione, spazio allo spettacolo pirotecnico che ha chiuso ufficialmente la 28esima edizione, tra gli applausi del numeroso pubblico e un arrivederci al prossimo anno.

Fonte: La Voce di Rovigo – Gabriele Casarin

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: