Header image

Il Comune di San Martino di Venezze aderisce alla Giornata della Memoria e dell’Impegno Giovedì 21 Marzo 2019 alle ore 10.40 nel piazzale antistante Piazza Aldo Moro incontrando i ragazzi della Scuola Secondaria di Primo Grado “D.Alighieri” che effettueranno la lettura dei nomi delle vittime innocenti di tutte le mafie.
La Giornata nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e Avviso Pubblico e giunta alla XXIV edizione, quest’anno si svolgerà il prossimo 21 marzo a Padova, scelta come piazza principale, e in contemporanea in tanti luoghi in tutta Italia. Come ogni anno, nel primo giorno di primavera, simbolo di rinascita, le reti di Libera e Avviso Pubblico, gli enti locali, le realtà del terzo settore, le scuole e tanti cittadini, assieme alle centinaia di familiari delle vittime, si ritroveranno in molte città per ricordare, nome per nome, tutti gli innocenti morti per mano delle mafie, creando in tutto il Paese un ideale filo di memoria, quella memoria responsabile che dal ricordo può generare impegno e giustizia nel presente, per scaricare il volantino cliccare sul link seguente no alla mafia.

nomafia

 

 

fonte: civicovenezze

Domenica 3 marzo 2019 alle ore 14,30, si rinnova la tradizione del carnevale  di San Martino, giunto alla sua 39^ edizione.
Frutto della collaborazione tra Associazione Culturale “San Martino”, Amministrazione Comunale di S. Martino di Venezze, Unità Pastorale di S. Martino Vescovo e Santa Maria Assunta.
Come da tradizione, a tutti i presenti: CROSTOI, FRITEE e VIN!!!. Giochi e attrazioni per grandi e piccini
Vi aspettano!!!
La manifestazione si terrà presso gli impianti sportivi di Via Dante Alighieri. In caso di maltempo la manifestazione si svolgerà al coperto.

PROGRAMMA
ORE 14.30 Apertura del 39° Carnevale Sanmartinese Iscrizione per il concorso “Mascherina
Sanmartinese 2019”
ORE 15,00 SPETTACOLO CON BABY DANCE E BALLI DI GRUPPO CON STARS ANIMAZIONE IN COLLABORAZIONE CON IL GRUPPO ANIMATORI PARROCCHIALE
ORE 16.00 “SFILATA MASCHERINE”
ORE 17.30 PREMIAZIONE CONCORSO “Mascherina Sanmartinese 2019”
Tutte le mascherine iscritte al concorso saranno premiate

CARNEVALE2019

 

 

 

fonte: civicovenezze

La chiesa di San Martino Vescovo, nel capoluogo, è stata riconsegnata ai fedeli per il culto a metà dello scorso anno, e già è venuto il momento di metter mano a quella dedicata a Santa Maria Assunta in Beverare che da tempo mostrava segni di degrado in alcune sue parti.
Si tratta di effettuare i lavori di restauro e conservazione dell’interno, e del rifacimento degli impianti.
Redatto il progetto nel corso del 2018 è stato presentato alle autorità competenti sia civili che ecclesiastiche per ottenerne l’approvazione; contemporaneamente sono state inoltrate anche le richieste di contributo alla Cei ed alla Fondazione della Cassa di Risparmio del Veneto.
Finalmente approvate le forme di finanziamento, si è potuto dar corso alla fase esecutiva ed è per questo motivo che la Chiesa sarò inagibile da Lunedì 4 marzo fino alla fine del mese di agosto, data prevista di ultimazione delle opere, compresa pulizia e smantellamento del cantiere.
Le funzioni religiose del sabato e della domenica saranno celebrate nelle vicine ex scuole elementari, dove attualmente svolge la propria attività il centro C.A.S.A..
Il disagio di questo periodo sarà sicuramente compensato con la consapevolezza di aver ottenuto una struttura più solida, abbellita e funzionale.

Nella chiesa parrocchiale di  S. Pio X -Rovigo- , a dare l’ultimo saluto a Silvano Longo 55 anni, scomparso improvvisamente venerdì scorso, c’era tutto il cuore di San Martino.
Stretti attorno ai familiari, c’era una chiesa piena di amici, parenti, conoscenti e colleghi e altri presenti solamente a titolo di solidarietà in un momento così particolare, che hanno assistito commossi alla santa messa celebrata dal parroco di S. Pio X e concelebrata da Don Giuliano Zattarin, parroco di San Martino di Venezze.
Dopo la cerimonia il feretro si è diretto al centro per la cremazione e le ceneri ritorneranno per la tumulazione nel cimitero di San Martino di Venezze.

SAN MARTINO DI VENEZZE (RO) – Due giorni dedicati ai colombi. Succederà sabato 27, dalle 8 alle 22, e domenica 28 ottobre dalle 8 alle 18, con la mostra sociale del club colombofilo polesano presso il teatro Tenda in via Marconi di San Martino di Venezze.
Sono già iscritti 483 colombi che verranno giudicati da giudici della Federazione italiana allevatori colombi, verranno esposti animali di rara bellezza sia da carni che ornamentali.
La manifestazione è stata realizzata grazie alla disponibilità dell’amministrazione comunale, della Coldiretti di Rovigo e di Rovigo Banca.

 

 

 

fonte: RovigoOggi

Sabato l’ultimo saluto al 36enne venuto a mancare giovedì dopo un intervento al cuore. Centinaia gli amici presenti al funerale: “Che il ricordo del tuo sorriso sia la nostra pace”
Una delle musiche che adorava di più. Sono state proprio le dolci e struggenti note di “I will find you” (“Io ti troverò”), tratte dal film “L’ultimo dei Mohicani”, a dare l’ultimo saluto a Luca Cazzadore, il 36enne di San Martino venuto a mancare giovedì sera all’ospedale Sant’Orsola di Bologna, dopo un lungo e complesso intervento al cuore. Cuore già provato, che non ha retto all’ultima battaglia. Una mancanza che ha lasciato attonita tutta la comunità sanmartinese e non solo. Tante le persone che hanno voluto essere presenti al funerale di sabato pomeriggio. La chiesa di San Martino non è riuscita a contenere le centinaia e centinaia di amici e parenti, in tanti riempiendo l’interno della parrocchiale, ma la maggior parte assiepando il sagrato, ascoltando la semplice ma commovente omelia di don Giuliano Zattarin, visibilmente provato nel celebrare l’eucarestia, così come tutti i presenti.
Un calvario, quello di Luca, iniziato all’età di 19 anni con un aneurisma all’aorta. Da lì per lui è cominciato un cammino difficile, durato 17 anni costellati di numerosi interventi, ricadute, riprese, dialisi. Anni che lo hanno provato nel fisico, ma che non ne hanno scalfito il carattere e il carisma, sempre guerriero e battagliero, un trascinatore. Esempio di determinazione e forza di volontà, caratterizzati dal suo spirito e dal suo senso dell’umorismo con tutti. “Ciò a cui Luca teneva di più – le parole di don Giuliano Zattarin durante l’omelia – era l’amicizia, un valore fondamentale per lui. Era sempre in grado di infondere speranza negli altri, nonostante le sue dure prove”.
Toccanti le parole finali giunte dalle sue nipoti, dai suoi amici e da una dottoressa che l’ha seguito durante il suo percorso in ospedale. E ancora più commoventi quelle di congedo di sua madre Ida: “Grazie a tutti coloro che ci sono stati vicini in questi anni. Tutti indistintamente, a loro modo, ci hanno sempre fatto sentire la loro solidarietà. Continuare a vivere per Luca sarebbe stata una sofferenza più dura. Ora sta davvero bene”. Un lungo applauso ha accompagnato questo ultimo commiato, segno che Luca ha saputo lasciare il segno in tante persone e tanti amici che nel loro messaggio lo hanno ringraziato così: “Che il tuo esempio di vita sia sempre un monito per tutti a non mollare, perché se non hai mollato tu, non lo faremo nemmeno noi. Ciao Luca, che il ricordo del tuo sorriso, sia la nostra pace”.
Per il funerale la famiglia ha chiesto di non inviare omaggi floreali, ma di effettuare una donazione alla Associazione Tetto Amico di Bologna con Iban IT53B 03359 01600 1000001418174, con la causale “Casa accoglienza Tetto Amico”

 

 

fonte: La Voce Rovigo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: