Header image

Videosorveglianza, si parte

Articolo del 05.04.2012 - Scritto da civicovenezze in Amministrazione Comunale
Approvato il regolamento per la videosorveglianza
Sette occhi elettronici controlleranno il territorio

SAN MARTINO DI VENEZZE – Via libera all’approvazione del regolamento per la videosorveglianza nel territorio sanmartinese. Questo l’argomento principale del consiglio comunale svoltosi venerdì sera nella sala consiliare di palazzo Mangilli. La seduta ha visto anche l’esordio del neo consigliere Maurizio Formenton della lista Democrazia per San Martino che ha preso il posto del dimissionario Pierpaolo Barison. Sei i punti discussi e approvati all’ordine del giorno, fra cui le modifiche al regolamento del distretto di Protezione civile Ro3, al regolamento per l’utilizzazione di liquami, letami e fanghi a fini agronomici, alla variazione parziale al Prg per la realizzazione di un capitello votivo voluto da alcuni cittadini in via della Libertà a Beverare, l’individuazione delle zone non metanizzate del territorio comunale e per ultimo la delega al sindaco per poter acquisire la documentazione necessaria per il progetto di fusione tra Ecogest e Asm ambiente per poter esprimere un giudizio consapevole in merito a tale fusione nell’assemblea provinciale del consorzio. Il consigliere di minoranza Tiziano Bonato, sostenuto dagli altri consiglieri Crivellari, Beggiao e Formenton, in merito a quest’ultimo punto ha evidenziato il poco tempo lasciato a disposizione alle minoranze per poter esaminare la delega al sindaco, chiedendo un rinvio di una settimana. In fase di voto però, il punto è stato approvato dalla maggioranza. Il nodo più importante ha riguardato l’approvazione del regolamento per la videosorveglianza che permetterà l’entrata in funzione delle sette telecamere dislocate sul territorio per monitorare, prevenire e garantire la sicurezza ai cittadini. Gli occhi elettronici sono stati posizionati in piazza Aldo Moro, nel retro di palazzo Mangilli, all’ingresso degli impianti sportivi di via Marconi, nel campo sportivo comunale di via Alighieri, nella biblioteca di via Maria Teresa Reato e nella frazione di Beverare, precisamente nei giardini pubblici di via della Libertà e di fronte alla chiesa di Santa Maria Assunta vicino al nuovo impianto semaforico. Questo nuovo servizio è stato reso possibile grazie a una convenzione con il Comune di Rovigo per il servizio di Polizia municipale che ha permesso il finanziamento da parte della Regione Veneto di 50mila per il Comune di San Martino per poter installare le nuove apparecchiature elettroniche.

Fonte: La Voce di Rovigo

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 You can leave a response, or trackback.

Lascia un Commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: