Header image
Approvato il regolamento per la videosorveglianza
Sette occhi elettronici controlleranno il territorio

SAN MARTINO DI VENEZZE – Via libera all’approvazione del regolamento per la videosorveglianza nel territorio sanmartinese. Questo l’argomento principale del consiglio comunale svoltosi venerdì sera nella sala consiliare di palazzo Mangilli. La seduta ha visto anche l’esordio del neo consigliere Maurizio Formenton della lista Democrazia per San Martino che ha preso il posto del dimissionario Pierpaolo Barison. Sei i punti discussi e approvati all’ordine del giorno, fra cui le modifiche al regolamento del distretto di Protezione civile Ro3, al regolamento per l’utilizzazione di liquami, letami e fanghi a fini agronomici, alla variazione parziale al Prg per la realizzazione di un capitello votivo voluto da alcuni cittadini in via della Libertà a Beverare, l’individuazione delle zone non metanizzate del territorio comunale e per ultimo la delega al sindaco per poter acquisire la documentazione necessaria per il progetto di fusione tra Ecogest e Asm ambiente per poter esprimere un giudizio consapevole in merito a tale fusione nell’assemblea provinciale del consorzio. Il consigliere di minoranza Tiziano Bonato, sostenuto dagli altri consiglieri Crivellari, Beggiao e Formenton, in merito a quest’ultimo punto ha evidenziato il poco tempo lasciato a disposizione alle minoranze per poter esaminare la delega al sindaco, chiedendo un rinvio di una settimana. In fase di voto però, il punto è stato approvato dalla maggioranza. Il nodo più importante ha riguardato l’approvazione del regolamento per la videosorveglianza che permetterà l’entrata in funzione delle sette telecamere dislocate sul territorio per monitorare, prevenire e garantire la sicurezza ai cittadini. Gli occhi elettronici sono stati posizionati in piazza Aldo Moro, nel retro di palazzo Mangilli, all’ingresso degli impianti sportivi di via Marconi, nel campo sportivo comunale di via Alighieri, nella biblioteca di via Maria Teresa Reato e nella frazione di Beverare, precisamente nei giardini pubblici di via della Libertà e di fronte alla chiesa di Santa Maria Assunta vicino al nuovo impianto semaforico. Questo nuovo servizio è stato reso possibile grazie a una convenzione con il Comune di Rovigo per il servizio di Polizia municipale che ha permesso il finanziamento da parte della Regione Veneto di 50mila per il Comune di San Martino per poter installare le nuove apparecchiature elettroniche.

Fonte: La Voce di Rovigo

Venerdì 30 Marzo convocato il consiglio comunale.
Tra i punti, l’approvazione sulla videosorveglianza

SAN MARTINO DI VENEZZE – Saranno cinque i punti all’ordine del prossimo consiglio comunale di San Martino convocato per venerdì 30 marzo alle 21 nella sala consiliare di palazzo Mangilli. Dopo aver esaminato i verbali della seduta precedente si passerà all’esame e all’approvazione delle modifiche al regolamento del distretto di Protezione civile denominato “Ro3”. Nel punto successivo sarà esaminata e approvato il regolamento comunale sulla videosorveglianza, per passare all’esame e all’approvazione del regolamento per l’utilizzazione per fini agronomici di letami, liquami, fanghi e composti assimilabili. Penultimo passaggio con la variante parziale al Prg per la realizzazione di un capitello votivo nella frazione di Beverare e l’ultimo punto sarà sull’individuazione delle zone non metanizzate del territorio comunale.

SAN MARTINO DI VENEZZE (Rovigo) – Scuole e piazza in primo piano a San Martino di Venezze. Nel comune polesano sono già partiti alcuni interventi di manutenzione e sicurezza degli edifici scolastici e in autunno partirà il progetto di riqualificazione della piazza antistante il municipio. Ad annunciarlo è il sindaco Vinicio Piasentini.
“Nelle scuole materne i tecnici sono all’opera per realizzare alcuni lavori di ordinaria manutenzione – spiega – come la sostituzione di una porta e della potatura degli alberi. Alle elementari, invece, stiamo provvedendo alla sostituzione dei serramenti. L’intervento costa 135 mila euro ed è in parte finanziato dalla Regione Veneto. Per le scuole medie sono stati acquistati 40 nuovi banchi che andranno a sostituire quelli vecchi”.
Quanto alla piazza del municipio, l’intervento che partirà a settembre prevede il rifacimento della pavimentazione, arredo ed illuminazione dell’area per un importo di 40 mila euro. “In quel periodo – aggiunge Piasentini – verrà installato l’impianto di videosorveglianza previsto dalla convenzione firmata con il Comune di Rovigo e il distretto delle polizie municipali delle due amministrazioni”.
Sono previste 4 telecamere fisse e 4 cosiddette “speedy dome”, che verranno montate in 5 punti del territorio: sul retro del municipio, nella piazza di San Martino, nei giardini antistanti la scuola materna, all’ingresso e sotto le tribune degli impianti sportivi e nella frazione di Beverare, nei giardini delle ex scuole elementari. Il progetto, dell’importo di 50 mila euro, è finanziato dalla Regione Veneto.

Fonte: www.rovigooggi.it del 27.07.2011 – Elisa Barion

Roberto MerlinChiamato in causa dalle ultime esternazioni di Tiziano Bonato, candidato del Pdl e della Lega, il sindaco di San Martino, Roberto Merlin, si sente in dovere in qualità di primo cittadino di rispondere alle ingiustificate provocazioni che nascondono, a detta del sindaco, “l’unico intento di creare confusione e disinformazione mettendo in cattiva luce l’operato del sottoscritto”. “Non è onesto”, prosegue Merlin, “fare campagna elettorale andando a raccontare in giro cose assurde e palesemente prive di ogni fondamento”. “Nei giorni scorsi”, insiste il sindaco “ho dovuto replicare già una volta alle affermazioni di Bonato, il quale andava sostenendo di voler attivare il servizio di videosorveglianza, servizio che sarà attivato a breve e per il quale abbiamo già ottenuto dalla Regione un contributo di 50.000 euro.

Oggi mi vedo costretto a rispondere, anche se non sarebbe stato nelle mie intenzioni, ad un’altra uscita sconclusionata di Bonato”. “Il candidato di Pdl e Lega sostiene nell’articolo del 7 maggio apparso su La Voce di Rovigo, che terminerà i lavori del nuovo Ceod. Invito Bonato e tutti i cittadini a recarsi dietro la Palestra di via Marconi a vedere di persona il nuovo fabbricato per il Ceod. L’opera è ultimata e a breve partirà il servizio, attualmente svolto presso le ex scuole di Beverare”. Quindi, prosegue Merlin “Approfitto dell’occasione per ricordare che il nuovo Ceod è stato un progetto ereditato proprio dall’amministrazione Bonato, privo però della copertura economica necessaria, che io sono riuscito a finanziare e a far eseguire”. “Così come privo della necessaria copertura era anche il progetto di messa in sicurezza dell’incrocio di via Marconi che io e la mia amministrazione siamo riusciti a finanziare e far realizzare”. Ma Merlin non si ferma a questo e affonda un’ulteriore stoccata all’ex sindaco.

“Ricordo poi a Bonato, visto che sostiene che la mia amministrazione non ha gestito bene il bilancio, che al mio insediamento nel 2006 ho ricevuto in eredità, proprio dall’ex sindaco un debito complessivo per mutui da pagare di € 2.538.700, con una rata annua di € 399.471 ed un introito annuo per lo sfruttamento del biogas della discarica di € 7.000. Oggi lascio in eredità a chi mi succederà una situazione incontrovertibilmente migliore: il debito complessivo per mutui ammonta ad € 943.671 e la rata annua ad € 126.291 mentre l’introito per lo sfruttamento del biogas della discarica ammonta ad € 130.000, dopo aver ottenuto dal Tar Veneto e dal Consiglio di Stato il pieno riconoscimento della titolarità in capo al nostro comune della discarica e del diritto allo sfruttamento del gas prodotto, ”. “Basta fare due conti”, insiste Merlin, “e risulterà chiaro a tutti il grosso sforzo che abbiamo dovuto compiere per rimediare ad una situazione che era diventata insostenibile”. E terminando il suo intervento il sindaco chiude con un’altra precisazione e con un augurio.

“I miei cinque anni sono stati indiscutibilmente difficili per le grandi battaglie che ho dovuto affrontare proprio per ottenere tutto questo. Ho ricevuto pressioni di ogni genere ed ho subito ogni tipo di affronto. Tuttavia, con l’aiuto delle forze che mi hanno sempre sostenuto, sono riuscito a realizzare gli obiettivi che mi ero prefisso. Sono sicuro di avere agito per il bene di tutti, anche di coloro che per disinformazione ancora oggi non conoscono la verità e mi auguro, comunque, che chi andrà ad amministrare il nostro Comune nei prossimi cinque sia il sindaco di tutti ed abbia il coraggio e la forza di rappresentare e difendere in ogni circostanza indistintamente ognuno di noi cittadini di San Martino”.

Fonte: La Voce di Rovigo del 12.05.2011

Roberto MerlinIl sindaco di San Martino di Venezze, Roberto Merlin, interviene in merito a quanto affermato dal candidato del Pdl Tiziano Bonato e dal segretario provinciale della Lega Nord, Antonello Contiero, nell’intervista pubblicata il 30 aprile sul nostro giornale. “In relazione alla proposta di attivazione del servizio di videosorveglianza sul nostro territorio avanzata dai due esponenti politici, è appena il caso di ricordare che la mia Amministrazione ha già sottoscritto in data 14/10/2010 una convenzione ad oggetto: Distretto di Polizia Locale RO2B con il comune di Rovigo, in attuazione delle deliberazioni dei Consigli Comunali di Rovigo e San Martino del 29/09/2010 e 30/09/2010, che prevede una stretta collaborazione di entrambe le polizie municipali per il controllo e la sorveglianza del nostro territorio e, proprio in virtù di tale convenzione, la Regione Veneto ha erogato un contributo al distretto pari a € 166.320, di cui € 50.000 per l’installazione di strumenti per la video-sorveglianza nel comune di San Martino di Venezze”.
Esordisce il sindaco, che aggiunge “mi dispiace che il candidato del Pdl non sia a conoscenza di questo, ma non sono stupito più di tanto perché, purtroppo, i consiglieri del Pdl Legnaro e Neodo che sono di nuovo in lista con Bonato hanno quasi sempre disertato i Consigli Comunali ed, evidentemente, non hanno potuto riferire al loro capolista le tante cose già fatte dalla mia amministrazione.” Merlin ci riferisce poi in merito al problema dell’ecocentro. “Ho sentito, in questi giorni di campagna elettorale, che sia Bonato che Barison propongono agli elettori la riapertura dell’eco-centro di Via Borgo Sud. Devo precisare, nella mia qualità di primo cittadino, che la decisione di chiudere i cosiddetto ”eco-centro” non è stata certamente dettata dall’intenzione di creare problemi alla cittadinanza, ci mancherebbe!.
Purtroppo tale sito, e i due candidati entrambi ex sindaci dovrebbero ben saperlo, non era mai stato adatto allo scopo e non poteva continuare ad essere utilizzato senza i necessari adeguamenti. Abbiamo già effettuato approfonditi studi per individuare un’area più appropriata e quantificato le spese per la riattivazione che ammontano a circa 250.000 euro. Abbiamo già preso contatti con Ecogest per vagliare l’ipotesi di pervenire alla realizzazione del manufatto attraverso un’anticipazione dell’investimento da parte della società stessa. Comunque la convenzione con Ecogest soddisfa attualmente la totalità delle richieste di smaltimento dei materiali ingombranti delle famiglie”. Il sindaco conclude il suo intervento con un accenno anche al tema della viabilità. “Il 24 luglio 2009 è stato approvato lo schema di accordo tra la provincia di Rovigo ed i comuni di San Martino, Gavello, Ceregnano, Villadose e Rovigo per la realizzazione del collegamento stradale che si dipartirà dal nostro Comune per congiungersi con la futura “Nogara-Mare”.

Fonte: La Voce di Rovigo del 03.04.2011

Lega Nord e PDL siglato accordo per le Amministrative 2011 a San Martino di VenezzeSAN MARTINO DI VENEZZE – Antonello Contiero e Cristiano Corazzari lanciano il candidato sindaco della coalizione Pdl – Lega per San Martino di Venezze. Pronto con il simbolo che racchiude i due partiti del centrodestra, Bonato svela anche i primi punti del programma per “portare a San Martino la ventata di cambiamento di cui ha bisogno”. Da sanmartinese, Contiero parla di un “Comune fermo per cinque anni, autoisolato e bisognoso della fiducia che solo un candidato stimato come Tiziano Bonato può offrire”. I punti del programma per rilanciare San Martino passano sicurezza, videosorveglianza, politiche di sostegno demografico e appoggio della Regione nella misura in cui, sottolinea Cristiano Corazzari, esiste una continuità tra il Comune e gli organismi politici regionale e nazionale: “Bonato è il candidato quindi – dichiara Corazzari – che meglio garantisce la connessione con gli enti superiori”.

“Al paese di San Martino in questi anni è mancata una rete – spiega Tiziano Bonato – che permetta di programmare su piani sovramunicipali la viabilità per esempio. Basti pensare allo sviluppo della viabilità di Villadose che deve proseguire per San Martino. Oltre a questo i cittadini ci chiedono videosorveglianza vicino alle scuole e nelle zone sensibili; chiederemo alla Regione i finanziamenti a progetti specifici. Vogliamo anche riattivare il servizio dell’Ecocentro, insomma vogliamo un Comune che torni alla normalità”. Altri punti, legati all’associazionismo e al sociale saranno sviluppati nei prossimi giorni.

Fonte: La Voce di Rovigo del 30.04.2011

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: